Indietro

ⓘ Associazione Nazionale Archivistica Italiana




                                     

ⓘ Associazione Nazionale Archivistica Italiana

L Associazione Nazionale Archivistica Italiana promuove attività e studi intesi a sostenere la funzione culturale degli archivisti, a sviluppare e a tutelare la loro professionalità, a incrementare le relazioni fra esperti e cultori degli archivi e a preservare e a valorizzare il patrimonio archivistico. La associazione ha sede a Roma ed è stata fondata nel 1949.

                                     

1. Storia

LANAI è stata costituita nel 1949 sulla base di uniniziativa presa da Emilio Re, funzionario dellamministrazione archivistica quale Soprintendente agli archivi lamministrazione archivistica era allora dipendente dal Ministero per gli Interni venne costituita unassociazione di archivisti italiani alinterno delle amministrazioni pubbliche. Il suo Primo Congresso ebbe luogo a Orvieto nellottobre del 1949.

La storia dellANAI può essere articolata in almeno tre grandi periodi:

  • dal 1986 ad oggi.
  • dalle origini 1949 al 1963;
  • dal 1963 al 1985;
                                     

1.1. Storia Primo periodo: dalle origini 1949 al 1963

Nel primo periodo lANAI, sotto la presidenza prima di Re, poi di Riccardo Filangeri e di Leopoldo Sandri, comincia a muovere i primi passi e a svolgere un ruolo sempre più importante sia in Italia che allestero, sino ad organizzare, nel 1956, il III Congresso Internazionale degli Archivi a Firenze.

                                     

1.2. Storia Secondo periodo: dal 1963 al 1985

Il secondo periodo, caratterizzato dalla lunga presidenza di Antonino Lombardo e legato anche allentrata in vigore della nuova legge archivistica italiana del 1963, è segnato dalla complessa e difficile transizione da una visione burocratica del lavoro archivistico, verso una funzione più specificamente scientifica e culturale. Fu in questi anni che si arrivò alla costituzione di una rivista dellAssociazione, "Archivi e Cultura", che dal 1967 al 1985 è stato lorgano ufficiale dellANAI.

                                     

1.3. Storia Terzo periodo: dal 1986 ad oggi

Il terzo periodo si apre nel 1986 con il Congresso di Piacenza e la presidenza di Enrica Ormanni, cui sono succeduto nel 1996, Isabella Orefice e nel 2010 Marco Carassi. In questi anni si è assistito alla progressiva trasformazione dellANAI da associazione di archivisti di stato ad associazione di tutti gli archivisti. Nel 1988 con lapprovazione del nuovo statuto mediante referendum,lassociazione si è strutturata in Sezioni Regionali, ognuna delle quali dotata di propri organi di governo e di autonomia organizzativa per quanto concerne le iniziative culturali. È stata inoltre rinnovata lattività editoriale, con luscita di una nuova rivista "Archivi per la storia", che sostituiva "Archivi e Cultura" e che poi ha preso lattuale nome di "Archivi". La rivista contiene saggi, articoli, dibattiti, presentazione e discussione di casi, recensioni e segnalazioni bibliografiche che affrontano le problematiche connesse alla formazione, conservazione, trasmissione e valorizzazione dei documenti archivistici. Lassociazione ha iniziato, nel 1993 sotto la direzione di Isabella Orefice, la pubblicazione di un più agile notiziario con cadenza trimestrale, "ANAI Notizie", trasformato, nel 2006, in pubblicazione on-line, "Il Mondo degli Archivi", con la collaborazione della Direzione Generale per gli Archivi del Ministero per i Beni le Attività Culturali. La rivista tra il 2015 e il 2016 è stata completamente rinnovata in collaborazione con lIstituto centrale per gli archivi e con la Redazione del San, il portale del Sistema archivistico nazionale: questa "terza serie" è on line dal 16 aprile 2016.

Sono stati sviluppati intensi rapporti con le associazioni archivistiche straniere e con il Consiglio Internazionale degli Archivi, International Council on Archives. LANAI ha, difatti, organizzato la Conferenza Europea degli Archivi a Firenze nel 2001.

Tra le iniziative occorre ricordare Archiexpo svoltasi per un biennio a Milano primo Salone del genere in Italia, di carattere scientifico ed espositivo al tempo stesso, dedicate alla rivoluzione digitale e al suo rapporto con il mondo degli archivi.

Nel gennaio 2009 è stato presentato il Progetto Archivi della Moda del 900, volto al recupero e alla valorizzazione dellimmenso patrimonio della moda italiana contenuto negli archivi del 900, che si è articolato in diversi seminari di studio, relativi ai differenti distretti produttivi in varie città dItalia, in attività di censimento ed in convegni nazionali. Il progetto è stato accolto dalla Direzione Generale per gli Archivi e rilanciato nel Portale della Moda, allinterno del Sistema Archivistico Nazionale.



                                     

2. Presidenti

  • 2015 –. Mariella Guercio
  • 1949 - 1950 Emilio Re
  • 1996 - 2010 Isabella Orefice
  • 1963 – 1985 Antonino Lombardo
  • 1960 – 1963 Leopoldo Sandri
  • 1986 – 1996 Enrica Ormanni
  • 1950 – 1959 Riccardo Filangeri
  • 1985 – 1986 Antonio Saladino
  • 2010 – 2015 Marco Carassi