Indietro

ⓘ Romanizzazione del sistema postale cinese




                                     

ⓘ Romanizzazione del sistema postale cinese

La romanizzazione del sistema postale cinese era il sistema di romanizzazione per i toponimi cinesi che entrò in uso alla fine della dinastia Qing e fu sancito ufficialmente dalla Conferenza Postale Imperiale in Sessione Congiunta, tenutasi a Shanghai nella primavera del 1906. Questo sistema di romanizzazione fu conservato dopo la caduta della dinastia Qing nel 1912 e poiché era utilizzato nellatlante postale ufficiale della Repubblica di Cina, rimase il modo più comune di rendere i toponimi cinesi in Occidente per gran parte del XX secolo. Dopo la creazione della Repubblica Popolare Cinese, il sistema è stato gradualmente sostituito dal pinyin, che è ora quasi universalmente accettato.

Il sistema era basato sul Wade-Giles a fini postali, specialmente per i toponimi nellatlante postale ufficiale, per le lettere e i francobolli. Usa alcuni nomi europei comuni di luoghi cinesi che si sovrappongono al sistema Wade-Giles e incorpora alcune pronunce dialettali e storiche.

Le principali differenze con il Wade-Giles includono:

  • Chungking Chung-ching, Chongqing
  • Pechino Pei-ching, Beijing
  • Chi, chi e hsi pinyin ji, qi e xi sono rappresentati o come tsi, tsi e si o come ki, ki e hi a seconda della pronuncia storica, ad es.,
  • Changkiang Chang-chiang, Changjiang
  • Tsinan Chi-nan, Jinan
  • Tientsin Tien-chin, Tianjin
  • Completa mancanza di segni diacritici e di accento.
  • Kinchow/Chinchow Chin-chou, Jinzhou
  • Ankwo An-kuo, Anguo
  • a meno che non sia lunica vocale nella sillaba, la u del Wade-Giles diventa w, ad es.,
  • I toponimi Guangdong Kwangtung, Guangxi Kwangsi e Fujian Fukien devono essere romanizzati dai dialetti locali, come lhakka, il cantonese e il min sistemi anchessi derivati dal classico Dizionario cinese-inglese di Giles.
  • Quemoy Chin-men, Jinmen
  • Amoy Hsia-men, Xiamen
  • Swatow Shan-tou, Shantou
  • Canton Kuang-chou, Guangzhou
  • I nomi europei popolari preesistenti dal XIX secolo o prima di luoghi della Cina devono essere conservati, come quelli dei porti dei trattati.

Tra le altre peculiarità ortografiche rientrano:

  • -ê scevà ed -ei diventano entrambi -eh, ad es., Chengteh da Cheng-te e Pehkiao da Pei-chiao. -ê occasionalmente può essere anche -e o -ei.
  • La u finale a volte diventa -uh, ad es., Wensuh da Wen-su
  • hs- diventa sh- o -s, ad es., Kishien da Chi-hsien
                                     
  • punti geografici ISO 7098 romanizzazione del cinese ISO 7372 scambio di dati commerciali ISO 7498 interconnessione di sistemi aperti ISO IEC 7501 - 1: 1997
  • della Sistema di romanizzazione di Taiwan. Questa tabella è stata fatta in una forma ordinabile, contiene sia lo Hanyu Pinyin lo standard ufficiale del Governo
  • processo di romanizzazione e assimilazione delle popolazioni preesistenti. Tergeste, nome latino della Trieste romana, fu colonizzata nella metà del I secolo
  • Rama I portò la capitale del regno a Bang Makok, sulla sponda orientale del fiume di fronte a Thonburi. La comunità cinese fu fatta spostare in una vicina
  • di Roma e si assiste a una loro progressiva romanizzazione che portò a una crescita dell importanza del centro abitato potentino a discapito delle campagne
  • lex Atinia de coloniis quinque deducendis, del 197 a.C., erano state poste le basi per la romanizzazione della fascia tirrenica della Campania. Furono

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...