Indietro

ⓘ Supermercato virtuale




                                     

ⓘ Supermercato virtuale

Il supermercato virtuale è uno spazio espositivo, situato molto spesso in luoghi pubblici, che consente agli utenti di consultare lassortimento di un retailer e ordinare gli articoli di proprio interesse attraverso dispositivi mobile.

Il primo supermercato virtuale è stato inaugurato nel novembre 2010 in Korea e, in seguito al successo riscontrato, è stato riproposto in versioni più o meno simili in Europa e in Italia.

                                     

1. Origini: Tesco Home plus in Korea

Il primo supermercato virtuale nasce nel novembre 2010 in Korea dove la catena discount Homeplus, nata dalla joint-venture tra Samsung e il retailer inglese Tesco, lancia il suo virtual store allinterno della rete metropolitana della capitale Seul.

Linterazione con gli scaffali del supermercato - realizzati con dei pannelli retroilluminati e posizionati sulle pareti delle stazioni - si basa sulla lettura dei QR code associati agli articoli raffigurati. Scansionando con uno smartphone il codice è possibile consultare la schede dei prodotti e costruire il proprio carrello virtuale. Al termine della spesa, il consumatore processa lordine selezionando il luogo e lorario di consegna.

A seguito del successo conseguito, il supermercato virtuale di Tesco Home plus si aggiudica i premi marketing, pubblicità e comunicazione alla 58ª edizione del Cannes Lions International Advertising Festival.

                                     

2. I casi europei: Carrefour, Tesco e Sorli Discau

È Sorli Discau, catena di supermercati spagnola, a portare in Europa per la prima volta il supermercato virtuale. Nel luglio del 2012 viene, infatti, inaugurato il virtual store nella fermata della metropolitana di Sarrià a Barcellona.

Sempre nellestate del 2012 è nuovamente Tesco a riproporre il supermercato virtuale. Dalla metropolitana si passa però allaeroporto. Viene infatti installato un virtual supermarket nellarea partenze del terminal nord dellaeroporto londinese di Gatwick. Scopo delliniziativa: dare la possibilità ai passeggeri di ordinare la propria spesa e vedersela recapitata a casa al ritorno delle loro vacanze. Il supermercato virtuale di Tesco è stato costruito con lutilizzo di dieci pannelli retroilluminati.

Nei mesi di settembre e ottobre 2012 è invece il retailer francese Carrefour ad inaugurare due supermercati virtuali nelle stazioni metropolitane di Gare du Nord a Parigi e Part Dieu a Lione. Sulla scia di quanto sperimentato dalla catena belga, Delhaize, Carrefour ha deciso di installare un cubo di 9 metri dal quale gli utenti possono scannerizzare i codici di 301 prodotti.

                                     

3. Il caso italiano: Klikkapromo

Il primo caso in Italia di supermercato virtuale è offerto dal motore di ricerca delle offerte promozionali, Klikkapromo.it, che ha realizzato uno scaffale virtuale allinterno della metropolitana di Milano.

A differenza degli altri casi, con lo scaffale virtuale di Klikkapromo i consumatori non ordinano la propria spesa ma ricercano le offerte promozionali dei supermercati presenti a Milano.