Indietro

ⓘ Storia delle ferrovie in Albania




Storia delle ferrovie in Albania
                                     

ⓘ Storia delle ferrovie in Albania

La storia delle ferrovie in Albania inizia intorno al 1890 con la costruzione di alcune ferrovie a scartamento ridotto realizzate principalmente a scopo militare o minerario. La prima linea a scartamento normale fu realizzata dopo il 1947 con la nascita della Repubblica Popolare Socialista dAlbania.

Il sistema ferroviario albanese ha unestensione di 423 km a scartamento standard 1435 mm ed è gestito dallazienda Hekurudha Shqiptare Ferrovie albanesi conosciuta con la sigla CSM. Lunico collegamento internazionale è con il Montenegro e solo per il trasporto merci.

                                     

1.1. Storia Prima del 1947

La storia ferroviaria dellAlbania risale, sostanzialmente, alla seconda metà del Novecento, anche se, in precedenza, erano esistiti tratti di linee ferroviarie a scartamento ridotto, poi distrutti durante la Prima e la Seconda guerra mondiale.

Nel 1910 si contavano circa 300 km di ferrovie che avevano lo scartamento ridotto di 0.60 e 0.75 m. Si trattava, principalmente, di linee di proprietà di compagnie minerarie. Questo sistema ferroviario è stato utilizzato fino alla fine degli anni venti.

                                     

1.2. Storia Sotto il regime comunista

Il 7 novembre 1947, il regime comunista della Repubblica Popolare dAlbania di Enver Hoxha aprì il primo tratto che collegava le città di Durazzo e Peqin. Il regime di Hoxha si impegnò a promuovere il sistema ferroviario albanese, mentre, al contempo, era stato vietato luso del trasporto privato. Durante i primi anni di influenza sovietica sul paese, lAlbania iniziò a ricevere macchinari dallUnione Sovietica e da altri paese dellEuropa orientale; nel 1957 arrivò nel paese la prima locomotiva diesel di costruzione cecoslovacca. A partire dal 1960 si intensificarono i rapporti di fornitura dalla Cina.

Tra la fine degli anni sessanta e settanta venne realizzata la prima ferrovia attraverso le zone montagnose del paese, con cui si misero in collegamento le città di Elbasan e Prrenjas.

Il regime di Hoxha tenne lAlbania isolata dal resto del mondo sin da quando ruppe le relazioni con lUnione Sovietica e con il blocco comunista. Ciò precluse lottenimento di pezzi e attrezzature per la manutenzione della rete ferroviaria e dei macchinari; si affidò quindi alla lontana Cina maoista, fino al 1978 quando ruppe le relazioni anche con questultima. La conseguenza fu che, per la manutenzione, la rete dovette affidarsi unicamente al materiale presente in Albania.

Dopo la morte di Hoxha, venne realizzato in Albania, nel 1986, il primo collegamento ferroviario internazionale, con lallora Repubblica Socialista di Montenegro, facente parte della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.

                                     

1.3. Storia Dopo la caduta del regime comunista

Negli anni novanta, con la caduta del regime comunista, la situazione delle ferrovie albanesi dovette misurarsi con la grave crisi sociale ed economica che colpì il paese nel 1997 facendo scoppiare una rivolta popolare che portò al saccheggio e allincendio di treni e stazioni. Nello stesso anno, viene interrotto, con la rimozione delle rotaie, il collegamento ferroviario internazionale tra Albania e quella parte stato dellex Jugoslavia che era ormai divenuta la Repubblica di Montenegro. La linea verrà ricostruita cinque anni dopo, nel 2002. Con la caduta del regime, peraltro, luso di automobili e autobus è cresciuta notevolmente, nonostante le pessime condizioni in cui versano alcune autostrade del paese. Questo ha portato a una diminuita importanza del mezzo ferroviario nel sistema dei trasporti in Albania, anche per la costruzione di nuove vie di collegamento come la strada che collega Tirana a Durazzo.

Dal 2000 la Hekurudha Shqiptare non è più unazienda statale, ma ha assunto la forma giuridica di società per azioni, pur rimanendo di proprietà statale. Dal 2005 hanno fatto lingresso nuovi operatori economici nel sistema del trasporto ferroviario albanese.

La rete ferroviaria albanese necessiterebbe di notevoli investimenti. Il parco rotabili è per lo più obsoleto e il governo albanese utilizza soluzioni demergenza con acquisizione di materiale rotabile doccasione proveniente da stati come Germania, Repubblica Ceca e Russia. Il limite di velocità massimo della rete ferroviaria albanese è di 80 km/h e la velocità commerciale è molto bassa; secondo ledizione 2007 degli orari ferroviari europei "Thomas Cook" ad esempio, un viaggio tra Scutari e Tirana, la cui distanza è di 98 km, richiede una durata di circa 3.5 ore.

Il codice UIC dellAlbania è 41.



                                     

1.4. Storia Copertura della rete

Il sistema di trasporto per passeggeri di HSM comprende le seguenti linee:

  • Rrogozhine – Elbasan – Pogradec
  • Scutari – Milot - Vore – Durazzo – Rrogozhine – Fier – Valona
  • Vore – Tirana

I binari della linea Milot-Rubik-Rreshen sono stati parzialmente rimossi durante la separazione del Montenegro.