Indietro

ⓘ Dispositivo (filosofia)




Dispositivo (filosofia)
                                     

ⓘ Dispositivo (filosofia)

Il dispositivo, in senso filosofico, è un concetto teorizzato nel XX secolo, nella metà degli anni settanta, per descrivere alcuni aspetti con cui il potere agisce e si riproduce tramite quello strumento con il quale interviene nei rapporti di forza per orientare, bloccare, servirsi a suo vantaggio delle strutture sociali che vengono così influenzate dagli effetti pratici di un discorso, di una tecnica, di una ideologia.

                                     

1. Foucault: il dispositivo e la libertà

Così Michel Foucault chiarisce il concetto di dispositivo:

Foucault precisa che più che dispositivo bisogna parlare di una rete di dispositivi in cui gli elementi che la costituiscono sono sia discorsivi che concreti come ad esempio unautomobile che è essa stessa un dispositivo in quanto oggetto reale, il risultato di un progetto ingegneristico ed anche di una pubblicità che ha indotto il consumatore a comprarla.

In particolare, dunque per Foucault i dispositivi sono linsieme di tecniche discorsive e concrete di gestione e governo in cui alcuni elementi, come, ad esempio, le scuole o le prigioni, sono in grado di controllare, dirigere e contenere strategicamente le condotte dei soggetti.

Il dispositivo si forma quando appare la necessità e lurgenza di un cambiamento dei dispositivi precedenti ormai non più adeguati alla situazione concreta. Questo effetto non ha una causa da identificare in una precisa fonte che lo amministri poiché i dispositivi sono di diversa natura e non hanno un preciso potere che li formi e li gestisca ma ciò non toglie che i dispositivi, secondo i modi del potere li strutturano, indirizzano le nostre scelte le condizionano al punto da chiedersi quale sia il nostro reale ambito di libertà.

                                     

2. La risposta di Deleuze

Gilles Deleuze ha così indicato una risposta a questa domanda:

La diagnosi che segue allanalisi, secondo Deleuze, deve quindi portare a una terapia messa in atto da una società di controllo.

                                     

3. Agamben: levanescenza del soggetto

Giorgio Agamben individua unulteriore finale conseguenza dei dispositivi:

Sin dallinizio luomo ha caratterizzato la sua storia con un accumularsi di dispositivi dai quali è divenuto prigioniero e che ormai è impossibile distruggere o controllare per usarli nel modo più utile

Premesso che per "soggetto" Agamben intende la "simbiosi" dellindividuo con i dispositivi e per "soggettivazione" il relativo mutamento da questi provocato, egli osserva che essi ora non danno più luogo a unulteriore mutazione del soggetto stesso attraverso quella che egli chiama "desoggettivazione" ma a una evanescenza del soggetto quasi inglobato dal dispositivo:

Caso tipico di questo fenomeno è il possesso di un telefono cellulare che trasforma il soggetto in un numero telefonico, sempre sotto controllo.

                                     
  • determinata funzione Dispositivo in diritto, parte di un atto contenente la decisione finale del giudice Dispositivo in filosofia concetto teorizzato
  • diagnostico quindi di dispositivo medico con obbligo di certificazione e verifica, a sistema di pre - diagnosi quindi di pseudo dispositivo medico senza alcun
  • O. Longo, Bit Bang. La nascita della filosofia digitale, Apogeo, 2014. Pagallo Ugo, Introduzione alla filosofia digitale. Da Leibniz a Chaitin, Torino
  • W. Bechtel, Filosofia della mente, Bologna, Il Mulino 2002. A. G. Biuso, Dispositivi semantici. Introduzione fenomenologica alla filosofia della mente
  • Pierre Klossowski. Nel 1948 conseguì la laurea in filosofia e l abilitazione all insegnamento della filosofia nei licei, e dal 1948 al 1957 svolge la professione
  • attualmente professore ordinario di filosofia teoretica presso l Università degli Studi dell Aquila e docente di filosofia presso l IRPA Istituto di ricerca
  • e saggista italiano. Professore ordinario di Filosofia teoretica, insegna Filosofia teoretica, Filosofia della mente e Sociologia della cultura nel Dipartimento
  • Talamo, C. Salzani, J. D Alonzo, V. Borsò, P. Colilli. Bios filosofia Zoé filosofia Homo sacer Altri progetti Wikiquote Wikimedia Commons Wikiquote
  • necessita di un dispositivo che implementi almeno J2ME, CLDC e MIDP. Come altre applicazioni Java, le MIDlet seguono la filosofia del compila una volta
  • il suono viene generato per mezzo di una circuitazione elettrica o un dispositivo elettromagnetico. Questa categoria è stata aggiunta alla classificazione
  • su qualunque dispositivo Windows Windows 10, Windows 10 Mobile, Xbox, Hololens e con un interfaccia utente adattabile ai dispositivi in cui la stessa
  • dispositivo di ricetrasmissione radio può invece coprire un ampia zona di utenza ad un prezzo di impianto notevolmente più basso. Reti e dispositivi wireless