Indietro

ⓘ Investimento in arte




                                     

ⓘ Investimento in arte

Il mercato dellarte, nonostante sia caratterizzato da inefficienza, soggettività e informazioni privilegiate, attrae un numero sempre maggiore di investimenti sia da parte dei privati, che da parte delle aziende, le quali utilizzano larte contemporanea come strumento di marketing. Gli investimenti in arte sono definiti:

  • alternativi: in quanto presentano una specifica combinazione di rendimento/rischio più specificatamente ad elevato rendimento corrisponde elevato rischio e ridotta liquidità.
  • irrazionali: lunicità delle opere e il loro valore estetico provocano un piacere non facilmente soggetto a valutazione.

A partire dalle considerazioni esplicate nelle teorie di Harry Markowitz, gli investimenti in arte permettono di costruire portafogli diversificati, e attraverso tale diversificazione si migliora la performance e il rischio di portafoglio, anche se si presuppone un orizzonte temporale di resa medio/lungo.

                                     

1. Rendimento

La scelta di artisti contemporanei è più rischiosa, essendo più soggetti alle mode e non ancora storicizzati; artisti già affermati invece presentano garanzie maggiori, dovute a una notorietà ormai consolidata. Linvestimento in arte è tuttavia ancora considerato appannaggio di pochi, con possibilità economiche di un certo livello, oppure viene visto come una passione dispendiosa, più che una possibile fonte di guadagno.

Il rendimento dellinvestimento in arte si valuta in base ai seguenti indici rappresentativi del mercato:

                                     

1.1. Rendimento Metodo edonico

Si ottiene prendendo in considerazione il piacere edenico che unopera darte suscita.

                                     

1.2. Rendimento Metodo dellopera rappresentativa

Si ottiene prendendo come termine di paragone una determinata opera.