Indietro

ⓘ Sablatnig N.I




Sablatnig N.I
                                     

ⓘ Sablatnig N.I

Il Sablatnig N.I fu un bombardiere notturno leggero, monomotore biposto a velatura biplana, sviluppato dallazienda aeronautica tedesco-imperiale Sablatnig Flugzeugbau GmbH nei tardi anni dieci del XX secolo.

Derivato dal precedente ricognitore armato biposto Sablatnig C.I, venne impiegato dai reparti di bombardamento notturno della Luftstreitkräfte, la componente aerea del Deutsches Heer lesercito imperiale tedesco, fino al termine della prima guerra mondiale. Venne inoltre riutilizzato, dopo il termine del conflitto, come aereo da trasporto passeggeri nella sua conversione civile, a sua volta sviluppata in una nuova serie di modelli derivati costruiti espressamente per il trasporto aereo civile, il Sablatnig Sab P I, modelli che contribuirono allo sviluppo dellaviazione commerciale nella Repubblica di Weimar.

                                     

1. Storia del progetto

A seguito dellevolversi delle strategie nella guerra aerea durante il primo conflitto mondiale nel 1917 lIdflieg iniziò ad emettere delle specifiche per la fornitura di modelli biposto in grado di operare missioni di bombardamento notturno tattico. Questa nuova classe di velivoli, identificata inizialmente come "CN-Typ", era unevoluzione della "C-Typ" da ricognizione armata biposto dalla quale non si discostava sostanzialmente. Nel 1918 le specifiche vennero rielaborate e la classe "CN-Typ" venne ridesignata "N-Typ", di conseguenza alcune della aziende aeronautiche nazionali proposero dei modelli che rispondessero a questi requisiti.

Lufficio tecnico della Sablatnig Flugzeugbau rielaborò il progetto del proprio C.I da ricognizione, che non era stato accettato per la produzione in serie. Limpostazione generale riproponeva quella oramai classica per i velivoli dellepoca, monomotore in configurazione traente, velatura biplana, carrello fisso e, in questa tipologia, i due abitacoli aperti in tandem.

Il prototipo venne portato in volo per la prima volta nel corso del 1918 e, valutato positivamente dalla commissione esaminatrice Idflieg, avviato alla produzione in serie. Le fonti bibliografiche non forniscono esattamente la quantità di esemplari realizzati né quanti esemplari fossero stati consegnati effettivamente a reparti operativi prima della cessazione delle ostilità, tuttavia è certo che alcune cellule erano state realizzate prima dellarmistizio.

Con il termine del conflitto, dopo la ratifica del Trattato di Versailles del 1919 le imposizioni pretese dalle nazioni della Triplice intesa, laviazione delloramai smembrato Impero tedesco era stata drasticamente ridotta ed i voli, dopo un iniziale divieto imposto dalle potenze vincitrici, ripresero solo dopo qualche tempo limitatamente ai servizi di trasporto civile. La timida rinascita del mercato dellaviazione nella neofondata Repubblica di Weimar indusse alcune aziende ad avviare delle conversioni adatte allo scopo dai pochi velivoli residuati bellici scampati alla distruzione o alla cessione allestero come risarcimento dei danni di guerra.

Destinato al difficile mercato dellaviazione commerciale dopo il termine della prima guerra mondiale, fu uno dei primi modelli tedeschi approvati dall Interallierte Luftfahrt-Überwachungs-Kommission ILÜK, Commissione interalleata di controllo sullaviazione, per la produzione in serie nella nuova realtà nazionale tedesca, la Repubblica di Weimar.

                                     

2. Impiego operativo

LN.I entrò in servizio dai primi anni venti con diverse compagnie aeree nazionali ed estere, tra cui Luftverkehr Sablatnig, diventata poi Lloyd Luftverkher Sablatnig, Deutschen Aero Lloyd, Deutsche Luft Hansa e la danese Danish Air Express. Lultimo esemplare rimasto in servizio, il W.Nr 128 marche D-77 già utilizzato dalla Lloyd-Luftverkehr Sablatnig, operò nella compagnia aerea LVG Hamburg rimanendo in carico allazienda fino al maggio 1929, data in cui venne smantellato.

                                     

3. Utilizzatori

Civili

Danimarca
  • Danish Air Express
Germania
  • LVG Hamburg
  • Luftverkehr Sablatnig
  • Deutsche Luft Hansa
  • Deutschen Aero Lloyd
  • Lloyd Luftverkher Sablatnig

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...