Indietro

ⓘ Clemens von Ketteler




Clemens von Ketteler
                                     

ⓘ Clemens von Ketteler

Il barone Clemens August Freiherr von Ketteler è stato un diplomatico tedesco, ucciso durante la ribellione dei Boxer.

                                     

1. Biografia

Ketteler proveniva da una nobile famiglia del Münsterland. Dopo la laurea a Münster e Coesfeld nel 1873, Ketteler entrò nellesercito prussiano e vi rimase in servizio finché non gli fu permesso di entrare nel corpo diplomatico tedesco nel 1882. Tra il 1880 e il 1889 fu interprete presso i consolati tedeschi di Canton Guangzhou e Tientsin. Dopo aver lavorato nel Ministero tedesco per gli Affari Esteri per un breve periodo, venne inviato a Washington, D.C. dal 1892 al 1896 e poi in Messico dal 1896 al 1899.

                                     

1.1. Biografia La morte a Pechino

Tornò in Cina nel 1899 in qualità di plenipotenziario tedesco a Pechino, da dove tentò invano di sottolineare quanto fosse pericolosa la situazione per gli europei. Il 12 giugno 1900, quando i Boxer si mossero verso il centro della città e bruciarono le chiese cristiane, Ketteler reagì ordinando alle guardie dellambasciata tedesca di dar loro la caccia. Il 14 giugno i soldati della Marina tedesca respinsero i Boxer che tentavano di sfondare le barricate, e uccisero una ventina di loro.

Il 17 giugno il Kansu Braves, un corpo di truppe cinesi musulmane, attaccò Ketteler e i suoi marinai tedeschi alle Legazioni. Dopo che alcune pietre vennero lanciate contro i tedeschi dai cinesi musulmani, Ketteler disse ai suoi uomini di sparare alle truppe musulmane. Ketteler attaccò inoltre brutalmente un civile cinese senza alcuna ragione, e colpì un ragazzo che era con lui dopo averlo portato alle Legazioni; Ketteler poi sparò al ragazzo, uccidendolo.

Il 18 giugno, le truppe tedesche catturarono un civile cinese sospettato di essere un boxer nel centro della città e lo portarono al Quartiere delle Legazioni, dove venne imprigionato. La folla che si raccolse più tardi per chiedere il rilascio delluomo venne fatta disperdere dal fuoco delle guardie austro-ungariche: furono molti i feriti. Il 19 giugno, ricevuta la notizia dellattacco ai Forti di Taku da parte dellAlleanza delle otto nazioni, limperatrice cinese Cixi ordinò immediatamente alle legazioni che i diplomatici e tutti gli altri stranieri avrebbero dovuto abbandonare Pechino sotto la scorta dellesercito cinese entro 24 ore.

Nella mattina del 20 giugno, Ketteler, insieme al suo interprete e ad altre persone, si diresse verso il Yamen Zongli il Ministero degli Affari Esteri, accompagnato da una scorta armata. Allestremità occidentale dello Xizongbu Hutong, a solo un isolato di distanza dal ministero, il gruppo venne attaccato. Ketteler morì nel successivo scontro a fuoco, ucciso deliberatamente dal capitano manciù En Hai per vendicare il ragazzo assassinato da Ketteler. En Hai si consegnò alle forze alleate di occupazione, e venne decapitato a Pechino il 31 dicembre 1900. Un comandante musulmano dal Braves Kansu strappò poi gli occhi e la pelle del barone von Ketteler, e mangiò il suo cuore.