Indietro

ⓘ Monsieur Verdoux




Monsieur Verdoux
                                     

ⓘ Monsieur Verdoux

Nella Francia del primo dopoguerra, la crisi economica provoca la disoccupazione e mette in difficoltà le classi sociali più deboli.

Henri Verdoux, impiegato bancario, viene licenziato dopo trentanni di collaborazione e così, pur di mantenere la moglie inferma e un bimbo piccolo e assicurar loro una casa e una vita dignitosa, finisce per darsi al delitto, sposando sotto falso nome e poi uccidendo delle ricche vedove o vecchie zitelle, così da assicurarsene lintero patrimonio, che poi investe in borsa in attività speculative. Il tutto dietro la copertura di unattività di antiquario.

Verdoux è giunto a un punto in cui non può più sottrarsi al gioco sporco in cui sè cacciato, e la conquista di nuove possibili ricche vittime richiede sempre maggiore abilità e fantasia. Per sperimentare un veleno da lui stesso messo a punto avvicina una giovane ragazza emarginata e disillusa, ma la risparmia, in virtù di un animo sensibile che tuttora convive nella sua duplice personalità, aiutandola in seguito anche economicamente.

La famiglia di una delle sue vittime, insospettitasi, allerta la polizia. Un detective, messosi da solo sulle sue tracce, arriverà al suo negozio di antiquario per arrestarlo. Ma Verdoux con un astuto inganno riesce ad avvelenare lagente e a sfuggire alle autorità.

La sua attività prosegue frenetica tra visite alle diverse mogli e nuovi corteggiamenti. Ma il crollo delle borse mondiali, la crisi economica e i venti di guerra travolgono Monsieur Verdoux e la sua famiglia. La perdita della moglie e del figlio e il volatilizzarsi del suo patrimonio inducono il suo risveglio dalla trance affaristica e omicida nella quale era caduto, rivelandogli la sua miserevole condizione.

Il destino vuole che sia la giovane che un tempo aveva soccorso, ora mantenuta da un commerciante darmi, a proporsi di ricambiare il suo antico sostegno economico, ma Verdoux decide di consegnarsi allautorità, e pagare il suo debito alla società.

                                     

1. Distribuzione e accoglienza

Il film fu proiettato la prima volta l11 aprile 1947.

Difficoltoso fu anche il superamento delle difficoltà che il pudibondo ufficio addetto alla censura frappose inizialmente, bollando il film come socialmente pericoloso e dunque irrealizzabile, salvo poi accontentarsi del taglio della scena in cui i coniugi si coricano nel letto matrimoniale e della disposizione di trasformare lattività di prostituta della ragazza, che Verdoux soccorrerà nella notte piovosa, in una non ben definita occupazione meno disdicevole.

Le reazioni successive alla proiezione saranno ancora più violente ed imperniate sul presunto antipatriottismo di Chaplin.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...