Indietro

ⓘ Categoria:Divinità buddhiste




                                               

Honji suijaku

Il termine honji suijaku o honchi suijaku nella terminologia religiosa giapponese fa riferimento a una teoria ampiamente accettata fino al periodo Meiji secondo cui le divinità buddiste indiane scelsero di apparire in Giappone come kami nativi per convertire e salvare più facilmente i giapponesi. La teoria afferma che alcuni kami sono manifestazioni locali, lett. una "traccia") delle divinità Buddhiste, lett., "terreno originale"). Le due entità formano un intero indivisibile chiamato gongen e in teoria dovrebbero avere uguale stato, ma ciò non è sempre vero. Nel primo periodo di Nara, ad ...

                                               

Kisshōten

Kisshōten e Kudokuten è una divinità femminile giapponese, adattata tramite il buddismo dalla dea indù Lakshmi. Kisshoutennyo è talvolta nominata come uno delle Sette Divinità della Fortuna al posto di Jurōjin o Fukurokuju. Ad esempio, nelledizione del 1783 del compendio di Butsuzōzui, Kichijōten sostituisce Fukurokuju come uno dei sette fukujin. È considerata la dea della felicità, della fertilità e della bellezza. Liconografia di Kisshoutennyo si distingue per la gemma Nyoihōju nella sua mano. Quando Kisshoutennyo è annoverata tra i sette fukujin e il collega fukujin Daikoku è considerat ...

                                               

Abhiseka

Con il termine maschile sanscrito abhiseka si indica in quella lingua sia quella particolare cerimonia religiosa hindū nella quale limmagine rituale di una divinità viene purificata per mezzo di una aspersione rituale, sia, ma in ambito buddhista una cerimonia di consacrazione, di iniziazione.

                                               

Losar

Losar è la parola tibetana per indicare il Capodanno: Lo indica l"anno" o l"era", mentre sar indica il "nuovo". Il Losar è la festività più importante in Tibet. Esso viene celebrato per 15 giorni, ma i festeggiamenti più importanti si tengono per i primi tre giorni. Il primo giorno, si estrae una bevanda chiamata changkol dal chhaang, un tipo di birra tibetana. Il secondo giorno è conosciuto come "Losar del Re" gyalpo losar. Tradizionalmente, il Losar è preceduto da cinque giorni di esercitazione con il Vajrakilaya, un coltello rituale. Sebbene cada spesso lo stesso giorno del Capodanno ci ...

                                               

Corona del Corvo

La monarchia ereditaria della dinastia Wangchuck nello stato himalayano del Bhutan venne fondata nel 1907. Il primo re della dinastia Wangchuk, Ugyen Wangchuck 1862–1926, fu una figura carismatica che sorse al potere dopo un periodo turbolento personale e dello stato. Egli adottò come unico simbolo della sua autorità una corona di raso e seta sormontata dalla testa di un corvo. Luccello rappresenta ancora oggi una sorta di Mahakala ", divinità guardiana del Buthan. La forma di questa corona venne a sua volta derivata dallelmo da battaglia del padre di Ugyen, Jigme Namgyel 1825–1881. noto c ...

                                               

Sarasvati

Sarasvatī, o Saraswatī, è la prima delle tre grandi dee dellinduismo, insieme a Lakshmi e Durgā, e la consorte di Shri Brahmā, il Creatore.

                                               

Inari (mitologia)

Inari, o anche Oinari, è la kami della fertilità, del riso, dellagricoltura, delle volpi, dellindustria e del successo terreno. Inari è rappresentato come maschio, femmina o androgino e alle volte considerato come costituito da un collettivo di tre o cinque kami individuali, ed è una figura popolare sia nelle credenze shintoiste, che in quelle buddiste giapponesi. Le volpi di Inari o kitsune sono di un bianco candido e agiscono come sue messaggere.

Monte Hiei
                                               

Monte Hiei

Il Monte Hiei è una montagna situata in Giappone, a nord-est di Kyōto, si erge al confine tra la prefettura di Kyōto e la prefettura di Shiga. Alta 848 metri, ha posseduto e possiede un significato simbolico molto importante per la Storia e la cultura giapponese, essendo luogo di divinità shintoiste e sede del principale monastero della scuola buddhista giapponese Tendai, lEnryaku-ji.

Karura
                                               

Karura

La Karura è unenorme creatura della mitologia giapponese, in grado di sputare fuoco. Ha il corpo di uomo e il volto con un becco daquila. Trae origine dalla divinità hindu Garuda; infatti Karura è la traduzione fonetica giapponese di Garuda. Viene spesso confusa con la Fenghuang. Le leggende narrano che la Karura sia nemica dei serpenti e dei dragoni. Solamente un dragone che possiede un talismano buddhista o chi si è convertito allinsegnamento buddhista, può fuggire dalla Karura.

                                               

Skandha (disambigua)

Skandha sono i Cinque Aggregati della tradizione buddhista. Skanda è una divinità induista nota anche come Karttikeya. Lo Skanda Purāna è uno dei testi dei Purāna.

                                               

Eone (disambigua)

Eone – una emanazione del Dio primo o Uno. Eone – in cosmologia, una porzione di spaziotempo; infiniti eoni compongono luniverso nella teoria della cosmologia ciclica conforme Eone – era astrologica. Eone – una divinità greco-romana. Eone usato come sinonimo di Kalpa, termine sanscrito che indica un ciclo cosmico nella cosmologia induista e buddhista. Eone – unità geologica. Entertainment One, conosciuto anche come eOne – casa britannica di distribuzione cinematografica.