Indietro

ⓘ Alto commissariato per la Sicilia




                                     

ⓘ Alto commissariato per la Sicilia

Lalto commissario fu coadiuvato da una Giunta consultiva istituita con lo stesso d.l. 91/1944, composta di sei membri, nominati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, tra i membri della Consulta regionale siciliana.

Primo Alto commissario fu nominato Francesco Musotto, socialista ma di simpatie separatiste. Con la liberazione di Roma e il ritorno al Regno dItalia, Musotto fu sostituito da Salvatore Aldisio, uno dei fondatori della DC, che portò la Sicilia verso lautonomia speciale. Fu poi istituita una "Consulta regionale", rappresentativa dei partiti e dei sindacati regionali decreto legislativo luogotenenziale n° 416 del 28 dicembre 1944. Tra i compiti dellAlto commissario anche la direzione dellIspettorato generale di Pubblica sicurezza in Sicilia che operava contro le formazioni clandestine separatiste le bande che infestavano lisola e il suo coordinamento con le questure dellisola.

Dopo la proclamazione dello Statuto speciale il 15 maggio 1946 e la nascita della Regione siciliana, Aldisio ritenne risolto il suo compito e divenne ministro della Marina mercantile nel governo De Gasperi. I successivi alti commissari gestirono il trapasso fino alla costituzione del primo governo regionale eletto dallAssemblea regionale siciliana, il 30 maggio 1947 con presidente Giuseppe Alessi.

                                     

1. Compiti

LAlto commissario nel territorio dellisola:

  • Partecipava senza voto deliberativo, alle sedute del consiglio dei ministri che trattavano argomenti riguardanti la Sicilia
  • sovraintendeva a tutte le Amministrazioni statali, civili e militari, nonché agli Enti ed Istituti di diritto pubblico, ed in genere a tutti gli Enti sottoposti a tutela o vigilanza dello Stato;
  • dirigeva e coordinava lazione dei Prefetti e delle altre Autorità civili dellIsola ne assicurava lunità di indirizzo;