Indietro

ⓘ Megara (Attica)




Megara (Attica)
                                     

ⓘ Megara (Attica)

Megara è un comune della Grecia situato nella periferia dellAttica con 34.174 abitanti secondo i dati del censimento 2001.

A seguito della riforma amministrativa detta Programma Callicrate in vigore dal gennaio 2011 che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, la superficie del comune è ora di 333 km² e la popolazione è passata da 28.195 a 34.174 abitanti.

Fu la città natale di Euclide e del poeta elegiaco Teognide.

                                     

1. Storia

Città dorica, sconosciuta a Omero, presenta prime tracce di insediamento urbano a partire dalla fine del medioevo ellenico. Fu una delle protagoniste indiscusse della colonizzazione greca detà arcaica, fondando in Sicilia Megara Hyblaea, Trotilon nei pressi dellattuale Brucoli, Leontini e Thapsos. In Asia Minore fondò altre colonie come Bisanzio, Eraclea Pontica e Calcedonia.

                                     

1.1. Storia La tirannide e loligarchia

Fu patria di una delle più antiche tirannidi arcaiche. Guidata dal tiranno Teagene, alla fine del VII secolo a.C. Megara conobbe un relativo splendore che la portò a conquistare ladiacente isola di Salamina, spesso contesa con gli ateniesi.

Dopo la cacciata di Teagene, i Megaresi conobbero un periodo di disordini, poi sedati con il ritorno delle antiche famiglie aristocratiche. Testimone di questi avvenimenti è il poeta Teognide.

Come città istmica Megara era dotata di due porti, Paghe e Nisea; il primo si affacciava sul golfo Corinzio, il secondo su quello Saronico. Anche questultimo, come Salamina, fu oggetto di contesa con Atene, seguendo le alterne vicende della guerra del Peloponneso, quando Megara si schierò dalla parte di Sparta.

                                     

2. Megara le pretese origini della commedia

Gli antichi la ricordano come sede di mimiche farsesche di origine popolare, tanto che Aristotele, nella Poetica, ci informa, polemizzando, che i Megaresi si vantavano di aver inventato la commedia. Difatti, inventore della commedia veniva ritenuto un certo Susarione, di origine megarese.

Forse proprio per questo motivo oltre che per leterna ostilità con i vicini ateniesi i Megaresi proverbialmente sono conosciuti dagli antichi greci come sciocchi e creduloni, ma anche parassiti ed imbroglioni. Famosa è lespressione proverbiale: lacrime megaresi, che si usa per stigmatizzare un comportamento falso ed ipocrita.

                                     

3. La scuola filosofica

In età ellenistica fu sede dellimportante scuola filosofica megarica, dimpostazione socratica, famosa per il ruolo attribuito alla dialettica eristica. Nel solco della tradizione socratica, fu anticipatrice, per certi versi, di una concezione monoteistica.