Indietro

ⓘ Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam




Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam
                                     

ⓘ Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam

Fortunato Santospirito è un giovane originario di Trevico, in provincia di Avellino, che giunge a Torino per lavorare in Fiat. Le sue prime immagini della città sono latrio della stazione di Porta Nuova, la mensa dei poveri e il dormitorio pubblico.

Conosce un prete che gli espone la situazione degli immigrati e gli dà le prime informazioni; a Porta Palazzo fa amicizia con un sindacalista comunista, anchegli campano. Le sue frequentazioni dopo il lavoro sono i luoghi di riunione dei meridionali e i gruppi di estrema sinistra.

Con una miscela di documentario e fiction, il film ritrae i diversi problemi con cui Fortunato deve confrontarsi: quello dellalloggio, la distanza dagli affetti, il razzismo, le condizioni di lavoro, lamore non corrisposto per una ragazza borghese, ex studentessa, che ha abbandonato la propria classe di riferimento per votarsi alla protesta. Attraverso lesperienza di fabbrica e il rapporto con il sindacalista e la ragazza, nasce in Fortunato la coscienza della propria condizione di sfruttato.

                                     

1. Produzione

Il film è stato girato in 16mm e con una piccola troupe dalla Unitelefilm, la casa cinematografica dellallora PCI, scritto e diretto da Ettore Scola e sceneggiato dal giornalista torinese Diego Novelli, che due anni dopo sarebbe diventato sindaco di Torino.

Se si eccettuano gli attori principali, tutti gli altri non sono professionisti: nei titoli, attori e tecnici sono presentati in puro ordine alfabetico, senza alcuna indicazione di ruolo. Il termine Fiat-Nam nel titolo è un riferimento al Vietnam e alla Guerra in Vietnam, che allepoca del film volgeva al termine.

Nel 2018, il Museo Nazionale del Cinema di Torino e la Fondazione Cineteca di Bologna hanno effettuato in collaborazione un restauro digitale del film, a partire dalloriginale negativo in 16mm conservato presso lIstituto Luce Cinecittà di Roma.