Indietro

ⓘ Cenacolo Artistico Forlivese




                                     

ⓘ Cenacolo Artistico Forlivese

Il Cenacolo Artistico Forlivese è unassociazione di artisti fondata a Forlì nel 1920 per iniziativa di Giovanni Marchini e di don Tommaso Nediani: ebbe sede nellex barriera daziaria di Porta Cotogni, sede che fu inaugurata il 25 novembre del 1920, con lo Statuto, lo stendardo e il motto Sub luce tua carpimus iter.

Al Cenacolo Giacomo Balla donò il proprio dipinto Siamo in quattro beato chi li trova. Poiché la vita del Cenacolo fu sconvolta dalla perdita della sede, quando gli edifici dellex barriera daziaria furono abbattuti per far posto alla costruzione di due nuovi palazzi, tanto da giungere al suo scioglimento de facto, a sua volta, Marchini, nel 1930, donò lopera alla Pinacoteca civica di Forlì, dovè tuttora conservata.

Ne fecero parte, tra gli altri:

  • Tommaso Nediani
  • Pietro Angelini 1888-1977
  • Ferdinando Rosetti
  • Livio Carloni 1895-1959, noto con lo pseudonimo Luciano De Nardis
  • Pio Rossi 1890-1969
  • Giovanni Marchini 1877-1946, fondatore
  • Luigi Galotti
  • Leonida Brunetti 1896-1970
  • Orazio Spighi 1889-1950
  • Carlo Stanghellini 1901-1956
  • Umberto Zimelli 1898-1972.
  • Francesco Olivucci 1899-1985
  • Maceo Casadei 1899-1992
  • Nino Muratori
  • Augusto Antonio Dirani 1897-1983
  • Bernardino Boifava 1888-1953
  • Renato Baldani 1884-1944