Indietro

ⓘ Elsässische Maschinenbau-Gesellschaft Grafenstaden




Elsässische Maschinenbau-Gesellschaft Grafenstaden
                                     

ⓘ Elsässische Maschinenbau-Gesellschaft Grafenstaden

La Elsässischen Maschinenbau-Gesellschaft Grafenstaden era una industria di costruzioni meccaniche sita a Grafenstaden, in Alsazia, nei pressi di Strasburgo.

Nel 1826 André Koechlin fondò una ditta di costruzioni, denominata "Andre Koechlin & Cie" nella città di Mulhouse; la produzione comprendeva macchine a vapore, turbine, macchine tessili e, a partire dal 1839, anche locomotive a vapore.

La storia della fabbrica è strettamente legata a quella dellAlsazia-Lorena: in seguito alla sconfitta nella guerra Franco-Prussiana del 1870-71 la Francia dovette cedere i territori alla Germania imperiale e pertanto anche la società, divenuta "Elsässische Maschinenbaugesellschaft Andreas Köchlin & Cie" di Mülhausen e la "Maschinenwerkstätte Rollé & Schwillgué" di Strassburg-Grafenstaden si trovarono inserite nel territorio tedesco. Nel 1872 in seguito alla loro fusione assunsero il nome di "Elsässischen Maschinenbau-Gesellschaft Grafenstaden".

Alla fine della prima guerra mondiale, nel 1919, lAlsazia-Lorena e con essa anche la Elsässische Maschinenbau di Grafenstaden ritornarono alla Francia. Loccupazione dellAlsazia nel 1941 mise la fabbrica nuovamente al servizio della Germania e vennero messe in produzione locomotive per la Deutsche Reichsbahn del tipo DRG 44 e DRG 52. Alla fine del conflitto la fabbrica tornò ad essere francese; nel 1951 fu messa in produzione la prima locomotiva diesel e nel 1955 cessò la produzione delle macchine a vapore. La produzione delle macchine diesel continuò fino al 1965.