Indietro

ⓘ Industrialismo




                                     

ⓘ Industrialismo

L industrialismo è un aspetto della politica economica diretta a potenziare prevalentemente lo sviluppo industriale poiché lo considera di importanza predominante su lattività agricola e artigiana e in genere su tutti gli altri aspetti delleconomia di un territorio.

                                     

1. Società industriale e industrialismo

Il termine non va confuso con quello di industrializzazione che è un fenomeno che si accompagna alla rivoluzione industriale che segnò il cambiamento di strutture tecnologiche, economiche e sociali che svilupparono la produzione e trasformazione di beni materiali ottenute anche con limpiego di capitali e nuovi razionali metodi produttivi.

Già nel corso dellOttocento nel progresso industriale si vede la possibilità della creazione di una nuova società improntata ai criteri economici ed etici dellindustrialismo. Da questa ideologia nascono i tentativi di riforme sociali di Saint-Simon e di Robert Owen dove le norme sociali si configurano sul modello industriale.

Sin dallinizio del processo di industrializzazione alcuni autori hanno visto nei suoi elementi costitutivi come il metodo della divisione del lavoro sociale, la tendenza allespansione delle prime manifatture e alla sostituzione nella gestione imprenditoriale dei gruppi familiari con dirigenti manageriali ecc. una capacità di trasformare lassetto sociale nel suo complesso dando vita a una "società industriale" che si evolvesse lungo ununica via di progresso economico e sociale unificando e rendendo simili tutte le società che avessero raggiunto un elevato grado di sviluppo industriale considerando secondarie e trascurabili le differenze economiche quali un capitalismo privato o statale e collettivista.

In questo senso lindustrialismo può essere considerato una conseguenza ideologica dellindustrializzazione cioè "non un particolare metodo dindustria, ma una particolare valutazione dellimportanza dellindustria da cui consegue che questa viene considerata la sola cosa importante, cosicché viene elevata dal potere subordinato che dovrebbe occupare fra gli interessi le attività delluomo, fino a costituire il criterio in base a cui tutti gli altri interessi e tutte le altre attività vengono giudicati."

                                     

2. La logica dellindustrialismo

Autori come Clark Kerr e altri 1960 avevano scritto di una "logica dellindustrialismo" come un principio universale basato sulla funzione delle élite alla guida del processo di industrializzazione.

La logica dellindustrialismo accomunata con i progressi della tecnologia avrebbe eliminato gli aspetti negativi del capitalismo comportando non solo la fine dei lavori ripetitivi di manodopera non qualificata sostituita da lavoratori specializzati ma anche laumento del tempo libero, la diminuzione delle proteste operaie e dei contrasti di classe, il ruolo benefico predominante dei dirigenti imprenditoriali che si trovano alla guida dei paesi sviluppati e di quelli emergenti, delle nazioni a economia di mercato e di quelle a economia pianificata con un intervento sempre più incisivo dello Stato.

                                     

3. Critiche dellindustrialismo

Se è vero che solo lindustrialismo può garantire la sopravvivenza d grandi masse umane tanto che un ritorno a una fase preindustriale significherebbe un arretramento drammatico delle condizioni di vita dellumanità, tuttavia è stato osservato come lorganizzazione industriale del lavoro ha generato uniformità e conformismo negli operai sottoposti alle rigide regole della produzione industriale così che:

Altre critiche dellindustrialismo riguardano la formazione di classi sociali che vivono sfruttando il sistema industriale senza contribuire al suo sviluppo:

                                     
  • Solari, Torino, 1909, Tip. Salesiana Sandro Rogari, Ruralismo e anti - industrialismo di fine secolo. Neofisiocrazia e movimento cooperativo cattolico, 1984
  • molti teorici di post - taylorismo o post - fordismo o addirittura di post - industrialismo rende la nuova capacità di produzione industriale più pervasiva ed
  • scientismo, indipendentismo, ruralismo, progressivismo e populismo, e infine industrialismo e tecnologismo. Türkes servì come vice - Primo Ministro nei governi di
  • veniva presentato il quadro sociologico di una società corrotta dall industrialismo borghese che era penetrato nelle mani della politica e, contro questa
  • volta suddivise in vari capitoli: Prima parte L espansione economica L industrialismo italiano e le sue conseguenze sociali e politiche L agricoltura Le
  • Vienna in qualità di deputato del Württemberg. Fu anche un pioniere dell industrialismo nel 1824 creò ad Augusta la prima stampa meccanica e nel 1825 iniziò
  • capitalismo C. Kerr, J.T. Dunlop, F.H. Harbison, G.Myers, Forme dell industrialismo Oskar Lange, La pianificazione Nino Andreatta, Pluralismo sociale
  • immaginaria: una donna nella letteratura e sulla scena nell età dell industrialismo 1832 - 1908, Liguori editore, 2007, p. 18, ISBN 9788820740528. Salvatore
  • l Occidente. L opera non ebbe un grande successo a causa del suo anti - industrialismo Il libro contiene la famosa citazione di Spengler, L ottimismo è viltà