Indietro

ⓘ Targa d'immatricolazione




Targa dimmatricolazione
                                     

ⓘ Targa dimmatricolazione

Una targa dimmatricolazione è una placca in materiale metallico o plastico, generalmente fissata a un veicolo tramite un supporto. Sulla sua superficie esterna è riportata una serie di cifre o una combinazione di lettere e cifre, in grado di identificare in modo univoco il veicolo stesso.

                                     

1. Cenni storici

Originariamente denominata "placca numerata", linvenzione della targa viene attribuita ai francesi che la imposero a Parigi per le vetture pubbliche negli anni 60 del XIX secolo. Tuttavia nelle legazioni dello Stato Pontificio una disposizione dell11 febbraio 1851 - nata per evitare che i briganti utilizzassero i carri e i calessi rubati per trasportare la refurtiva o per fuggire più velocemente - obbligava i possessori di veicoli, calessi, vetture o carri, alluso di una targa dottone a lettere e cifre in rilievo su fondo di colore diverso per ogni Legazione: rosso per Bologna, verde per Ferrara, nero per Ravenna, ceruleo per Forlì.

Targa da fissare con chiodi nella parte posteriore del mezzo e con forme diverse a seconda dellutilizzo: rettangolare grande per "i biroccini degli industriali e dei noleggiatori"; rettangolare piccola per "i biroccini dei proprietari" e ovale per "le vetture da nolo".

                                     

2. Caratteristiche

Per molti tipi di veicoli, le targhe devono essere due, una davanti e una sul retro del mezzo, anche se in diversi casi è sufficiente una di esse, in genere quella posteriore, come nel caso dei motoveicoli. Ogni targa dovrà comunque riportare il medesimo numero o combinazione alfanumerica. Tutte le targhe sono in genere pensate per consentire una facile lettura anche nelle condizioni ambientali meno favorevoli da parte di persone o apparecchi automatici.

In alcuni Paesi, quali lItalia o la Spagna, la targa è legata al veicolo, a cui rimane associata anche in caso di passaggio di proprietà; in altri Paesi la targa è legata al proprietario e può inoltre essere obbligatoria la sua sostituzione a intervalli periodici è il caso degli Stati Uniti per esempio; in diversi Paesi, inoltre, il cambiamento della targa è associato alla prova del pagamento di una tassa oppure al permesso per un utilizzo speciale per esempio come taxi.

Le targhe possono essere fissate direttamente al veicolo oppure inserite allinterno di apposite cornici porta-targa, che ne permettono una più facile sostituzione; queste cornici spesso presentano una bandella inferiore, per fini pubblicitari del concessionario o di un particolare centro di assistenza, ma possono anche presentare scritte scherzose o altro.

                                     

3.1. Targhe nei diversi Paesi Federazione russa

Il formato delle targhe in Russia è diverso rispetto a quello che veniva utilizzato in passato nellUnione Sovietica. Lattuale sistema prevede lutilizzo di una lettera, seguita da 3 cifre e due ulteriori lettere, mentre per i rimorchi il sistema prevede 4 cifre e 2 lettere. Per migliorare la leggibilità e la comprensione delle targhe allestero, vengono utilizzate solo le lettere dellalfabeto cirillico presenti anche nellalfabeto latino. Infine troviamo il numero della città e la sigla automobilistica internazionale "RUS", con accanto la bandiera nazionale che per alcune regioni autonome della federazione non è obbligatoria.

                                     

3.2. Targhe nei diversi Paesi Giappone

In Giappone, le targhe automobilistiche hanno testo verde su sfondo bianco o linverso per i mezzi di servizio. La linea superiore indica lufficio di registrazione del veicolo, e include un codice numerico che specifica la classe del veicolo. Sotto di essa troviamo un simbolo tipicamente un Kana e un numero fino a 4 cifre.

                                     

3.3. Targhe nei diversi Paesi Repubblica popolare cinese

Nella Repubblica popolare cinese le targhe per i veicoli vengono emesse negli Uffici per lAmministrazione dei Veicoli, subordinati al Ministero della Pubblica Sicurezza.

Le targhe attuali sono conformi allo standard del 1992, che consiste in un ideogramma cinese rappresentante labbreviazione della provincia, una lettera dellalfabeto latino e altri cinque caratteri, lettere o numeri, scelti a caso da un computer Per esempio: Jing A-12345, per un veicolo di Pechino. Targhe di colore giallo vengono emesse per i grandi veicoli di nazionalità cinese; targhe di colore blu, le più comuni, vengono emesse per i veicoli di nazionalità cinese che sono piccoli o comunque di dimensioni compatte; le targhe di colore nero vengono emesse per veicoli di qualunque dimensioni appartenenti ad organismi pubblici, stranieri o persone provenienti da Hong Kong, Macao e Taiwan. Le targhe per veicoli militari e della polizia sono a sfondo bianco.

Per un breve periodo nellestate del 2002, venne adottato in alcune città, inclusa Pechino, un nuovo standard per le targhe; esso permetteva la personalizzazione della targa con numeri e lettere. A partire dalla fine di agosto 2002, tuttavia, non sono state più emesse targhe del nuovo tipo, ufficialmente per motivi tecnici, ma in realtà perché venivano frequentemente utilizzate combinazioni alfanumeriche volgari, provocatorie o controverse



                                     

3.4. Targhe nei diversi Paesi Stati federali

In Canada, Messico, Australia e negli Stati Uniti dAmerica, le targhe vengono emesse dai governi provinciali/territoriali/statali. Il loro aspetto è spesso caratterizzato da simboli, colori o motti legati allo Stato di emissione. Il sistema di numerazione viene scelto in modo da disporre di un numero di targhe sufficienti per tutti i veicoli di quello Stato: il Wyoming, il più piccolo Stato americano per numero di abitanti, utilizza per esempio targhe come NN NNNN o NN NNNL in cui N=numero, L=lettera, con i primi due numeri limitati a quelli dall1 al 23 e al 99; il Rhode Island, il più piccolo Stato americano per superficie, utilizza invece i formati LLNNN e NNNNN; la California, come altri Stati più popolosi, utilizza NLLLNNN. Le targhe dei camion possono avere inoltre formati differenti quali NLNNNNN. Per evitare inconvenienti spiacevoli, spesso vengono tolte le possibili combinazioni casuali che hanno significati volgari o particolari; ad esempio, negli Stati Uniti sigle quali FUK, DIE, o USA o numeri quali 911 o 666 talvolta non sono ammessi nelle nuove targhe.



                                     

3.5. Targhe nei diversi Paesi Unione europea

NellUnione europea vengono emesse ovunque targhe con un formato comune, anche se tuttora opzionale in alcuni Stati membri. Lo stile comune consiste in una banda blu sulla sinistra della targa, sulla quale sono presenti le dodici stelle simbolo dellUE; sotto di esse cè la sigla internazionale dello Stato in cui il veicolo è stato immatricolato grazie a questo accorgimento, non è più necessario incollare lovale adesivo con la sigla dello stato sul retro del veicolo. Ciò nonostante, i diversi Stati utilizzano sistemi di numerazione e perfino colori diversi. Nei Paesi Bassi entrambe le targhe sono gialle.

                                     

3.6. Targhe nei diversi Paesi Paesi in cui la targa non è associata alla provenienza

Nei seguenti Stati le caratteristiche della targa non sono associate alla provenienza, ma la combinazione tra lettere e cifre viene assegnata casualmente o in un ordine sequenziale che vale per lintero Paese; di alcune è comunque disponibile una pagina con le principali caratteristiche.

  • Lussemburgo
  • Francia dal 2009, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione francesi
  • Monaco
  • Finlandia
  • Cipro
  • Spagna dal 2000, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione spagnole
  • Liechtenstein
  • Andorra
  • Belgio
  • San Marino
  • Albania dal 2011, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione albanesi
  • Paesi Bassi dal 1951, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione olandesi
  • Islanda
  • Danimarca
  • Svezia dal 1973, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione svedesi
  • Georgia dal 2004, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione georgiane
  • Lettonia
  • Malta
  • Portogallo
  • Bosnia ed Erzegovina dal 1998, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione bosniache
  • Italia dal 1994, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione italiane
  • Estonia dal 2013, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione estoni
  • Lituania dal 2004, in precedenza vedi targhe dimmatricolazione lituane
                                     

4. Targhe personalizzate

In alcuni paesi è possibile, pagando una somma maggiore, avere una targa personalizzata, cioè con una combinazione alfanumerica scelta dal richiedente. In genere queste targhe non possono comunque contenere messaggi blasfemi od osceni e devono essere ovviamente uniche. In alcune giurisdizioni, e in particolare in quasi ogni stato degli Stati Uniti dAmerica, i proprietari dei veicoli possono anche pagare una somma extra per avere le cosiddette targhe speciali o di specialità specialty: in esse il sistema di numerazione è sempre scelto dallagenzia specifica, come per le targhe normali, ma il proprietario può scegliere il design della propria targa allinterno di unampia varietà di stili, che fra i tanti comprendono quelle per veterani e reduci militari, vigili del fuoco, radioamatori, massoni, università e college, per vetture depoca, ecc.

                                     

5. Caratteristiche delle targhe nei diversi paesi

  • Targhe dimmatricolazione ungheresi
  • Targhe dimmatricolazione britanniche
  • Targhe dimmatricolazione brasiliane
  • Targhe dimmatricolazione croate
  • Targhe dimmatricolazione italiane
  • Targhe automobilistiche marocchine
  • Targhe dimmatricolazione maltesi
  • Targhe automobilistiche algerine
  • Targhe automobilistiche tagike
  • Targhe dimmatricolazione francesi
  • Targhe dimmatricolazione lituane
  • Targhe dimmatricolazione islandesi
  • Targhe dimmatricolazione albanesi
  • Targhe dimmatricolazione spagnole
  • Targhe dimmatricolazione portoghesi
  • Targhe automobilistiche iraniane
  • Targhe dimmatricolazione macedoni
  • Targhe dimmatricolazione olandesi
  • Targhe dimmatricolazione uzbeche
  • Targhe dimmatricolazione georgiane
  • Targhe dimmatricolazione greche
  • Targhe automobilistiche indiane
  • Targhe dimmatricolazione slovacche
  • Targhe dimmatricolazione kirghise
  • Targhe dimmatricolazione montenegrine
  • Targhe dimmatricolazione norvegesi
  • Targhe automobilistiche mongole
  • Targhe automobilistiche palestinesi
  • Targhe automobilistiche sudsudanesi
  • Targhe dimmatricolazione svedesi
  • Targhe dimmatricolazione finlandesi
  • Targhe dimmatricolazione serbe
  • Targhe dimmatricolazione irlandesi
  • Targhe dimmatricolazione turkmene
  • Targhe dimmatricolazione slovene
  • Targhe dimmatricolazione sammarinesi
  • Targhe dimmatricolazione lettoni
  • Targhe dimmatricolazione tedesche
  • Targhe dimmatricolazione thailandesi
  • Targhe dimmatricolazione russe
  • Targhe dimmatricolazione ceche
  • Targhe dimmatricolazione bosniache
  • Targhe automobilistiche israeliane
  • Targhe dimmatricolazione danesi
  • Targhe automobilistiche indonesiane
  • Targhe automobilistiche nauruane
  • Targhe dimmatricolazione giapponesi
  • Targhe dimmatricolazione belghe
  • Targhe dimmatricolazione bulgare
  • Targhe dimmatricolazione vaticane
  • Targhe dimmatricolazione turche
  • Targhe dimmatricolazione polacche
  • Targhe dimmatricolazione capoverdiane
  • Targhe dimmatricolazione romene
  • Targhe dimmatricolazione monegasche
  • Targhe automobilistiche canadesi
  • Targhe dimmatricolazione cambogiane
  • Targhe automobilistiche argentine
  • Targhe dimmatricolazione bielorusse
  • Targhe dimmatricolazione azere
  • Targhe dimmatricolazione armene
  • Targhe dimmatricolazione kosovare
  • Targhe dimmatricolazione estoni
  • Targhe automobilistiche statunitensi
  • Targhe dimmatricolazione austriache
  • Targhe dimmatricolazione svizzere
  • Targhe dimmatricolazione lussemburghesi
  • Targhe dimmatricolazione moldave