Indietro

ⓘ La zattera della Medusa




La zattera della Medusa
                                     

ⓘ La zattera della Medusa

La zattera della Medusa è un dipinto a olio su tela di Théodore Géricault, realizzato nel 1818-19 e conservato nel Museo del Louvre di Parigi.

Completato quando lartista aveva soltanto 29 anni, il dipinto rappresenta un momento degli avvenimenti successivi al naufragio della fregata francese Méduse, avvenuto il 2 luglio 1816 davanti alle coste dellattuale Mauritania, a causa di negligenze e decisioni affrettate da parte del comandante Hugues Duroy de Chaumareys che, oltre a non navigare da circa venticinque anni, non aveva una buona conoscenza di quelle acque, cosa che portò la fregata ad incagliarsi sul fondale sabbioso. Oltre 250 persone si salvarono grazie alle scialuppe, le rimanenti 150, la ciurma, dovettero essere imbarcate su una zattera di fortuna, lunga 29 metri e larga 7, e di queste soltanto 15 fecero ritorno a casa.

Géricault scelse accuratamente il soggetto del suo primo grande lavoro, una tragedia che stava avendo risonanza internazionale, per alimentare linteresse di un pubblico quanto più vasto possibile e per lanciare la sua carriera. Scrupoloso e attento ai dettagli, lartista si sottopose ad un intenso periodo di studio sul corpo umano e sulla luce, producendo moltissimi disegni preparatori, intervistando due dei sopravvissuti e costruendo un modellino del naufragio. Come aveva previsto, il dipinto una volta esposto al Salon di Parigi del 1819 generò diverse controversie, attirando in misura uguale commenti positivi e feroci condanne. Solo in seguito venne rivalutato dalla critica, che lo riconobbe come uno dei lavori destinati ad incidere di più sulle tendenze romantiche allinterno della pittura francese.

Acquistata dal Louvre subito dopo la prematura morte dellautore a trentatré anni, La zattera della Medusa, nelle sue scelte formali la teatralità e lintensa emotività della scena e di contenuto lepisodio vicino ai contemporanei dellautore rappresenta uno spartiacque e un punto di rottura con lallora preponderante scuola neoclassica, tesa al perseguimento dellideale di emotività contenuta e catalizzata dallarte greca, e unicona del Romanticismo, arrivando a influenzare i lavori di artisti come Eugène Delacroix, William Turner, Gustave Courbet e Édouard Manet.

                                     

1.1. Storia Contesto storico

Nel giugno del 1816, la fregata francese Méduse partì da Rochefort in direzione del porto di Saint-Louis, sulle coste del Senegal; con essa viaggiavano altre tre navi, la Loire, la Argus e la corvetta Écho. Hugues Duroy de Chaumareys era stato nominato capitano della fregata nonostante la scarsa esperienza di navigazione. La missione della fregata era quella di accertarsi che lInghilterra avesse tenuto fede al trattato di Parigi e avesse abbandonato la colonia del Senegal restituendola alla Francia. Julien-Désiré Schmaltz, insieme alla moglie Reine, era tra i passeggeri della fregata, in qualità di governatore della colonia.

Per ammortizzare i tempi e i costi, la Medusa distaccò le navi compagne e aumentò la sua velocità. A causa di ciò, il 2 luglio, si incagliò su un banco di sabbia, 160 chilometri al largo della attuale Mauritania. Furono fatti dei tentativi per disincagliare la nave, ma nessuno andò a buon fine e così, il 5 luglio, i quattrocento superstiti iniziarono il viaggio verso la costa sulle sei scialuppe della fregata. Alcuni ufficiali rimasero sulla nave, tuttavia le restanti 147 persone, eccedendo in numero, dovettero essere dirottate su una zattera di fortuna, lunga 20 metri e larga 7. Il capitano e gli altri passeggeri sulle scialuppe decisero inizialmente di trascinare la zattera, ma dopo pochi chilometri limbarcazione affondò parzialmente a causa del peso degli uomini, la cima si ruppe e fu abbandonata al proprio destino. Sulla zattera, 20 persone morirono già la prima notte. Al nono giorno i sopravvissuti si diedero al cannibalismo. Il tredicesimo giorno, il 17 luglio, dopo che molti erano morti di fame o si erano gettati in mare in preda alla disperazione, i superstiti vennero salvati dal battello Argus ; cinque morirono la notte seguente.

Lo scandalo scoppiò il 13 settembre seguente, allorché il foglio Journal des débats pubblicò una relazione del chirurgo Henry Savigny, sopravvissuto della zattera: egli raccontava del clima di violenza e sopraffazione fra i sopravvissuti. Gli avversari del governo sottolinearono la discriminazione sofferta dai non-privilegiati e la nomina del comandante de Chaumaray, la cui negligenza è considerata la causa principale del naufragio, arrivando a generare un affare politico che coinvolse e mise in imbarazzo la monarchia francese, recentemente restaurata dopo la disfatta del 1815 subita da Napoleone.

                                     

1.2. Storia Ricerca e studi preparatori

Géricault fu affascinato dai resoconti del naufragio e capì ben presto come la messa su tela dellavvenimento avrebbe potuto costituire lopportunità di affermare la sua reputazione come pittore. Allinizio del 1818, incontrò i sopravvissuti Henri Savigny e Alexandre Corréard, i quali fornirono la descrizione emotiva della loro esperienza, ispirando lintenso tono tragico del dipinto. Lavorò a fianco di Corréard, Savigny e il falegname della Medusa, Lavillette, per costruire un dettagliato modello in scala della zattera, usata come modello dal vero nella fase finale. Nonostante soffrisse di forti febbri, riuscì a compiere diversi viaggi sulla costa francese, in particolare a Le Havre, per assistere a tempeste e maremoti. Colse inoltre loccasione di un viaggio in Inghilterra, attraverso la Manica, per studiare il movimento delle onde.

Ossessionato dallaccuratezza storica e con lobbiettivo di una resa verosimile della rigidità cadaverica dei marinai deceduti sulla zattera, visitò lobitorio dellospedale Beaujon di Parigi, per studiare la rappresentazione del tono muscolare dei morti, arrivando a portare nel suo studio una testa, concessagli in prestito per due settimane da un manicomio, e diversi arti amputati per studiarne il processo di decomposizione e per prendere dimestichezza con il disegno dei morti.

Lideazione del dipinto si dimostrò più lenta e difficoltosa di quanto il pittore avesse immaginato e, in particolare, la scelta del preciso momento da immortalare sulla tela fu il frutto di numerosi ripensamenti e altrettanti disegni e schizzi preparatori. Tra i momenti presi in considerazione ci fu lammutinamento contro gli ufficiali il secondo giorno sulla zattera, le scene di cannibalismo e il salvataggio finale. Infine, Géricault scelse di rappresentare lepisodio finale, in cui i sopravvissuti vedono allorizzonte una nave.

                                     

1.3. Storia Influenze

Dal punto di vista stilistico, La zattera della Medusa fonde svariate influenze, assorbite da Géricault nei suoi numerosi viaggi in Italia e allestero. Tra i punti di riferimento più evidenti appaiono il Giudizio universale, la volta della Cappella Sistina, entrambi di Michelangelo, e la Trasfigurazione di Raffaello, mentre lapproccio monumentale verso avvenimenti contemporanei e la maniera composta in cui è descritto lavvistamento della nave è mutuato da Jacques-Louis David e Antoine-Jean Gros. Lilluminazione del quadro venne descritta come caravaggesca, la tensione scultorea dei corpi costituisce un retaggio classicista, così come lo è lassenza di vestiti sui loro corpi, motivata dal desiderio di evitare "costumi non pittorici". Lo storico Richard Muther osservò: "Cè ancora qualcosa di accademico nelle figure, che non sembrano sufficientemente indebolite dalle privazioni, dalle malattie e dalla lotta contro la morte". Géricault aveva eseguito molte copie dei lavori di Pierre Paul Prudhon, tra cui la sua opera più importante, La Giustizia e la Vendetta divina perseguitano il crimine, le cui scelte compositive influenzarono fortemente il pittore francese.

David fu una fonte dispirazione anche per ciò che riguarda i contenuti dellopera. Nel 1793, David aveva dipinto un importante evento contemporaneo, in Morte di Marat, che aveva avuto un forte impatto politico durante la rivoluzione francese e servì come precedente a Géricault per dipingere un recente fatto storico. Fu colpito in uguale misura da Antoine-Jean Gros, allievo di David, il cui Napoleone visita i feriti a Jaffa 1804 concedeva importanza tanto a Napoleone quanto alle anonime figure dei soldati in agonia.

Nel XVIII secolo la trattazione pittorica dei naufragi e degli incidenti marini era diventata un vero e proprio filone artistico, accogliendo tra le proprie fila artisti come Claude Joseph Vernet, in grado di ottenere una resa realistica dei colori attraverso losservazione diretta dellambiente, anticipando una delle caratteristiche dellImpressionismo, anche attraverso metodi poco ortodossi, come farsi legare allalbero maestro di una nave per assistere a una tempesta. Il pittore John Singleton Copley aveva già creato un precedente per quanto riguardava sia i soggetti di storia contemporanea sia gli incidenti in mare, come testimoniano Watson e lo squalo 1778, in cui un uomo di colore è al centro dellazione e il dramma è concentrato sulle figure più che sul paesaggio, e Scena di un naufragio, che ricorda la Medusa per tematica e composizione. La componente politica era stata sviscerata anche da Francisco Goya in una delle sue opere più famose, 3 maggio 1808.

Il vecchio affranto in primo piano, infine, presenta delle analogie con il personaggio di Ugolino della Gherardesca così come è presentato da Dante nell Inferno e sembra alludere in special modo alla versione di Johann Heinrich Füssli. Una diffusa interpretazione ottocentesca del dramma di Ugolino narrata nella Divina Commedia di Dante Alighieri, infatti, lo voleva macchiato di cannibalismo verso i figli, proprio uno degli aspetti più scioccanti della tragedia della Medusa, che lo stesso Géricault aveva edulcorato attraverso vari studi preparatori molto più espliciti sulla questione rispetto al risultato finale.



                                     

1.4. Storia Stesura finale

Géricault iniziò la stesura finale del dipinto nel novembre del 1818, dopo aver interrotto una relazione incestuosa con la moglie dello zio, da cui nascerà un figlio, ed essersi rasato la testa a zero. Il lavoro, che si sarebbe protratto fino al luglio dellanno seguente, fu svolto nello studio del pittore, situato nel quartiere Faubourg du Roule, attraverso una disciplina monastica: i pasti venivano portati dalla portinaia e lautore si concesse raramente una serata di riposo. Lui e il suo assistente, il diciottenne Louis-Alexis Jamar, con il quale ebbe un rapporto conflittuale, dormivano in una piccola stanza adiacente allo studio. Nel suo atelier ordinato, lartista lavorava in una maniera così metodica, nel più completo silenzio, che scoprì come anche lo squittio di un topo fosse sufficiente a rompere la sua concentrazione. Trentanni dopo il completamento dellopera, lamico pittore Antoine-Alphonse Montfort descrisse il periodo di stesura finale come un vero esercizio di rigore:

Come riferimenti dal vero usò conoscenti e amici, incluso il contemporaneo Eugène Delacroix 1798–1863, sul quale modellò la figura in primo piano con il volto puntato verso il basso. Due dei sopravvissuti si intravedono in penombra ai piedi dellalbero, mentre tre naufraghi furono dipinti dal vero. Jamar posò nudo per il giovane morto in procinto di scivolare in acqua, ai piedi del quadro, e fu la base per altri due corpi.

Nonostante lestrema fedeltà ai fatti e il lungo periodo di ricerca svolto, Géricault commise intenzionalmente degli errori, giustificati da una sorta di licenza artistica. Secondo le registrazioni ufficiali, il numero dei passeggeri al momento del salvataggio è inferiore a quello ritratto nellopera e invece della mattinata soleggiata e delle acque calme riportate dalle cronache il giorno del salvataggio, lautore optò per unatmosfera di tempesta per rinforzare il dramma emotivo.

Lavorando senza sosta, lartista completò il dipinto in otto mesi. Lintero progetto, dalle prime fasi di ricerca fino alla stesura definitiva, arrivò a occupare tre anni di gestazione.

                                     

1.5. Storia Accoglienza

La zattera della Medusa fu mostrato al pubblico per la prima volta al Salon di Parigi del 1819, sotto il generico titolo di Scène de Naufrage Scena di un naufragio. Largomento trattato era tuttavia facilmente riconoscibile dagli spettatori dellepoca. Lesposizione, sponsorizzata da Luigi XVIII, presentava circa 1.300 dipinti, 208 sculture e numerosi oggetti di design. Luigi XVIII stesso visitò il salone tre giorni prima della sua apertura e, dando un giudizio al dipinto, affermò: "Monsieur, vous venez de faire un naufrage qui nen est pas un pour vous".

I critici si divisero in due: chi rimase affascinato dallorrore e dalla disperazione del quadro e chi espresse il proprio scontento per una tale presa di distanze dal neoclassicismo, il cui precetto di bellezza idealizzata veniva ribaltato dal crudo realismo di Géricault. Il pittore metteva in dubbio tutte le istanze dellepoca, gli artisti iniziarono a chiedersi come potesse una materia del genere essere trasposta in un dipinto suggestivo e come potesse lautore riconciliare arte e realtà. Marie-Philippe Coupin de la Couperie, una pittrice francese presente alla mostra, fu categorica: "Sembra che Géricault si stia sbagliando. Lo scopo di dipingere è parlare allanima e agli occhi, non di respingerli". Non mancarono i ferventi ammiratori, tra cui lo scrittore e critico darte Auguste Jal, il quale apprezzò i temi politici introdotti, le sue posizioni liberali e la sua modernità. Per lo storico Jules Michelet "Tutta la nostra società è a bordo di quella zattera". Secondo il critico Karen Wilkin il quadro rappresenta "Unaccusa cinica dei malaffari della burocrazia francese post-napoleonica, molta della quale è stata reclutata pescando dalle famiglie superstiti dell Ancien Régime", mentre Kenneth Clark, storico dellarte britannico, disse che "La zattera della Medusa resta lesempio più importante di un pathos romantico espresso attraverso il nudo. E lossessione della morte dona verità alle figure morenti e ai morti. Le premesse possono essere state ispirate dai classici, ma sono state riviste con il forte desiderio di unesperienza violenta".

Géricault cercò deliberatamente il confronto politico e artistico e i critici risposero al suo approccio a seconda delle proprie simpatie politiche verso i Borboni o verso lala liberale. Il punto di vista dellartista apparve chiaro ai recensori: il quadro mostra empatia verso i naufraghi, e di conseguenza sembra schierarsi contro limpero, facendo propria la causa anti-bonapartista dei sopravvissuti Savigny e Correard. La scelta di mettere in risalto, allapice della composizione, luomo di colore fu anchessa vista come lespressione di una simpatia verso labolizionismo. Le polemiche furono controproducenti per lartista, speranzoso di una unanime acclamazione popolare. Conclusasi lesposizione, la giuria assegnò una medaglia doro al dipinto, ma non lo selezionò per la collezione stabile del Louvre. Géricault vinse invece una commissione sul soggetto del Sacro Cuore di Gesù, che lautore offrì a Delacroix, preferendo ritirarsi in campagna, dove trascorse parte del suo tempo a riprendersi dalle fatiche e dallo stress. La Medusa, non avendo trovato un compratore, fu impacchettata e conservata nello studio di un collega.

Nel 1820 Géricault si accordò affinché il dipinto venisse esposto alla mostra londinese di William Bullock, a Piccadilly, dove fu visto da più di 40.000 visitatori. Laccoglienza a Londra fu molto più calorosa rispetto a quella di Parigi: il quadro fu acclamato come lemblema di una nuova direzione allinterno dellarte francese. Tra i motivi di questo successo ci fu il più felice posizionamento della Medusa, che nel Salone Carré di Parigi era stata appesa in alto, mentre a Londra la distanza ravvicinata al suolo enfatizzò limpatto monumentale. In Inghilterra lopera venne sfruttata anche nellambito dellintrattenimento: vennero messe in scena due rappresentazioni teatrali basate sugli eventi narrati dal quadro, che di conseguenza ampliarono la fama di Géricault e del suo lavoro. Dallesposizione di Londra Géricault guadagnò una cifra vicina ai 20.000 franchi, come percentuale sui biglietti dentrata, una somma maggiore di quella che il governo francese gli avrebbe corrisposto se avesse venduto il dipinto. Dopo lesperienza londinese, nel 1821 Géricault esibì la Medusa a Dublino, dove fu però accolta tiepidamente, a causa di unesposizione rivale in cui era mostrato un panorama in movimento intitolato Il naufragio della Medusa, che allepoca sembrava fosse stato creato sotto la supervisione di uno dei sopravvissuti al disastro.

La zattera della Medusa fu in seguito scelta dal curatore del Louvre Louis Nicolas Philippe Auguste de Forbin che lacquistò nel 1824, lo stesso anno della morte di Géricault, in una vendita postuma attraverso lintermediazione di Pierre-Joseph Dedreux-Dorcy, amico dellartista, per conservarla nel museo parigino, dove è esposta nella sala dei dipinti francesi di grande dimensione. Nellestate del 1939, Medusa fu spostato dal Louvre in previsione dellimminente guerra. Lopera trovò dapprima una temporanea sede nelle stanze di Versailles, per poi essere custodito nel castello di Chambord, dove rimase fino alla fine della seconda guerra mondiale. A causa del deterioramento del quadro, nel 1859 il Louvre commissionò a due artisti francesi, Pierre-Désiré Guillemet e Étienne-Antoine-Eugène Ronjat, una copia da utilizzare in caso il dipinto venisse chiesto in prestito da altri musei.

                                     

2. Descrizione e stile

Lopera, interamente originale, è in buono stato di conservazione. Tuttavia, a causa della sperimentazione dellautore con il bitume, una sostanza che decade rapidamente diventando una melassa nera e creando una superficie lucida e grinzosa che non può essere rinnovata o restaurata, i dettagli nelle aree più grandi dellopera sono difficilmente individuabili e sono andati persi nel tempo.

La zattera della Medusa rappresenta il momento in cui, dopo tredici giorni alla deriva, i quindici sopravvissuti scorgono una nave, la Argus, giungere dallorizzonte. Secondo una recensione dellepoca, lopera coglie "Il momento in cui la rovina della zattera può dirsi completa". Le dimensioni del dipinto, 491 x 716 cm, furono scelte in modo che la maggior parte delle figure fossero in scala reale, mentre quelle in primissimo piano fossero il doppio della loro grandezza naturale, dando quindi il senso di spinta verso lesterno e verso lo spettatore, che viene trascinato di peso direttamente nellazione. La didascalia sulla cornice recita: "Lunico eroe in questa toccante storia è lumanità".

La zattera è popolata dai sopravvissuti al tragico incidente. Un vecchio in primo piano regge sulle ginocchia le spoglie del figlio deceduto, un altro irrompe in lacrime di frustrazione e sgomento. Un ammasso di corpi occupa la parte inferiore del dipinto, in attesa di essere trasportati via dalla corrente. Gli uomini al centro, invece, hanno appena scorto la Argus e uno di loro, lafricano Jean Charles, si erge su una botte vuota, sventolando freneticamente il suo fazzoletto nel tentativo di attirare lattenzione della nave.

La composizione pittorica del quadro è costruita su due strutture piramidali. Il perimetro della prima e più larga piramide, a sinistra, è costituito dalla base stessa della zattera, mentre la seconda, di misura minore, si sviluppa dal gruppo di sagome morte in primo piano, che formano anche la base da cui emergono i sopravvissuti, intenti a stagliarsi il più alti possibile per richiamare la nave, convogliano verso il picco emotivo costituito dalla figura centrale che sventola il panno. Lattenzione dellosservatore è dapprima catturata dal centro della tela, per poi seguire il flusso dei corpi dei sopravvissuti, inquadrati di schiena e tendenti verso destra. Come ebbe a dire lo storico dellarte Justin Wintle: "Un ritmo lineare ci conduce dai morti nellangolo sinistro del quadro ai vivi del vertice destro". Altre due linee diagonali furono usate per aumentare la tensione drammatica. Una, infatti, segue lalbero maestro e i tiranti, spostando lattenzione dellosservatore verso le minacciose onde della tempesta, laltra, composta dai corpi dei naufraghi ancora vivi, si protrae verso la silhouette della Argus.

La tavolozza di Géricault, composta da toni pallidi per i corpi dei naufraghi, colori fangosi e scuri per i loro vestiti, il mare e il cielo, comprende vermiglione, bianco, giallo Napoli, quattro diversi tipi di ocra, due sfumature di terra di Siena, carminio, blu di Prussia, pesca-arancio, terra di Cassel e bitume. Nel complesso, il dipinto è dominato da una tonalità scura e tetra, affidata alluso di pigmenti tendenti al marrone, che secondo lautore erano efficaci nel suggerire il sentimento di dolore e tragedia. Allorizzonte la Argus, la nave che trarrà in salvo i superstiti, è illuminata da una luce più chiara e questo fornisce allintera scena una luminosità che rinvigorisce e accende locchio dello spettatore, altrimenti offuscato dai vari toni del marrone. A questo contribuisce anche il mare, realizzato in un verde intenso, invece del tradizionale blu scuro, che avrebbe sminuito il contrasto con la zattera e i suoi passeggeri.



                                     

3. Tecnica

Géricault dipinse con pennelli molto piccoli e con colori a olio particolarmente viscosi, che si asciugavano in una notte, dandogli pochissimo tempo per effettuare modifiche o ripensamenti. Per mantenere le tonalità di colore il più pure possibile tenne i colori fisicamente separati luno dallaltro. La tavolozza consiste in tonalità intense, fortemente espressive, per la maggior parte scure; è presente, oltre ai colori, anche del bitume, che fu una sorta di esperimento per il pittore, il quale lo adoperò per la consistenza sulla tela simile al velluto. Rifiutando la tradizionale maniera di messa su tela di un dipinto, che prevede un lavoro globale sullintera composizione, preferì posizionare i modelli le figure una alla volta, disegnarla, dipingerla e, soltanto dopo averla ultimata, passare alla successiva. La concentrazione sui singoli elementi individuali diede così al lavoro un senso di teatralità e una fisicità scioccante.

                                     

4. Retaggio

Nel mostrare una spiacevole e dolorosa verità, La zattera della Medusa segnò linizio dellarte romantica e gettò le fondamenta per una rivoluzione estetica contro lallora predominante stile neoclassico. Nonostante la resa dei corpi le grandi dimensioni rimandino alla scuola neoclassica e ai dipinti a soggetto storico, il soggetto, lilluminazione, e la forte emotività contrastante infusa nel dipinto rappresentarono un significativo cambio di tendenze artistiche, creando una netta separazione da tutto ciò che laveva preceduto. Il quadro manca volutamente di un eroe, qui rimpiazzato da persone comuni, e lunica motivazione che muove i naufraghi è la sopravvivenza. Per Christine Riding, il lavoro mostra "la fallacia della speranza e della sofferenza inutile, e nel peggiore dei casi, listinto umano basilare di sopravvivere, che aveva soppiantato tutte le considerazioni morali e gettato luomo civilizzato nel barbarismo". Secondo Hubert Wellington, autore di The Journal of Eugène Delacroix, la parabola del neoclassicismo era da tempo giunta al termine e con Jacques-Louis David, il suo principale interprete locale, costretto allesilio in Belgio, erano rimasti soltanto i suoi allievi a portare avanti la tradizione neoclassica, producendo immagini di incredibile freddezza. La drammatica composizione di Géricault, con i suoi toni contrastanti e i gesti non convenzionali, stimolarono Delacroix a seguire il primo impulso creativo, sperimentando le novità introdotte dallamico e collega nel dipinto del 1822 La barca di Dante, e successivamente in La Libertà che guida il popolo e Il massacro di Scio, che riprendono entrambi la struttura piramidale e i temi della Medusa. Lo storico dellarte Albert Elsen scrisse che Medusa e Il massacro di Scio fornirono dei riferimenti per la monumentale scultura La porta dellinferno di Auguste Rodin: "Medusa fu una delle opere che obbligarono Rodin a confrontarsi con un lavoro di grande misura su delle vittime innocenti di tragedie politiche. Rodin era stato ispirato a rivaleggiare con il Giudizio Universale di Michelangelo, ma aveva sicuramente la Zattera di Géricault davanti a lui ad incoraggiarlo". Perfino Gustave Courbet, appartenente alla corrente del Realismo, citò la Medusa attraverso luso di tele di grandi dimensioni e nel desiderio di rappresentare gente comune, eventi politici e luoghi appartenenti alla vita di ogni giorno.

La zattera della Medusa influenzò anche molti pittori al di fuori della Francia. Francis Danby, un artista inglese nato in Irlanda, definì lopera di Géricault "La più bella immagine e il dipinto storico più grande che io abbia mai visto", mentre William Turner si ispirò al tema del disastro in mare per molte delle sue opere in cui sperimentò luso del colore e della luce. Turner riprese anche la tematica abolizionista in The Slave Ship 1840. Tra il 1826 e il 1830 lartista statunitense George Cooke creò una copia di dimensioni ridotte del dipinto, che fu mostrata in varie città della nazione, tra cui Boston, Filadelfia, New York e Washington, D.C., tra lo scalpore generale. I critici applaudirono lopera, che ispirò canzoni, rappresentazioni teatrali e libri per bambini. Dopo essere stata comprata dallammiraglio Uriah Phillips, venne donata da questultimo nel 1862 alla New York Historical Society, dove fu erroneamente attribuita a Gilbert Stuart. Lerrore fu corretto soltanto nel 2006, quando unindagine a cura della storica dellarte Nina Athanassoglou-Kallmyer, insegnante alluniversità del Delaware, rivelò la cattiva catalogazione del dipinto. The Gulf Stream 1899, conservato nel Metropolitan Museum of Art, dello statunitense Winslow Homer, fa uso della stessa composizione de La zattera della Medusa: un vascello danneggiato circondato da pericoli e minacce, un uomo di colore al centro della scena e una nave allorizzonte che riecheggia la Argus di Géricault. Anche vari artisti del Novecento hanno mostrato interesse per lopera di Géricault, come lo scultore americano John Connell, che, coadiuvato dal pittore Eugene Newmann, realizzò negli anni novanta il Raft Project, ricreando lo scenario di Géricault con sculture in scala 1:1 di legno, carta e catrame, sistemati su una larga zattera di legno.

Oltre allarte, anche la letteratura e il cinema si sono più volte ispirate alla Medusa: ne Lammazzatoio, Émile Zola cita più volte il dipinto ne fornisce una concisa analisi, Alessandro Baricco lo racconta, in modo romanzato, nel libro Oceano mare 1993, mentre una delle avventure di Tintin di Hergé, Coke in stock Coke en stock, del 1958, richiama nel corso della storia il quadro francese. Tra le opere cinematografiche che attingono alla Medusa, vi sono il film del 1994 di Iradj Azimi, Zattera della Medusa e la commedia davventura Asterix e Obelix - Missione Cleopatra 2002, in cui i personaggi citano il dipinto di Géricault. Diventato ben presto unimmagine iconica, il dipinto è stato utilizzato dalla band irlandese The Pogues come copertina per il disco Rum, Sodomy, and the Lash, solo che i volti sono stati sostituiti dai componenti del gruppo musicale mentre i tedeschi Ahab, band funeral doom metal, lhanno usata per il loro disco The Divinity of Oceans e i Great White lhanno invece scelta come front cover per Sail Away 1994. Un bassorilievo in bronzo dellopera forgiato da Antoine Étex, infine, adorna la tomba di Géricault al cimitero di Père-Lachaise a Parigi. La cantante rock italiana Alteria ha usato questo quadro per la realizzazione del videoclip di "Protection".