Indietro

ⓘ Valli Cupe




Valli Cupe
                                     

ⓘ Valli Cupe

La Riserva Naturale Regionale delle Valli Cupe è stata istituita con legge regionale del 21 dicembre 2016. È unimportante area naturalistica della Calabria, segnatamente della Presila catanzarese, a un salto dal Gariglione e con baricentro la città di Sersale. Larea protetta è costituita da tre corpi: Gole Valli Cupe-Monte Raga, Crocchio e Campanaro. I primi due corpi sono nel comune di Sersale, il terzo Campanaro, è compreso tra il territorio di Sersale e Zagarise. La particolarità dellarea è legata alla presenza di cascate, gole, alberi secolari, rarità botaniche e monoliti. Insiste nellarea, collegata alle attività della Riserva, una rete museale. Direttore della Riserva è letnobotanico Carmine Lupia.

Il sentiero che conduce alla gola delle Valli Cupe, dal comune di Sersale, esisteva sin dall800 d.C. e collega 4 monasteri basiliani. Larea è affascinante e rappresenta un modello di sviluppo endogeno, al punto che secondo Legambiente è una delle più interessanti comunità ambientaliste del Mezzogiorno. I servizi sono gestiti dalla Cooperativa "Segreti Mediterranei"

La particolare configurazione morfologica delle Valli Cupe consiste nella esistenza di un enorme gola lungo il percorso del fiume che entra in una vaste valle sotto il Monte Raga. Questa configurazione è dovuta ad un contatto geologico di natura tettonica una faglia ad alto angolo, che mette in contatto dei terreni sedimentari del Oligocene-Miocene inferiore molto consistente brecce e conglomerati cementati, con delle formazioni rocciose metamorfiche e granitoidi Paleozoici fragili. Il fiume ha scavato una gola ripida nei terreni Oligo-Miocenici entrando nella larga valle dei terreni granitici e metamorfici erosi.

A febbraio 2018 ha visto la luce la prima pubblicazione curata dalla Riserva: "Etnobotanica in Calabria".

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...