Indietro

ⓘ Diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo




Diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo
                                     

ⓘ Diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo

La diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo è una sede della Chiesa cattolica in Svizzera immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2016 contava 624.921 battezzati su 1.720.000 abitanti. È retta dal vescovo Charles Morerod, O.P.

                                     

1. Territorio

La diocesi comprende per intero i cantoni svizzeri di Neuchâtel, Friburgo e Ginevra e gran parte di quello di Vaud.

Sede vescovile è la città di Friburgo, dove si trova la cattedrale di San Nicola. A Losanna e a Ginevra sorgono le ex cattedrali di Notre-Dame e di San Pietro.

Il territorio si estende su 5.566 km² ed è suddiviso in 244 parrocchie, raggruppate in 20 decanati. Dal punto di vista pastorale la diocesi è divisa in cinque vicariati episcopali: quattro di questi corrispondono ai quattro cantoni su cui la diocesi estende la propria giurisdizione; il quinto vicariato ha un carattere personale e riguarda i fedeli diocesani di lingua tedesca.

                                     

2. Storia

La diocesi di Losanna fu eretta nel VI secolo, con territorio ricavato da quello delle diocesi di Ginevra e di Basilea, entrambe già attestate nel IV secolo; e comprendeva i territori dellantica civitas Helvetiorum romana.

Capitale della civitas era la città di Avenches Aventicum, ma i primi vescovi documentati nel territorio elvetico risiedevano a Vindonissa, lodierna Windisch, portando il doppio titolo di vescovi di Avenches e Windisch. Bubulco, primo vescovo conosciuto nel concilio di Epaon del 517, si presentò come episcopus civitatis Vindoninsis. Grammazio nel concilio del 535 si firmò come episcopus ecclesiae Aventicae, mentre nel 541 e nel 549 come episcopus civitatis Vindonensium. San Mario, verso la fine del VI secolo, si presentò ancora come episcopus ecclesiae Aventicae, anche se lui stesso sembra abbia posto per primo la residenza episcopale a Losanna dove fondò la chiesa principale e vi fu sepolto.

Questa documentazione ha portato Besson e Duchesne a concludere che, benché capitale della civitas Helvetiorum, Avenches non ebbe mai probabilmente dei vescovi residenti, forse perché la città era stata distrutta dagli Alemanni già nel 264; i vescovi allora posero la loro residenza dapprima a Windisch e poi a Losanna, conservando però per un certo periodo il titolo di episcopi ecclesiae Aventicae.

La civitas degli Elvezi faceva parte della provincia romana della Maxima Sequanorum, come attestato dalla Notitia Galliarum dellinizio del V secolo. Con laffermarsi dellorganizzazione ecclesiastica, la diocesi di Losanna entrò a far parte della provincia ecclesiastica dellarcidiocesi di Besançon, antica capitale provinciale. Contestualmente al trasferimento della sede a Losanna, la diocesi cedette la parte centro-settentrionale dellantica civitas Helvetiorum per la formazione della diocesi di Costanza.

A partire dallVIII secolo la diocesi organizzò le proprie strutture. Il più antico catalogo episcopale risale al X secolo. Sono documentati vescovi ausiliari dal 1299 fino a metà del XVI secolo. La figura del vicario generale appare per la prima volta verso la metà del XIV secolo. La più antica menzione del capitolo della cattedrale risale ad un diploma di Ludovico il Pio dell814; nel tempo acquisì una propria mensa, ossia propri beni, di cui i più importanti erano i possedimenti di Dommartin, Essertines-sur-Yverdon, Saint-Prex, oltre a Crans-près-Céligny, che si trovava nella diocesi di Ginevra. Il capitolo di Losanna, che non di rado entrò in conflitto con il proprio vescovo, fu soppresso nel 1536. Nel 1493 si registravano 292 parrocchie, suddivise in 9 decanati. Infine la diocesi possedeva un alto numero di istituzioni ecclesiastiche quali monasteri, abbazie e collegiate; prima del 1536 se ne contavano 123.

Allepoca del vescovo Landrich di Dornach 1160-1178 fu iniziata la costruzione della cattedrale di Losanna, ultimata verso la metà del XIII secolo. Fu consacrata e dedicata alla Beata Vergine Maria il 20 ottobre 1275 alla presenza di papa Gregorio X e dellimperatore Rodolfo I dAsburgo.

Negli anni 1270 i vescovi di Losanna ottennero anche il titolo di principi Il territorio su cui esercitavano il loro potere temporale era tuttavia molto più piccolo rispetto a quello su cui esercitavano il potere spirituale: comprendeva Losanna e, nei dintorni, Lavaux, Avenches, Lucens, Bulle, Riaz e La Roche. Nel 1536, con la conquista di Vaud da parte di Berna, ebbe termine il potere temporale del principe vescovo di Losanna, che tuttavia mantenne il titolo di principe dellImpero fino al 1803.

Con lavvento della riforma protestante, il vescovo di Losanna perse anche buona parte del suo potere spirituale, ridotto ormai al solo cantone di Friburgo e a qualche altro territorio circostante. Delle 292 parrocchie registrate nel 1493, la diocesi era scesa verso la fine del XVI secolo a 95 parrocchie cattoliche. La Controriforma permise un aumento del loro numero, che nel 1665 era di 125 parrocchie, distribuite in 15 decanati.

Lo stesso vescovo dovette abbandonare Losanna, vivendo in esilio per diversi anni in Savoia, Borgogna e Franca Contea, prima di stabilirsi definitivamente a Friburgo a partire dal 1663, in seguito agli accordi che intercorsero fra la Santa Sede le autorità cantonali, che tuttavia non prevedevano listituzione di una nuova diocesi e nemmeno di conseguenza lerezione di una cattedrale a Friburgo.

Nessun vescovo di Losanna partecipò mai al concilio di Trento le sue decisioni furono tardivamente introdotte nella diocesi. Solo nel 1795, per esempio, fu aperto un seminario maggiore a Friburgo in linea con le direttive del concilio tridentino.

In seguito alla rivoluzione francese e alla bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801, la diocesi di Losanna dovette cedere le parrocchie che possedeva nella Franca Contea allarcidiocesi di Besançon, le parrocchie cattoliche nel canton Soletta e nel canton Berna alla diocesi di Basilea.

In compenso la diocesi fu liberata dalla dipendenza dellarcidiocesi di Besançon e divenne immediatamente soggetta alla Santa Sede. Inoltre, nei primi decenni del XIX secolo, alcune decisioni di Roma favorirono la diocesi di Losanna:

  • ancora nel 1821 la sede di Losanna acquisì ulteriori territori del canton Vaud posti sulla riva destra dellAubonne.
  • il 30 settembre 1819 papa Pio VII con il breve Inter multiplices scorporò dal territorio dellarcidiocesi di Chambéry le parrocchie cattoliche del canton Ginevra le unì a Losanna;
  • il 30 gennaio 1821, con il breve Temporum vices di papa Pio VII, ai vescovi di Losanna fu concesso il titolo di vescovi di Ginevra, e contestualmente la diocesi ha assunto il nome di diocesi di Losanna e Ginevra;

Con listaurarsi del principio della libertà religiosa, fedeli cattolici poterono stabilirsi in città a maggioranza protestante, che fino ad allora erano precluse ai cattolici.

Nel corso del XIX secolo la diocesi fu inoltre coinvolta nella guerra del Sonderbund; in questo contesto il vescovo Etienne Marilley fu bandito dalla diocesi dal 1848 al 1856 e dovette governare il proprio gregge dallesilio di Divonne in Alta Savoia.

Nel 1864 Gaspard Mermillod fu nominato vescovo ausiliare di Losanna, con residenza a Ginevra e nel 1873 fu nominato vicario apostolico della città. Questo, che fu visto come un tentativo di ripristinare lantica sede ginevrina, portò ad uno scontro aperto tra il Mermillod le autorità ginevrine che convinsero il Consiglio federale svizzero ad espellere il Mermillod. La pace ritornò quando Mermillod fu nominato nel 1883 vescovo di Losanna e Ginevra.

Il 17 ottobre 1924 la diocesi ha assunto il nome attuale in forza della bolla Sollicitudo omnium di papa Pio XI. Solo in questa occasione la collegiata di San Nicola di Friburgo fu eretta a cattedrale diocesana con un proprio capitolo di canonici: per la prima volta dopo il 1536 la diocesi aveva una propria cattedrale. Nel 1968, grazie anche al considerevole aumento del numero dei cattolici frutto dellimmigrazione italiana, spagnola e portoghese, fu ripristinata la figura del vescovo ausiliare.

Nel 2006 il vescovo Bernard Genoud, per la prima volta dopo la riforma protestante, ha potuto celebrare una messa nellantica cattedrale di Losanna, su invito della Chiesa evangelica riformata del canton Vaud.

                                     

3.1. Cronotassi dei vescovi Vescovi di Avenches e Windisch

  • Grammazio † prima del 535 - dopo il 549
  • Bubulco † menzionato nel 517
                                     

3.2. Cronotassi dei vescovi Vescovi di Losanna

  • Heinrich von Lenzburg † agosto 1039 - circa 1051/1056
  • Lambert de Grandson † 25 marzo 1090 - 1090 o 1091 dimesso
  • San Protasio † menzionato nel 652 circa
  • Arrico † menzionato nel 650
  • Ruggero da Vicopisano † circa 1178/1179 - 8 gennaio 1212 dimesso
  • Ugo di Borgogna † settembre 1018 o 1019 - 31 agosto 1037 deceduto
  • Sant Amedeo di Clermont † 21 gennaio 1145 - 27 agosto o settembre 1159 deceduto
  • Enrico di Borgogna † 985 - 16 gennaio 1018 o 1019 deceduto
  • Beroldo di Borgogna † 932 - 947 deceduto
  • Guillaume dEcublens † 16 aprile 1221 - 23 marzo 1229 deceduto
  • Filippo di Savoia † 15 luglio 1239 - 1241 dimesso vescovo eletto
  • Kuno von Fénis o von Hasenburg † circa 1090 o 1091 - dopo il 1103
  • Chilmegisilo † menzionato nel 668 circa
  • Sant Udalrico † fine VIII secolo
  • Beato Bonifacio Clutinc † 11 marzo 1231 - 15 luglio 1239 dimesso
  • Eginolfo di Kyrburg † 968 - 19 gennaio? 985 deceduto
  • Gerolamo † 20 giugno 881 consacrato - dopo il 27 aprile 892 deceduto
  • Guy de Maligny † circa 1130 - dopo febbraio 1144 deposto
  • Landri de Durnes † circa 1160 - circa 1178/1179 dimesso
  • Fredario † prima di luglio 814 - circa 825 deceduto
  • Boso † 4 dicembre 892 consacrato - 927 deceduto
  • Artmanno † 6 marzo 851 o 852 - 14 aprile 878 deceduto
  • Magnerio † 947 - 968 deceduto
  • David † 827 - 850 deceduto
  • Gérold o Gérard de Faucigny † circa 1107 - 1º luglio dopo il 1127 deceduto
  • Berthold de Neuchâtel † 13 gennaio 1212 - 13 luglio 1220 deceduto
  • Libo † 927 - 932 deceduto
  • Gérard de Rougemont † 24 luglio 1220 - 26 marzo 1221 nominato arcivescovo di Besançon
  • Burkhard von Oltingen † circa 1057 - 24 dicembre 1089 deceduto
  • San Mario † 574 - 31 dicembre 594 deceduto
  • Jean Bertrand † 6 maggio 1341 - 20 novembre 1342 nominato vescovo di Tarantasia
  • Aimo di Cossonay † 8 giugno 1355 - 6 marzo 1375 deceduto
  • Aimone di Séchal † 24 giugno 1394 - 1394 dimesso amministratore apostolico
  • Jean dArcillon † 26 ottobre 1323 - 15 febbraio 1341 deceduto
  • Guillaume di Champvent † 21 luglio 1273 - 21 marzo 1301 deceduto
  • François di Montfaucon † 23 marzo 1347 - 28 settembre 1354 deceduto
  • Gerhard di Wippingen † 28 dicembre 1301 - 30 luglio 1309 nominato vescovo di Basilea
  • Othon di Champvent † 30 luglio 1309 - 19 aprile 1312 deceduto
  • Jean di Cossonay † 1º agosto 1242 - 18 giugno 1273 deceduto
  • Goffroi di Lucigne † 20 novembre 1342 - 19 febbraio 1347 nominato vescovo di Carpentras
  • Guy di Prangins † 19 marzo 1375 - 11 giugno 1394 deceduto
  • Pierre dOron † 1º ottobre 1313 - 27 marzo 1323 deceduto
  • Guillaume di Challant, O.S.B. † 13 agosto 1406 - 20 maggio 1431 deceduto
  • Giorgio di Saluzzo † 10 aprile 1440 - 5 novembre 1461 deceduto
  • Jean Michaelis † 3 giugno 1466 - 28 dicembre 1468 deceduto
  • Jean di Prangins † 4 novembre 1433 - 1440 nominato vescovo di Aosta
  • Guillaume di Varax † 18 aprile 1462 - 11 aprile 1466 deceduto
  • Guillaume di Menthonay † 7 agosto 1394 - 8 luglio 1406 deceduto
  • Louis de La Palud, O.S.B.Clun. † 6 giugno 1431 - 4 novembre 1433 nominato vescovo di Avignone
  • Barthélémi Chuet † 1469 - 1472 amministratore apostolico
  • Aymon di Montfalcon † 16 maggio 1491 - 10 agosto 1517 deceduto
  • Jean de Watteville, O.Cist. † 10 giugno 1609 - 22 luglio 1649 deceduto
  • Jean Doroz † 13 agosto 1600 - 26 agosto 1607 deceduto
  • Jacques Duding, S.M.O.M. † 1º agosto 1707 - 16 novembre 1716 deceduto
  • Jean-Baptiste dOdet † 27 giugno 1796 - 29 luglio 1803 deceduto
  • Berndard-Emmanuel François-Pierre de Lenzbourg, O.Cist. † 17 febbraio 1783 - 14 settembre 1795 deceduto
  • Giuliano della Rovere † 31 gennaio 1472 - 15 luglio 1476 nominato vescovo di Coutances, poi eletto papa con il nome di Giulio II
  • Benoît di Montferrand † 15 luglio 1476 - 8 maggio 1491 deceduto
  • Antoine de Garrevod † 7 novembre 1565 - 24 febbraio 1598 deceduto
  • Jost Knab † 16 dicembre 1652 - 4 ottobre 1658 deceduto
  • Jean-Baptiste de Strambino, O.F.M. † 26 giugno 1662 - 29 giugno 1684 deceduto
  • Claude-Antoine Duding, S.M.O.M. † 23 dicembre 1716 - 16 giugno 1745 deceduto
  • Claude-Louis Alardet † 17 luglio 1560 - 1561 deceduto
  • Henri Fuchs † 4 ottobre 1658 - 26 giugno 1662 dimesso
  • Joseph-Nicolas de Montenach † 12 febbraio 1759 - 5 maggio 1782 deceduto
  • Joseph-Antoine Maxime Guisolan † 26 marzo 1804 - 9 dicembre 1814 deceduto
  • Pierre-Tobie Yenni † 10 luglio 1815 - 30 gennaio 1821 nominato vescovo di Losanna e Ginevra
  • Sébastien di Montfalcon † 10 agosto 1517 succeduto - 1560 deceduto
  • Pierre de Montenbach † 20 dicembre 1688 - 6 luglio 1707 deceduto
  • Joseph-Hubert de Boccard † 9 marzo 1746 - 29 agosto 1758 deceduto


                                     

3.3. Cronotassi dei vescovi Vescovi di Losanna, Ginevra e Friburgo

  • Amédée Antoine-Marie Grab, O.S.B. † 9 novembre 1995 - 12 giugno 1998 nominato vescovo di Coira
  • François Charrière † 20 ottobre 1945 - 29 dicembre 1970 ritirato
  • Charles Morerod, O.P., dal 3 novembre 2011
  • Marius Besson † 17 ottobre 1924 - 22 febbraio 1945 deceduto
  • Pierre Mamie † 29 dicembre 1970 - 9 novembre 1995 ritirato
  • Bernard Genoud † 18 marzo 1999 - 21 settembre 2010 deceduto

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...