Indietro

ⓘ Sovrani dei Paesi Bassi




Sovrani dei Paesi Bassi
                                     

ⓘ Sovrani dei Paesi Bassi

La Repubblica delle Province Unite esistette dal 1581 al 1795. A partire dal 1747, tuttavia, gli Stati Generali approvarono una riforma che trasformava di fatto lo stato in una monarchia costituzionale: il principe Guglielmo IV dOrange-Nassau, che già ricopriva la carica di Statolder di Frisia e Groninga, fu scelto come unico Statolder per tutta la Repubblica e la carica fu resa ereditaria.

                                     

1. Re dOlanda, Bonaparte 1806-1810

Il Regno dOlanda fu uno stato fantoccio dellimpero francese di Napoleone Bonaparte esistito per soli 4 anni. Napoleone affidò la corona dOlanda al fratello Luigi, il quale abdicò in una situazione molto compromessa a favore del figlio che regnò per soli 9 giorni.

                                     

2. Principi Sovrani delle Province Unite, Orange-Nassau 1813-1815

In seguito alla Restaurazione le Province Unite tornarono una nazione indipendente guidata dalla casata di Orange-Nassau. Il Congresso di Vienna stabilì la loro unione con il futuro Belgio, e lo stato fu ribattezzato Regno dei Paesi Bassi.

                                     

3. Re dei Paesi Bassi e Granduchi di Lussemburgo, Orange-Nassau 1815-1890

Nel 1830 ebbe luogo la rivoluzione belga che portò allindipendenza del Belgio, tuttavia il sovrano dei Paesi Bassi continuò a reclamare la sovranità sul Belgio fino a quando accettò il Trattato dei XXIV articoli 19 aprile 1839. In seguito a questo trattato perse anche parte del Lussemburgo e del Limburgo.

                                     

4. Re dei Paesi Bassi, Orange-Nassau 1890-attuale

Nel Regno dei Paesi Bassi il passaggio della corona ad una donna era consentito in assenza di eredi maschi del defunto sovrano, viceversa nel Granducato del Lussemburgo era in vigore la legge salica poi modificata in legge semi-salica che non consente laccesso al trono alle donne, pertanto Guglielmina poté ascendere al trono dei Paesi Bassi ma non a quello del Lussemburgo, che passò nelle mani del parente maschio più prossimo, ovvero Adolfo.