Indietro

ⓘ Campo dei miracoli




Campo dei miracoli
                                     

ⓘ Campo dei miracoli

In questo campo, situato nei pressi della città Acchiappa-citrulli nel Paese dei Barbagianni, il burattino viene invitato dal Gatto e la Volpe a piantare gli zecchini doro in suo possesso: la miracolosa natura del terreno avrebbe a dir loro fatto crescere in brevissimo tempo un albero capace di fruttare monete. Invece, una volta invitato Pinocchio a tornare "fra una ventina di minuti" ed aver finto di andarsene, i due furfanti tornano nel campo, rubano gli zecchini doro e fuggono "come il vento".

Tornato dalla città dopo una fremente attesa, Pinocchio scoprirà linganno grazie ai sarcastici suggerimenti di un pappagallo.

                                     

1. Usi metaforici

Limmagine del campo dei miracoli e lepisodio del romanzo che vi è ambientato ricorrono frequentemente nella trattatistica economica o nella satira di costume come metafora di politiche e pratiche volte a diffondere lidea di facili arricchimenti.

                                     

2. Piazza dei miracoli

Questo luogo fittizio viene spesso confuso con lespressione poetica "piazza dei miracoli" utilizzata dalla metà del XX secolo per descrivere la piazza del Duomo di Pisa. I monumenti della famosa piazza infatti vennero chiamati miracoli da Gabriele DAnnunzio nel suo romanzo Forse che sì, forse che no del 1910, da cui lespressione. Ma essendo numerosa la presenza di piazze famose in Italia chiamate per lappunto "campo" ed essendo molto diffuso e noto nel mondo il racconto di Pinocchio, moltissime persone Italiane o straniere tendono a confondere le due cose. Il complesso monumentale del Campo dei Miracoli riflette la potenza di Pisa, una Repubblica marinara che nel XII secolo era il più importante porto del Tirreno e controllava i commerci mediterranei fino alla lontana Siria.

Comprende il Duomo di Pisa, il campanile o Torre pendente, il Battistero e il Camposanto.