Indietro

ⓘ Albi di Dylan Dog (1986)




                                     

ⓘ Albi di Dylan Dog (1986)

Il 26 settembre 1986 esce in edicola il primo albo di Dylan Dog, ma con data ufficiale di copertina ottobre 1986. Per ragioni misteriose i morti tornano a camminare tra i vivi; fra coloro che ritornano cè il biologo John Browning, marito della giovane Sybil, la quale si rivolge allinvestigatore Dylan Dog, un detective sui generis, "indagatore dellincubo". Insieme allinseparabile assistente Groucho, Dylan e Sybil seguono la pista degli zombi, finendo nel villaggio scozzese di Undead non morto; nel viaggio fanno la conoscenza del dottor Xabaras, collega di John, un individuo ambiguo e minaccioso.

  • Il titolo è un omaggio al film Zombi, di George A. Romero; nellalbo si vede un entusiasta Dylan dopo aver portato con sé Groucho e Sybil al cinema a vederlo, nellambito di una "serata di film dellorrore non stop"; il titolo originale del film è infatti Dawn of the Dead, ovvero LAlba dei Morti.
                                     

1. Jack lo Squartatore

Il modus operandi di alcuni omicidi fa pensare a un ritorno dal regno dei morti di Jack lo squartatore. Lispettore Bloch, che non riesce a risolvere il caso, chiede laiuto di Dylan Dog. Questultimo, indagando, si rende conto che molto probabilmente non è affatto un fantasma a compiere gli efferati omicidi.

                                     

2. Le notti della luna piena

In un collegio femminile nella Foresta Nera, in Germania, una ragazza inglese, Mary Ann, scompare. Dylan Dog, ingaggiato dal padre della ragazza, raggiunge, con linseparabile Groucho, il paesino di Wolfburg, dopo 22 ore di viaggio nel suo maggiolone. Dylan si ferma per la notte alla locanda del "Lupo Nero", il cui locandiere, un certo Rudy, racconta delle terribili leggende paesane.

  • Albo molto citazionista, vi si riconoscono scene, personaggi, avvenimenti e tematiche ispirate ai film di Dario Argento Suspiria e Phenomena, e fra i personaggi si ricordano la direttrice del collegio Frau Blucher, nome preso da quello di un personaggio del film Frankenstein Junior, di Mel Brooks, e il commissario tedesco Durrenmatt, cognome ispirato a quello dello scrittore di gialli Friedrich Dürrenmatt.