Indietro

ⓘ Jean-Claude Izzo




                                     

ⓘ Jean-Claude Izzo

Nel 1993 pubblicò sulla rivista Gulliver un racconto che costituirà la base del suo primo romanzo Casino totale Total Khéops il quale, su insistenza di Michel Le Bris e Patrick Raynal, venne pubblicato nel 1995 nella Série Noire di Gallimard. Il libro si rivelò presto un grande successo vincendo numerosi premi. È linizio della trilogia marsigliese, con protagonista e voce narrante Fabio Montale. Fabio Montale è il personaggio che meglio caratterizza lo stile di Izzo, e che interpreta perfettamente il "noir mediterraneo", stile che proprio il suo autore ha creato. Inizia la trilogia come poliziotto, la finisce da uomo che vive e gode la sua città di un amore viscerale e critico, ma guarda al mondo con una lucidità totale.

Lanno successivo, pubblicò Chourmo. Il cuore di Marsiglia Chourmo, il secondo episodio della trilogia, e lasciò Parigi per Saint-Malo con la sua nuova compagna Laurence Rio. Furono questi anni di intensa produzione letteraria. Nel 1997 infatti, oltre alla raccolta di poesie Loin de tous rivages e a numerosi racconti in varie antologie, pubblicò anche il romanzo Marinai perduti Les Marins Perdus e tornò a vivere definitivamente in Provenza andando ad abitare a Ceyreste. Nel 1998 pubblicò Solea Soléa, lultimo capitolo della trilogia, nonostante le insistenze delleditore che avrebbe voluto allungare la serie.

Iniziò inoltre la stesura de Il sole dei morenti Le soleil des mourants. In maggio terminò anche il suo rapporto con Laurence Rio. Pochi mesi dopo conobbe la fotografa Catherine Bouretz che sposò nel febbraio 1999. Fu lei a illustrare la raccolta di poesie LAride des jours. I segni della malattia un cancro al polmone si fanno sempre più forti; nonostante questo, Izzo non solo portò a termine Il sole dei morenti pubblicato in settembre ma partecipò a numerosi avvenimenti letterari. Neppure la morte – il 26 gennaio 2000 – ha interrotto il successo dei suoi romanzi che, anzi, continuano a trovare sempre nuovi estimatori.

                                     

1. Filmografia come soggettista o sceneggiatore

  • Les marins perdus, regia di Claire Devers 2003
  • Roger et Fred, telefilm 2001.
  • Total Kheops, regia di Alain Bévérini 2002
  • Fabio Montale, serie di 3 film per la TV, regia di José Pinheiro 2001. Adattamento molto controverso soprattutto per il fatto che per il ruolo di Montale è stato scelto Alain Delon le cui idee e la cui personalità sono opposte rispetto a quelle di Izzo.
  • Les matins chagrins, regia di Jean-Pierre Gallepe 1990