Indietro

ⓘ Luigi Filosa




Luigi Filosa
                                     

ⓘ Luigi Filosa

Interventista di sinistra seguì Mussolini fin dal 1915. Ufficiale durante la Grande Guerra, fu fra i fondatori del PNF calabrese insieme a Michele Bianchi, e divenne federale di Cosenza. Di orientamento repubblicano e rivoluzionario, venne espulso dal partito dopo la Marcia su Roma. Divenne cospiratore clandestino in associazione alle cellule comuniste e fu arrestato, condannato al carcere e assegnato al confino.

Si iscrisse di nuovo al PNF nel 1943, poco prima della caduta del regime, propugnando lalleanza fra lItalia proletaria e la Russia sovietica. Allarrivo degli angloamericani tentò di organizzare una resistenza militare fascista sotto linsegna delle "Guardie ai Labari" del principe Valerio Pignatelli. Individuato dai servizi dellAMG tentò di raggiungere i territori della Repubblica Sociale Italiana, ma fu arrestato e condannato a 8 anni di prigione per "attività clandestina armata". Fu liberato nel 1946 dallamnistia Togliatti.

Fondò il Movimento Sociale Italiano in Calabria, di cui fu eletto deputato alle elezioni politiche del 1948 e del 1953. Nella prima il deputato, come tutti gli eletti del MSI, aderì al gruppo misto; nella seconda legislatura si unì invece al gruppo del Movimento Sociale, ma se ne distaccò nel luglio del 1957 per tornare nel gruppo misto.

Filosa continuò a seguire la politica nazionale, ma tornò a svolgere la sua professione di avvocato.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...