Indietro

ⓘ Candidato (antica Roma)




                                     

ⓘ Candidato (antica Roma)

Nellantica Roma, il candidato era colui che si presentava alle elezioni per una carica politica o amministrativa. Etimologicamente, il termine si riferisce al fatto che i candidati alle cariche politiche indossavano, per farsi riconoscere, una toga di un bianco particolarmente intenso.

                                     

1. La toga

La toga degli antichi romani era un unico pezzo di lana semicircolare, molto ampio, che si indossava sopra la tunica. Per loccasione, il bianco sporco della lana veniva trattato con agenti sbiancanti fino a portarlo ad una tonalità il più splendente possibile. Il bianco come segno di purezza, di candore. La toga candida era quindi il segno distintivo del candidato.

                                     

2. Modalità della candidatura

Il nome del competitore veniva riportato sulle tabulae dealbatae, specie di lavagne bianche che erano esposte al populus nel Foro. Il competitore organizzava dei comizi nelle saepta capaci di contenere fino a 70.000 persone, comizi dove elencava le proprie virtù e capacità e faceva le ultime esortazioni e promesse.

Esisteva una certa propaganda elettorale. Famosi i manifesti pubblicitari, sotto forma di iscrizioni parietali, perfettamente conservati dalle ceneri, ritrovati negli scavi di Pompei, che risalgono al 79 d.C.:

  • "Si invita a votare Bruttio Balbo che conserverà la cassa municipale".
  • "Vi prego di eleggere Giulio Polibio edile, fa del buon pane".
  • "Vi prego di eleggere Lucio Rusticelio Celere che è degno della municipalità".

Esisteva la corruzione, la compravendita dei voti mediante banchetti sontuosi, regali, posti a teatro, giochi gladiatori allestiti per loccasione. Leggi ad hoc furono promulgate in occasione delle elezioni come la ciceroniana legge che vietava di organizzare giochi gladiatori due anni prima della candidatura ad una carica; o la lex Petelia de ambitu con la quale si limitava l’ ambitio, cioè leccessivo darsi da fare dei competitori.

Esistevano le spese elettorali, solitamente alte, a carico del candidato, che in caso di elezione venivano rimborsate tramite l ornatio. Confessa Cicerone che occorreva essere molto ricchi per aspirare a cariche politiche; chi non aveva mezzi, facultates non erant ", doveva starsene in disparte.

                                     
  • papato Il candidato dei conservatori era Antonio Gabriele Severoli, considerato contrario alla politica interventista di Metternich. Il candidato dell altro
  • Il sequester lett. mediatore era nell antica Roma la persona cui un candidato ad una magistratura affidava le somme di denaro che sarebbero servite a
  • intraprendere un compito del genere nei nostri tempi, e la Storia economica di Roma antica tradotta in tedesco, spagnolo, inglese. A lui sono intitolati il Dipartimento
  • l avesse richiesta per un altro candidato il 30 aprile dello stesso anno il re scrisse al suo ambasciatore a Roma per chiedere le sue dimissioni, a
  • elezioni pontificie, o promette il proprio appoggio o il proprio voto ad un candidato o fomenta riunioni private per deliberare sulle future elezioni, costui
  • 2016 annuncia la sua candidatura alle Primarie del PD per il candidato a Sindaco di Roma venendo appoggiato in prevalenza dalla minoranza Dem. Tra gli
  • Giovanni XIII. Confermò la supremazia della sede di Treviri come la più antica del territorio tedesco favorì i monasteri riformatori e proibì in modo
  • Gregorio Papareschi Roma . Roma 24 settembre 1143 è stato il 164º papa della Chiesa cattolica dal 1130 alla morte. Nato a Roma in data sconosciuta

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...