Indietro

ⓘ Proporzioni gerarchiche




Proporzioni gerarchiche
                                     

ⓘ Proporzioni gerarchiche

Le proporzioni gerarchiche sono una convenzione stilistica secondo la quale le dimensioni dei personaggi sono legate alla loro importanza. Presente in alcuni ambiti dellarte antica, si diffuse nellarte medievale, diventandone una delle caratteristiche più tipiche.

                                     

1. Storia

Presenti già nellArte egizia e nel filone plebeo dellarte romana, si riscontrano già nei rilievi dellArco di Costantino, dove il sovrano ha dimensioni maggiori dei sudditi, e ancora più evidenti in epoca teodosiana, ad esempio nel Dado di Teodosio. Le proporzioni gerarchiche non solo erano legate alla grandezza delle figure, ma anche alle singole parti del corpo: la testa ad esempio, sede della ragione, poteva essere ingrandita rispetto al resto.

Confluite nellarte bizantina si adattarono particolarmente bene alla stilizzazione cristiana, con la deferenza dei soggetti secondari rispetto alla maestà di Gesù e della Vergine. Tipico è il sottodimensionamento delle figure secondarie, come gli angeli, che diventa fortissimo per le figure terrene, come quelle dei committenti, quando rappresentati.

Tale convenzione si mantenne per secoli, arrivando fino al Basso Medioevo e prolungandosi, a vari livelli, fino al Rinascimento e oltre. Gradualmente, con lUmanesimo, la figura umana riscoprì il naturalismo nelle proporzioni, visibile nel progressivo ingrandirsi delle figure dei committenti rispetto ai soggetti sacri principali. Enrico degli Scrovegni venne dipinto da Giotto a Padova di dimensioni quasi naturali, così come le due committenti nella Pietà di Giottino, ma fu solo con Masaccio e la sua Trinità, che le proporzioni gerarchiche vennero accantonate con decisione.

Più a lungo resistettero in aree periferiche, come il Nord Europa: Dürer, in opere come l Altare Paumgartner 1496-1504 circa, dipingeva ancora figure dei committenti minuscole, in accordo con la tradizione.