Indietro

ⓘ Quaresima




Quaresima
                                     

ⓘ Quaresima

La Quaresima è una delle ricorrenze che la Chiesa cattolica e altre chiese cristiane celebrano lungo lanno liturgico. È un periodo di circa quaranta giorni che precede la celebrazione della Pasqua; secondo il rito romano inizia il Mercoledì delle Ceneri e si conclude il Giovedì santo, mentre secondo il rito ambrosiano parte dalla domenica successiva al Martedì grasso e si conclude il Giovedì santo con linizio del Triduo pasquale.

Tale periodo è caratterizzato dallinvito alla conversione a Dio. Sono pratiche tipiche della quaresima il digiuno ecclesiastico e altre forme di penitenza, la preghiera più intensa e la pratica della carità. È un cammino che prepara alla celebrazione della Pasqua, che è il culmine delle festività cristiane.

Ricorda i quaranta giorni trascorsi da Gesù nel deserto dopo il suo battesimo nel Giordano e prima del suo ministero pubblico. È anche il periodo in cui i catecumeni vivono lultima preparazione al loro battesimo.

                                     

1. Significato dei quaranta giorni

La durata della Quaresima è di circa quaranta giorni. In realtà, nel rito romano, il calcolo esatto arriva a quarantaquattro giorni. Alla fine del V secolo, e ancora oggi nel rito ambrosiano, la quaresima iniziava di domenica 1º giorno, durava cinque settimane complete 5x7=35 giorni e si concludeva il giovedì della settimana santa con lultima domenica di Quaresima e altre quattro ferie, cioè altri cinque giorni, per un totale di quaranta giorni esatti. Alla fine del V secolo linizio venne anticipato al mercoledì precedente la prima domenica altri quattro giorni, e furono inclusi il Venerdì santo e il Sabato santo nel computo della Quaresima, arrivando così in tutto a quarantasei giorni. Poiché le sei domeniche di Quaresima non sono giorni di digiuno, in tutto il tempo di Quaresima rimangono quaranta giorni esatti di digiuno ecclesiastico prima della Pasqua.

Con la riforma liturgica il Triduo pasquale della passione, morte e risurrezione di Cristo ha riacquistato una sua autonomia liturgica, e il tempo di Quaresima termina nel rito romano prima della messa in Cena Domini del Giovedì Santo. Per questo oggi la Quaresima dura dal Mercoledì delle Ceneri fino al Giovedì santo, per un totale di quarantaquattro giorni. Per il rito ambrosiano la Quaresima inizia la domenica dopo il Mercoledì delle Ceneri romano e termina anchessa la sera del Giovedì Santo per un totale di quaranta giorni esatti.

Il codice di diritto canonico disciplina i giorni di penitenza cristiana ai canoni da 1249 a 1253:

Nel determinare la durata della Quaresima ha un ruolo centrale il numero quaranta, che ricorre frequentemente nelle Scritture. In particolare, nel Nuovo Testamento:

  • i quaranta giorni che Gesù passò digiunando nel deserto;
  • i quaranta giorni in cui Gesù ammaestrò i suoi discepoli tra la resurrezione e lAscensione.

Ancora più numerosi i riferimenti nellAntico Testamento:

  • i quaranta giorni di cammino del profeta Elia per giungere al monte Oreb;
  • i quaranta giorni del diluvio universale;
  • i quaranta giorni che impiegarono gli esploratori ebrei per esplorare la terra in cui sarebbero entrati;
  • i quaranta anni trascorsi da Israele nel deserto.
  • i quaranta giorni di tempo che, nella predicazione di Giona, Dio dà a Ninive prima di distruggerla;
  • i quaranta giorni passati da Mosè sul monte Sinai;

Il carattere originario della Quaresima fu riposto nella penitenza di tutta la comunità cristiana e dei singoli, protratta per quaranta giorni.

                                     

2. Storia

Nella Chiesa primitiva la celebrazione della Pasqua era anticipata da uno o due giorni di digiuno. Tale digiuno sembra fosse orientato non tanto alla celebrazione pasquale quanto allamministrazione del battesimo che pian piano veniva riservata alla veglia pasquale. La prassi del digiuno era indirizzata innanzitutto ai catecumeni e poi estesa al ministro del battesimo e a tutta la comunità ecclesiale. Tale digiuno non aveva scopo penitenziale ma ascetico-illuminativo.

In questo periodo a Roma la domenica precedente la Pasqua era denominata "Domenica di passione" e nel Venerdì e Mercoledì di questa stessa settimana non si celebrava leucaristia. Lestensione del digiuno per tutta la settimana precedente la Pasqua è certa solamente per la Chiesa di Alessandria.

Di tale consuetudine è testimone uno storico del V secolo, Socrate Scolastico. Durante queste tre settimane si proclamava il vangelo secondo Giovanni. La lettura di questo testo è giustificata dal fatto che esso è ricco di brani che si riferiscono alla prossimità della Pasqua e alla presenza di Gesù a Gerusalemme.

Questa preparazione prolungata fu motivata dalla prassi penitenziale. Coloro che desideravano essere riconciliati con Dio e con la Chiesa iniziavano il loro cammino di preparazione nella prima di queste Domeniche più tardi verrà anticipata al Mercoledì immediatamente precedente e veniva concluso la mattina del Giovedì santo, giorno in cui ottenevano la riconciliazione. In tal modo i penitenti si sottoponevano a un periodo di preparazione che durava quaranta giorni. Da qui il termine latino Quadragesima. I penitenti intraprendevano questo cammino attraverso limposizione delle ceneri e lutilizzazione di un abito di sacco in segno della propria contrizione e del proprio impegno ascetico.

Verso la fine del V secolo, ha inizio la celebrazione del mercoledì e del venerdì precedenti la quaresima come se ne facessero parte. Si giunge a imporre le ceneri ai penitenti il mercoledì di questa settimana antecedente la prima domenica di quaresima, rito che verrà poi esteso a tutti i cristiani. A partire da questa fase incominciano a delinearsi anche le antiche tappe del catecumenato, che preparava al battesimo pasquale nella solenne veglia del Sabato Santo; infatti questo tempo battesimale si integrava con il tempo di preparazione dei penitenti alla riconciliazione del giovedì santo. Fu così che anche i semplici fedeli - ovvero quanti non erano catecumeni né pubblici penitenti - vennero associati a questo intenso cammino di ascesi e di penitenza per poter giungere alle celebrazioni pasquali con lanimo disposto a una più autentica partecipazione.

Nel corso del VI secolo, tutta la settimana che precede la prima domenica di quaresima è dedicata alla celebrazione pasquale. La domenica con cui ha inizio questa settimana è la Quinquagesima, perché è il cinquantesimo giorno prima di Pasqua. Tra il VI e il VII secolo si costituì un ulteriore prolungamento con altre due domeniche Sessagesima e Settuagesima. Il tempo di Carnevale che comprendeva queste tre domeniche è stato abolito nella forma ordinaria del rito romano, in cui la quaresima inizia direttamente con il Mercoledì delle Ceneri. È invece conservato nella forma straordinaria del rito romano.

Allo sviluppo della quaresima ha contribuito la disciplina penitenziale per la riconciliazione dei peccatori che avveniva la mattina del giovedì santo le esigenze sempre crescenti del catecumenato con la preparazione immediata al battesimo, celebrato nella notte di Pasqua.

La celebrazione della Pasqua nei primi tre secoli della vita della Chiesa non aveva un periodo di preparazione. La comunità cristiana viveva così intensamente limpegno cristiano fino alla testimonianza del martirio da non sentire la necessità di un periodo di tempo per rinnovare la conversione già avvenuta con il Battesimo.

Luso di iscrivere i peccatori alla penitenza pubblica quaranta giorni prima di Pasqua determinò la formazione di una quadragesima quaresima che cadeva nella VI domenica prima di Pasqua. Dal momento poi che la domenica non si celebravano riti penitenziali, si fissò questo atto al mercoledì precedente. Ogni mercoledì era, infatti, giorno di digiuno. Così è nato il mercoledì delle Ceneri.

Allo sviluppo della quaresima ha contribuito prima di tutto la pratica del digiuno in preparazione alla Pasqua, poi la disciplina penitenziale, infine la preparazione dei catecumeni che saranno battezzati la notte di Pasqua.

                                     

3.1. La Quaresima nei riti occidentali Segni liturgici

Questo periodo inizia con il mercoledì delle Ceneri, quando tutto il popolo di Dio riceve il segno delle ceneri, e si estende fino al giovedì santo. In questa sera si celebra la messa in Cena Domini, facendo così memoriale dellistituzione del ministero sacerdotale e del sacramento dellEucaristia. Questa messa apre le celebrazioni del Triduo Pasquale.

Nelle messe della quaresima, e fino alla Veglia Pasquale, non si canta l alleluia. Non si recita il gloria, eccetto nelle feste e nelle solennità, e si usa il colore viola per i paramenti liturgici ; per la quarta Domenica, detta Laetare dallinizio dellintroito in latino della messa, si può scegliere il rosa; la Domenica delle Palme, che apre la settimana santa, ha come colore liturgico il rosso; nella mattina del Giovedì Santo si celebra la messa del crisma, caratterizzata dal colore bianco. È proibito ornare gli altari con fiori, eccetto che nelle feste, nelle solennità e nella domenica Laetare. In quaresima e dal Gloria della Messa in Cena Domini escluso fino al Gloria della Veglia Pasquale escluso il suono dellorgano e degli altri strumenti musicali è consentito solo per accompagnare il canto.

A partire dai primi vespri della quinta domenica di Quaresima è consentito, secondo le consuetudini locali, velare i crocifissi le immagini dei santi con un panno di colore violaceo. I crocifissi rimangono velati sino al termine dellazione liturgica del venerdì santo, mentre le immagini fino allinizio della veglia pasquale. Soltanto per il tempo della messa in Cena Domini il panno violaceo che copre il crocifisso può essere sostituito con un panno di colore bianco. I confratelli delle congreghe indossano un cappuccio che copre il volto con due piccoli fori.

Inoltre, nella formulazione tradizionale dei cinque precetti generali della Chiesa, non seguita dalla formulazione del Catechismo della Chiesa cattolica del 1992, veniva vietata la celebrazione in forma solenne delle nozze nei tempi liturgici penitenziali; ciò sconsigliava, senza tuttavia vietarla, la celebrazione delle nozze in Quaresima, che non potevano però in tal caso assumere carattere solenne.



                                     

3.2. La Quaresima nei riti occidentali Letture della messa in Quaresima

Nella forma ordinaria del rito romano si possono intravedere tre itinerari:

  • una quaresima battesimale anno A
  • una quaresima penitenziale anno C
  • una quaresima cristocentrica anno B

Il ciclo A quello a più forte carattere battesimale può essere seguito ogni anno secondo le esigenze pastorali di ogni singola comunità.

                                     

3.3. La Quaresima nei riti occidentali Liturgia

Anche nella forma straordinaria la Quaresima inizia al Mercoledì delle Ceneri, con limposizione sul capo dei fedeli delle ceneri benedette ottenute con la bruciatura dei rami di palma consacrati alla Domenica delle Palme dellanno trascorso. In realtà, la Chiesa è già entrata da tre settimane in un tempo di più mite penitenza, quello di Settuagesima, che però coincide, nella pratica popolare, con le festività del Carnevale. La liturgia del tempo quaresimale è caratterizzata da umiltà, penitenza e morigeratezza: sono tolti i fiori le reliquie dallaltare, lorgano tace se non per accompagnare il canto, si omette linno Gloria in excelsis eccetto alle feste di San Giuseppe e dellAnnunciazione, così come lAlleluia sostituito dal Tratto, e si utilizza il colore viola per i paramenti. Lunica mitigazione in questi caratteri si trova nella quarta domenica, detta Laetare, in cui i paramenti sono di colore rosaceo, e si possono tenere i fiori sullaltare e suonare lorgano.

In Quaresima, tutte le Messe, anche quelle feriali, hanno lettura, Vangelo e parti salmodiche proprie, in quanto in questo tempo si istruiscono i fedeli sulla Storia della Salvezza e si forniscono loro i preziosi insegnamenti morali contenuti nelle Scritture. Particolarmente importanti, il mercoledì, venerdì e sabato della I settimana di Quaresima, sono le cosiddette ferie delle Quattro tempora di Quaresima, caratterizzate da ancor più forte penitenza e da numerose letture durante la Messa, residuato di consuetudini dellantica liturgia romana. Dal 1962 tutte le feste dei santi che cadono in Quaresima, eccettuate San Giuseppe e lAnnunciazione, sono ridotte a semplici commemorazioni durante lufficio.

                                     

3.4. La Quaresima nei riti occidentali Disciplina ecclesiastica

Nel tempo di Quaresima è proibito celebrare il matrimonio in forma solenne. Il Catechismo di San Pio X inoltre prescrive una forma di digiuno più severa rispetto a quella attualmente in vigore: i fedeli che seguono la forma straordinaria non sono tenuti a osservare le prescrizioni di San Pio X, bensì quelle del Codice di diritto canonico del 1983, alcuni però rimangono legati alledizione al Codice di diritto canonico del 1917. Essa impone ai fedeli che non siano dispensati lastinenza dalle carni il mercoledì delle Ceneri, tutti i venerdì dellanno e tutti i sabati di Quaresima, e dal digiuno tutti i giorni, eccezion fatta per le domeniche. Inoltre è consentito invertire in qualsiasi modo il pasto principale le due refezioni, purché si compiano nellarco delle ventiquattro ore. Queste prescrizioni, ai loro tempi, erano già molto largheggianti, se si considera che fino al XIX secolo inoltrato era anche proibita la carne tutti i giorni eccetto le domeniche, nonché erano proibiti, al mercoledì, al venerdì, al sabato e nelle refezioni aggiuntive, anche uova, pesce e latticini.



                                     

3.5. La Quaresima nei riti occidentali Rito ambrosiano

Una delle peculiarità di questo rito, con profili non soltanto strettamente religiosi, è linizio della Quaresima, che non parte dal Mercoledì delle Ceneri, ma dalla domenica immediatamente successiva. Ciò dà luogo alla distinzione tra carnevale "nuovo" quello romano che termina con il martedì grasso e carnevale "vecchio" quello ambrosiano che si conclude, invece, il sabato seguente.

La differenza tra il carnevale ambrosiano e quello romano è dovuta proprio al diverso modo di calcolare le date di inizio e fine della Quaresima:

  • il rito ambrosiano intende la Quaresima come un periodo di penitenza, ma non di stretto digiuno, in preparazione al Triduo Pasquale. Contando a ritroso dal Giovedì santo 40 giorni, si arriva alla prima domenica di Quaresima: dunque i quaranta giorni di penitenza iniziano alla sesta domenica prima di Pasqua. Questo era il computo originale della Quaresima in tutti i riti.
  • il rito romano invece, allidea di quaranta giorni di penitenza, sostituì nel Medioevo quella dei quaranta giorni effettivi di digiuno in preparazione alla domenica di Pasqua. Partendo quindi dal sabato Santo e contando quaranta giorni a ritroso, saltando però le domeniche in cui non si digiunava, si giunge esattamente al mercoledì precedente la prima domenica di Quaresima, che divenne il "Mercoledì delle ceneri".

Vi sono differenze anche nella concezione dei venerdì di Quaresima: per il rito ambrosiano, infatti, il venerdì è feria aneucaristica, durante la quale non possono essere celebrate messe, per vivere in modo radicale la privazione da Cristo, come avviene nel sabato autentico, per accoglierlo pienamente con la Pasqua. Nelle altre feriae di Quaresima, quindi tutti i giorni tranne la domenica e il sabato considerato semi-festivo in rispetto della prescrizione mosaica e come preparazione alla domenica, laspetto penitenziale è espresso dalla colorazione facoltativa nera dei paramenti anziché viola-morello. Nelle domeniche invece, come da tradizione ambrosiana, è sottolineato il percorso battesimale, che portava un tempo e può tuttora portare i catecumeni a prepararsi al battesimo nel giorno di Pasqua, e che guida i fedeli battezzati a riscoprire il significato di questo sacramento.

La Settimana Santa è chiamata Hebdomada Authentica Settimana Autentica, in quanto vi si celebrano gli eventi centrali della storia. I riti del Triduo pasquale sono completamente diversi da quelli del rito romano.

                                     

4. Spiritualità della quaresima

La quaresima è il tempo favorevole 2 Cor 6.2 per la conversione a Cristo.

La spiritualità della quaresima è caratterizzata da un più attento e prolungato ascolto della Parola di Dio perché è questa Parola che illumina per conoscere i peccati del singolo.

                                     

4.1. Spiritualità della quaresima Dimensione battesimale

La Chiesa professa la sua fede in un solo Battesimo, per il perdono dei peccati. La penitenza, in senso cristiano, è fondata sulla stessa realtà battesimale per il perdono dei peccati ed è poi ripresa e resa segno espressivo per quanti ricadono nel peccato, nel sacramento della Riconciliazione.

Questo tempo liturgico non solo prepara i catecumeni al Battesimo, ma è il tempo in cui la Chiesa e tutti i fedeli sono chiamati a vivere maggiormente questo sacramento mediante una più profonda conversione. Battesimo e Penitenza sono così i misteri propri della quaresima.

                                     

4.2. Spiritualità della quaresima Dimensione ecclesiale

La quaresima è il tempo della grande convocazione di tutta la Chiesa perché si lasci purificare da Cristo suo sposo.

La penitenza ha sempre come effetto la riconciliazione non solo con Dio, ma anche coi fratelli, che a causa del peccato sempre hanno subito un danno. La penitenza quaresimale è quindi per la chiesa non soltanto interna ed individuale, ma anche esterna e sociale.

                                     

5. Le opere della penitenza quaresimale

Le opere della penitenza quaresimale sono:

  • La carità: la quaresima è tempo di più forte impegno di carità verso i fratelli. Non cè vera conversione a Dio senza conversione allamore fraterno.
  • La preghiera: la quaresima è tempo di più assidua e intensa preghiera, legata molto strettamente alla conversione, per lasciare sempre più spazio a Dio. Preghiera individuale e comunitaria.
  • Il digiuno ecclesiastico: anche se limitato al mercoledì delle ceneri e al venerdì santo, esprime la partecipazione del corpo nel cammino della conversione e propizia lastensione dal peccato.
  • Lastinenza dalle carni magro il venerdì: era al principio segno di povertà, essendo nellantichità il pesce più economico che la carne. È segno dellabbandono del lusso per vivere una vita più essenziale.

La Chiesa insegna che queste opere devono essere compiute nella consapevolezza del loro valore di segno in vista della conversione, e non sono fini a sé stesse.



                                     

6. Domeniche di quaresima

Le domeniche di quaresima sono indicate anche da un nome latino, derivato dallintroito del giorno, a sua volta tratto dallAntico Testamento:

  • Judica - Judica me, Deus salmo 43.1
  • Invocabit - Invocabit me, et ego exaudiam eum salmo 91.15
  • Laetare - Laetare, Jerusalem Isaia 66.10
  • Oculi - Oculi mei semper ad Dominum salmo 25.15
  • Palmarum - Domenica in Palmis
  • Reminiscere - Reminiscere miserationum tuarum salmo 25.6

Le ultime due domeniche, la quinta detta anche Domenica di passione e la domenica delle palme, costituiscono, nella forma straordinaria del rito romano, un tempo liturgico a sé stante, il tempo di Passione.

                                     

7. Quaresima e carnevale

Nelloccidente cristiano la quaresima è tradizionalmente preceduta dalla celebrazione del carnevale dal latino Carnem Levare. Durante il periodo quaresimale, poi, solitamente intorno alla metà, in alcune località italiane della Campania ed Emilia Romagna si festeggia ancora unantica tradizione di origine pagana definita Sega la vecchia. Cè anche il funerale del carnevale e la vedova viene appesa nelle strade della città fino alla sabato santo al gloria.