Indietro

ⓘ Storia dell'interpretazione




                                     

ⓘ Storia dellinterpretazione

Visti il carattere orale ed evanescente dellinterpretazione, il ruolo di secondo piano che di solito riveste linterprete durante una mediazione, il fatto che in epoche antiche non si aveva rispetto per la lingua dei popoli vinti, che quindi dovevano imparare quella di chi li aveva sconfitti, e che vi era anche allora labitudine di usare una lingua franca, le informazioni sullinterpretazione in passato sono scarse o inesistenti.

Nellantichità gli interpreti venivano impiegati soprattutto in ambito commerciale e militare e linterpretazione non veniva vista come una professione ma come unabilità innata che le classi sociali più elevate chiedevano indistintamente a soldati, burocrati o schiavi. I protointerpreti erano soprattutto mediatori di cui ci si avvaleva perché conoscevano due lingue, due diverse culture e i luoghi dove operavano. Traducevano secondo la modalità che oggi definiremmo di trattativa oppure sussurrando allorecchio dellascoltatore chuchotage.

Lattestazione più antica sulluso dellinterpretazione risale al 3000 a.C. ed è rappresentata da uniscrizione sulle tombe dei Principi di Elefantina. Lisola di Elefantina è unisola del Nilo che si trova nella regione meridionale dellEgitto, nei pressi di Assuan, al confine con la Nubia. Per motivi commerciali i Faraoni ebbero bisogno di dragomanni ossia interpreti, dallaramaico per comunicare con le regioni vicine e pertanto nominarono i Principi di Elefantina che conoscevano la lingua delle tribù confinanti sovrintendenti dei dragomanni.

Anche i Romani facevano uso di interpreti, benché il latino fosse la lingua ufficiale dellImpero. Venivano impiegati soprattutto in ambito militare per coordinare le legioni, che spesso erano caratterizzate da una elevata multietnicità, e nei negoziati di pace.

                                     

1. Letà dei viaggi di esplorazione

I grandi esploratori si avvalsero sempre dellausilio di interpreti. Cristoforo Colombo portò con sé Luis De Torres perché conosceva lebraico e larabo e, nei viaggi successivi alla scoperta dellAmerica, usò gli indigeni stessi come interpreti. Anche Hernan Cortés ebbe uninterprete fidata: la Malinche Doña Marina. La donna di origine azteca era un dono che i Maya, presso i quali era schiava, avevano fatto al condottiero. Ella conosceva bene lazteco che era la sua lingua madre e aveva appreso da bambina il maya durante la schiavitù. Giunto in Messico, Cortés usava frate Geronimo de Aguilar, che sapeva il maya, per comunicare con questa civiltà e cominciò a servirsi della Malinche per interagire con gli Aztechi. La schiava traduceva infatti dallazteco in maya e il frate dal maya in spagnolo, dando vita al primo caso di relais. Successivamente la Malinche imparò lo spagnolo e interpretò direttamente tra Montezuma e Cortès, di cui divenne la lingua e lorecchio. Per aver servito così fedelmente i conquistatori spagnoli, il termine malinchismo è rimasto in spagnolo ad indicare un traditore. Anche Darwin nelle sue esplorazioni si faceva sempre accompagnare da un gaucho che sapesse lo spagnolo e la lingua indigena.

                                     

2. La nascita dellinterpretazione di conferenza

I primi interpreti professionisti iniziarono la loro attività allinizio del Novecento ed erano in primo luogo diplomatici che venivano impiegati in ambito politico e che usavano le stesse modalità di interpretazione dei protointerpreti. Si trattava di persone che iniziavano questattività per caso e senza alcuna preparazione specifica. Il loro impiego si intensificò in particolar modo con la Prima Guerra Mondiale poiché era necessario che gli alleati di lingua francese comunicassero con quelli di lingua inglese che non conoscevano il francese. La conferenza di pace di Parigi del 1919 rese questo fenomeno ancora più evidente dal momento che al tavolo delle trattative sedettero delegati non solo di lingua inglese e francese ma anche giapponesi, italiani e quelli di 32 potenze minori. Jean Herbert, uno dei pionieri dellinterpretazione di conferenza per la Società delle Nazioni, testimonia che non vi era ancora una tecnica precisa e che inizialmente si traduceva frase per frase consecutiva breve. Solo successivamente, con il procedere delle sedute delle varie commissioni per i negoziati di pace, gli interpreti, che oramai avevano acquisito una certa esperienza, cominciarono a sviluppare la tecnica della presa di note dando vita allInterpretazione Consecutiva standard IC.

Nel primo dopoguerra linterpretazione consecutiva andò diffondendosi viepiù, ma limpiego di questa tecnica imponeva almeno di raddoppiare i tempi necessari anche di triplicare o quadruplicare a seconda del numero di lingue per cui serviva la traduzione. Nacque quindi la necessità di velocizzare i tempi e furono così messi a punto negli anni Venti degli impianti a trasmissione radio che furono poi utilizzati per tradurre simultaneamente in occasione di congressi internazionali Organizzazione Internazionale del Lavoro a Ginevra nel 1927, Comintern a Mosca nel 1933 e altri. Tuttavia in ambito diplomatico si preferiva la consecutiva perché i delegati con la simultanea non potevano valutare laderenza al testo di partenza. Solo col Processo di Norimberga novembre 1945 – ottobre 1946 lInterpretazione Simultanea IS si affermò definitivamente, poiché era necessario tradurre tutte le udienze in inglese, francese, tedesco e russo e la IC avrebbe comportato una dilazione insostenibile dei tempi. Anche in questo caso i primi interpreti simultaneisti dovettero imparare sul campo la tecnica alcuni di loro però conoscevano la IC con possibilità di esercitarsi quando non erano di turno. Ogni interprete lavorava solo verso la madrelingua per al massimo due sessioni da 45 minuti al giorno e con un giorno di riposo ogni due lavorati. Mentre però non erano in cabina dovevano esercitarsi o effettuare traduzioni scritte.

A partire dal secondo dopoguerra linterpretazione si diffuse sempre di più e non solo in ambito politico bensì anche in campo economico-commerciale, socio-culturale e scientifico. Listituzione di diverse organizzazioni internazionali governative e non, come lONU, il WTO, la NATO e lUE comprese le relative tappe precedenti con CECA, CEE … fece sì che la simultanea prevalesse sulla consecutiva perché nelle riunioni plenarie consentiva un notevole risparmio di tempo. Benché la consecutiva sia ancora usata negli incontri bilaterali, oggi nel mercato del lavoro la IS è sicuramente la forma di interpretazione più diffusa.

                                     

3. La nascita degli istituti di formazione universitaria per interpreti di conferenza professionisti

Con laumentare dellimpiego di IC e IS è anche cresciuta sempre di più la necessità di formare interpreti professionisti con competenze tecniche solide e non improvvisate. Fu istituita quindi nel 1941 la prima Scuola per Interpreti presso lUniversità di Ginevra, alla quale seguirono altre scuole molto prestigiose come quelle di Vienna 1943 in Austria, Magonza Germersheim, Heidelberg e Monaco in Germania, Georgetown a Washington, la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori SSIT a Milano 1951, e successivamente le Scuole Superiori di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori in Italia: dapprima quella dellUniversità di Trieste nel 1953 e la Civica di Milano nel 1980, e nel 1989 quella dellUniversità di Bologna con sede a Forlì.

                                     
  • La storia della donna nell Islam è definita tanto dai testi islamici, quanto dalla storia e cultura del mondo musulmano. In base al Corano, il testo sacro
  • cercando il periodo della storia greca, vedi Antica Grecia. Il termine storia antica indica sia la prima età della storia sia la disciplina che studia
  • Giuseppe Flavio. In seguito la storia degli Ebrei si fonde con quella dell occidente cristiano e con la sua storiografia. La storia degli ebrei e dell ebraismo
  • Disambiguazione Se stai cercando altri significati, vedi La storia infinita disambigua La storia infinita titolo originale tedesco Die unendliche Geschichte
  • cercando la rivista fondata da Renzo De Felice, vedi Storia Contemporanea rivista La storia contemporanea è, convenzionalmente, una delle quattro
  • l altra storia Dal 2009 è disponibile in DVD la versione integrale del film, edita in Italia dalla Stormovie. Per Gordiano Lupi Caligola - La storia mai
  • Voce principale: Storia d Italia. La storia del fascismo italiano prende avvio alla fine del 1914, con la fondazione, da parte del giornalista Benito Mussolini
  • Storia di Roma è un libro del giornalista italiano Indro Montanelli. Il libro narra della storia della Roma antica dalla sua fondazione mitologica fino
  • La storia dei popoli romanì riguarda la storia delle popolazioni parlanti la lingua romanes romanì, o varianti dialettali della stessa, e che si riconoscono

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...