Indietro

ⓘ Nomenclatura geografica giapponese




Nomenclatura geografica giapponese
                                     

ⓘ Nomenclatura geografica giapponese

Molti nomi di città e paesi sono seguiti dalla dicitura che ne identifica il tipo. Ad esempio:

  • -to 都, let. "capitale", usato unicamente per le capitali di regione; ad esempio, Tōkyō-to
  • -fu 府, let. "ufficio" o "area", grandi città o "prefetture urbane" così chiamate per ragioni storiche. Ce ne sono solamente due: Ōsaka-fu e Kyōto-fu. Prima di una "riorganizzazione" Tokyo-to era chiamata Tokyo-fu.
  • -ken 県 usato per prefettura; ad esempio, Yamanashi-ken
  • dō 道, un "circuito amministrativo", una divisione semi-arcaica ormai poco diffusa. Nellattualità lunica nomenclatura ancora utilizzata è Hokkaidō, ma termini come Tōkaidō la parte sud-est del Giappone rimangono comunque molto usati.

Per via dei quattro suffissi sopra elencati, le prefetture del Giappone sono spesso chiamate todōfuken 都道府県, provincia. Inoltre, più in basso rispetto a una prefettura esistono:

  • -gun 郡, ovvero distretto, di solito rurale. Il servizio postale giapponese e altre fonti lo traducono come paese.
  • -ku 区, una "frazione" o "quartiere" della città; ad esempio Naka-ku un quartiere di Hiroshima. I 23 quartieri speciali di Tokyo sono separati fra loro e possono essere visti come città a sé.
  • -shi 市, ovvero città
  • -machi o -chō 町, una cittadina. Possono essere o meno parte di una più grande città. Molte cittadine sono spesso confondibili come quartieri.
  • -mura o -son 村, un villaggio; ad esempio, Kamikuishiki-mura.
                                     

1. Direzione

Molti nomi contengono suffissi che indicano una direzione

  • chūō 中央 o naka- 中 - centrale; ad esempio, Yokosuka-chūō, Naka-Okachimachi
  • kita 北 - nord; ad esempio, Kita-ku, letteralmente "quartiere nord"
  • minami 南 - sud
  • u 右 "destra" e sa 左 "sinistra", direzioni relative al Palazzo imperiale di Kyoto ; ad esempio, Sakyō-ku, Ukyō-ku
  • nishi 西 - ovest
  • higashi 東 - est
                                     

2. Relazione

Altri nomi contengono suffissi che indicano la relazione di un insediamento con un altro che ha lo stesso nome od uno simile:

  • hon o moto 本 - loriginale; ad esempio, Fuchu Honmachi; Moto Hachiōji
  • shin 新 - nuovo
                                     

3. Caratteristiche geografiche

Le caratteristiche geografiche sono presenti spesso nei nomi dei luoghi giapponesi. Sono esempi

  • kawa o gawa 川 o 河 cioè fiume; ad esempio, Asakawa
  • oka 岡 ovvero collina; per esempio, Fukuoka
  • hama 浜 ovvero spiaggia; ad esempio Hamamatsu
  • yama 山 cioè montagna; ad esempio, Yamanashi
  • sawa o zawa 沢 cioè ruscello; esempio, Mizusawa Iwate
  • ko 湖 cioè lago; ad esempio, Biwa-ko, Kizaki-ko
  • ishi 石 o iwa 岩 ovvero rocca; ad esempio, Prefettura di Ishikawa; Prefettura di Iwate
  • wan 湾 cioè baia; come Sagami-wan
  • tani o dani 谷 che significa valle
  • saki 崎 o misaki 岬 ovvero promontorio; come ad esempio, Miyazaki
  • shima o jima 島 o anche tō cioè isola; Ieshima, Iwo Jima, Okinawa Honto
  • san o zan 山 che sta per montagna; Aso-san
  • kaikyō 海峡 ovvero stretto; ad esempio, Bungo-kaikyō
  • izumi 泉 ovvero sorgente
  • nada 灘 cioè mare
  • hantō 半島 ovvero penisola; ad esempio, Izu Hanto


                                     

4. Mondo Naturale

Ci sono altri suffissi che identificano elementi naturali o agricoli che appaiono spesso in nomi di luoghi:

  • ki o -gi 木, albero; esempio, Prefettura di Tochigi
  • mori 森, foresta; esempio, Prefettura di Aomori
  • matsu 松, albero di pino; esempio, Takamatsu
  • ta o -da 田 cioè risaia; ad esempio Ōda
  • sugi 杉 cioè albero di cryptomeria; è un esempio Suginami