Indietro

ⓘ Legge (diritto)




Legge (diritto)
                                     

ⓘ Legge (diritto)

Può, infatti, designare:

  • latto giuridico attraverso il quale il potere legislativo esercita la sua funzione legge in senso formale;
  • latto normativo legge in senso materiale;
  • linsieme delle norme giuridiche che costituiscono lordinamento giuridico, ossia il diritto oggettivo.
  • la norma giuridica;

Di questi significati, i primi due e lultimo possono essere riferiti anche ad ordinamenti diversi dallo stato, mentre il terzo è riferibile ai soli ordinamenti statali e, più precisamente, degli stati nei quali vige il principio di separazione dei poteri e, quindi, cè un potere legislativo separato dagli altri poteri dello stato.

                                     

1. Legge in senso materiale

Il termine legge, usato in senso materiale, è sinonimo di atto normativo, ossia di atto giuridico che ha come effetto la creazione, modificazione o abrogazione di norme generali e astratte di un determinato ordinamento giuridico in base alle norme sulla produzione giuridica vigenti nello stesso ordinamento. È generale la norma giuridica che si rivolge a una pluralità indeterminata di soggetti; astratta quella che è applicabile a una pluralità indeterminata di casi.

Gli atti normativi rientrano tra le fonti del diritto; attraverso di essi viene esercitata una delle funzioni pubbliche, la normazione. Negli attuali ordinamenti statali è presente una pluralità di atti normativi, diversamente denominati e con diversa collocazione nella gerarchia delle fonti del diritto; tra questi vi sono le leggi in senso formale, di cui si tratterà nella sezione successiva. Legge fondamentale è, invece, detta la costituzione; in qualche ordinamento ad esempio, in Germania questa è anche la sua denominazione ufficiale.

                                     

2. Legge in senso formale

Negli stati in cui vige il principio di separazione dei poteri, il parlamento ed eventualmente gli analoghi organi di stati federati, regioni o altri enti territoriali ai quali è riconosciuta autonomia legislativa come i consigli regionali italiani adottano, secondo determinate forme e procedure, atti giuridici che prendono il nome di legge.

Tali atti sono di regola normativi, anzi si possono considerare gli atti normativi per eccellenza, essendo funzione precipua del potere legislativo proprio la normazione. Tuttavia, nella generalità degli ordinamenti contemporanei, funzioni normative sono esercitate anche da organi di altri poteri dello stato, sicché esistono leggi in senso materiale che non lo sono, però, in senso formale. Daltra parte, lorgano legislativo può esercitare, per previsione costituzionale, alcune funzioni non normative amministrative o giurisdizionali con atti aventi forma di legge ad esempio, lapprovazione del bilancio dello stato e può creare con legge talune norme prive dei caratteri di generalità e astrattezza cosiddetta legge-provvedimento; in questi casi si è di fronte a leggi meramente formali, poiché della legge hanno la forma e la forza ma non il contenuto.

La legge è dotata di una particolare forza, che la pone in posizione gerarchicamente sovraordinata rispetto a tutte le altre fonti del diritto, fatta eccezione per la costituzione dello stato lo statuto dellente territoriale e per quelle fonti alle quale è attribuito il suo stesso rango, come gli atti aventi forza di legge.

Quando, nella gerarchia delle fonti del diritto, la legge ha lo stesso rango della costituzione, si dice che questultima è flessibile, altrimenti è rigida. Negli ordinamenti a costituzione rigida si distinguono varie specie di legge, in base alla loro collocazione nella gerarchia delle fonti del diritto:

  • la legge ordinaria, subordinata alla costituzione;
  • la legge organica, presente solo in alcuni ordinamenti come Francia e Spagna, adottata con procedura aggravata e avente rango gerarchico superiore alla legge ordinaria, ma subordinato alla costituzione e alla legge costituzionale.
  • la legge costituzionale, adottata con procedura aggravata rispetto a quella prevista per le leggi ordinarie e avente lo stesso rango della costituzione, che può quindi, entro certi limiti, integrare o modificare;
                                     
  • Il diritto reale è un diritto soggettivo tipico che conferisce al titolare un potere assoluto ed immediato su una cosa. Le caratteristiche principali di
  • oppure le femmine non ereditano ma trasmettono il diritto all eredità ai loro figli Opposto alla legge salica è il maggiorascato risalente all epoca dei
  • Il diritto tributario è un settore del diritto finanziario che regolamenta i tributi. Forme di prelievo simili alle moderne imposte erano già conosciute
  • dagli art. 142 - 143 della legge sul diritto d autore 633 del 22 aprile 1941, Titolo III disposizioni comuni sezione V. Il diritto è esteso ad ogni tipo
  • Il diritto all informazione è un importante tipo di diritto soggettivo, oggi codificato e tutelato da tutti i moderni ordinamenti giuridici. Tale diritto
  • diritto di famiglia italiano del 1975 è una riforma del diritto di famiglia italiano. Le norme modificarono sostanzialmente la disciplina del diritto
  • testualmente nell art. 24 cost. della legge di riforma del diritto internazionale privato Legge n. 218 del 1995 Art. 24 Diritti della personalità L esistenza
  • La legge mosaica o legge di Mosè in ebraico: ת ור ת מ ש ה, Torat Moshe è la legge degli antichi Israeliti registrata nei primi cinque libri del Tanakh
  • trasformazione è un procedimento attraverso il quale il diritto di un ordinamento statale si adegua al diritto dell ordinamento internazionale o comunque di un
  • altresì come diritto statuale proprio all interno dello Stato della Città del Vaticano. Non va confuso con il diritto ecclesiastico, che è il diritto con cui

Anche gli utenti hanno cercato:

riserva di legge diritto penale,

...
...
...