Indietro

ⓘ Spijker V.2




Spijker V.2
                                     

ⓘ Spijker V.2

Lo Spijker V.2, spesso scritto come Spyker V.2, era un biplano da addestramento sviluppato dallazienda aeronautica olandese Spijker durante il periodo della prima guerra mondiale.

                                     

1. Storia del progetto

Il V.2 fu uno dei primissimi aerei progettati e costruiti nei Paesi Bassi. Nelle intenzioni del progettista, Henry Wijnmalen, il V.2 doveva essere un addestratore di transizione tra il lento Farman HF.20 ed i più veloci Fokker e Nieuport.

                                     

2. Tecnica

Laereo fu progettato con un design molto convenzionale per lepoca. Si trattava di un biplano con corda alare costante, due coppie di montanti per ogni ala ed altre due coppie tra lala superiore e la fusoliera. Sia lala superiore che quella inferiore erano dotate di alettoni. Sopra la fusoliera, il bordo duscita dellala superiore era stato sagomato, in forma semicircolare, per migliore la visibilità verso lalto del pilota seduto dietro, di norma listruttore. I due piloti sedevano in tandem, ed entrambi i cockpit erano dotati di doppi comandi. Il motore era un rotativo Thulin, copia svedese costruita su licenza dei motori Gnome. La cappottatura poteva essere integrale oppure aperta nel settore inferiore, coprendo il motore per un angolo di 270°. La struttura della fusoliera era composta da longheroni in legno ed elementi a "T". Il carrello datterraggio, fisso, aveva le ruote su un singolo asse fissato alla fusoliera con una struttura a "V". Nella parte terminale della fusoliera era presente un pattino datterraggio.

                                     

3. Impiego operativo

I Paesi Bassi rimasero neutrali nel corso della prima guerra mondiale, così che il pubblico europeo apprese dellesistenza del V.2 solo allEerste Luchtverkeer Tentoonstelling Amsterdam, manifestazione aerea che si svolse vicino ad Amsterdam nel 1919. Durante i voli di esibizione il V.2 dimostrò di poter eseguire un looping nonostante il piccolo motore. Furono costruiti complessivamente 78 V.2, di questi 58 andarono alla Luchtvaartafdeeling LVA, laeronautica militare, 18 alla Marine Luchtvaartdienst MLD, laviazione navale, e 2 alla Koninklijk Nederlands Indisch Leger KNI, la forza militare stanziata nelle Indie Orientali Olandesi. In seguito 9 V.2 della LVA furono trasferiti nella MLD.

Fu riscontrato un significativo numero di incidenti mortali sia nella LVA che nella MLD. Nel 1924 la MLD sostituì i suoi V.2 coi Fokker S.III. Nel 1926 38 V.2 furono donati ad un istituto tecnico di Amsterdam, mentre i rimanenti furono ritirati dal servizio. Nonostante ciò, nel 1930 erano ancora presenti negli elenchi dellaeronautica.