Indietro

ⓘ Prove di efficienza operativa




                                     

ⓘ Prove di efficienza operativa

Le prove di efficienza operativa sono prove di efficienza fisica, con cui nelle forze armate italiane i singoli militari possono verificare la propria prestanza fisica in quanto a resistenza, forza ed agilità in rapporto alla propria età.

                                     

1. Caratteristiche

A tale scopo sono definite da ogni forza armata delle discipline pertinenti ed i requisiti minimi nazionali per fascia di età. Si tratta di prove sportive di livello espressamente non agonistico, volte secondo la direttiva dello stato maggiore della difesa SMD-FORM-003 al mantenimento della propria efficienza fisica ed al miglioramento della condizione atletica.

                                     

2. Requisiti minimi

La valutazione delle prestazioni fisiche si basa in genere su parametri obiettivi come la potenza forza ed il consumo massimo dossigeno resistenza. Per fissare requisiti minimi per la valutazione dellefficienza operativa vengono prese in considerazione letà anagrafica le medie statistiche registrate. Ad esempio nel rapporto Optimizing Operational Physical Fitness della NATO vengono definiti i requisiti minimi in base alle prestazioni del 90 % degli esaminati per corpi speciali. Negli Stati Uniti dAmerica ma anche per il brevetto sportivo francese le prestazioni sono valutate in base ad un sistema di punteggi per ogni prova. Per lassegnazione del brevetto sportivo francese si distinguono solo due fasce detà sopra e sotto i 35 anni. In Italia vengono invece stabiliti requisiti minimi per le singole prove e si considerano anche le fasce al disopra dei 35 anni. La seguente tabella mostra i requisiti minimi nazionali validi nellEsercito Italiano.

Un confronto con criteri attuali della Federazione Italiana di Atletica Leggera per la partecipazione ad eventi agonistici volti espressamente a favorire una partecipazione "ampia ma qualificata" salto in alto minimo 2.28 m; salto in lungo minimo 7.95 m dimostra laccessibilità delle prove di efficienza fisica ad un vasto pubblico. Un confronto diretto con sistemi di altri paesi per la valutazione di prove non agonistiche ma di semplice prestanza fisica come richiesto per le forze armate è possibile solo in forma limitata. Nel sistema della NATO ad esempio per le prove di forza si richiede un minimo di 19 trazioni alla sbarra, 36 piegamenti sulle braccia e 22 addominali sit-up. In Italia viene definito un tempo massimo, ad esempio 3 trazioni alla sbarra in 2 minuti Carabinieri. Nel brevetto sportivo francese si verifica la resistenza fisica nella prova della corsa misurando la distanza percorsa entro un tempo fisso di 12 minuti. Anche in questo caso non è possibile un confronto diretto, ma la prestazione minima italiana sui 2000 m corrisponde ad un punteggio medio nel brevetto sportivo francese.

                                     

3. Prove specifiche per Arma

Le discipline per ogni prova di resistenza, forza ed agilità variano in parte a seconda della forza armata. Variano anche gli intervalli per le fasce detà. NellArma dei Carabinieri vengono definiti oltre ai requisiti minimi anche dei requisiti superiori, che comportano un maggiore punteggio. Inoltre vengono definiti requisiti specifici per il genere femminile. Le prove di efficienza fisica delle varie Armi non sono quindi paragobili in tutti i casi.

Le discipline comuni a tutte e quattro le forze armate sono la corsa sulla distanza piana di 3000 m ovvero 2000 m per la prova di resistenza fisica ed i piegamenti sulle braccia per la prova di forza. Nella Marina però si può effettuare la prova di resistenza nella disciplina del nuoto con stile libero sulla distanza di 200 m. Nellesercito la prova di resistenza prevede anche la disciplina della marcia sui 15 km. Sia nellEsercito che nellAeronautica Militare la forza fisica viene verificata oltre che con i piegamenti anche con la prova degli addominali, lagilità con le prove di salto in alto o di salto in lungo.



                                     

4. Altri sistemi di valutazione

Esistono anche sistemi di valutazione della condizione fisica espressamente dedicati a tutta la popolazione. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano non definisce parametri di valutazione. Negli Stati Uniti dAmerica invece esiste il brevetto di prestanza fisica Physical Fitness Award i cui requisiti minimi però sono fissati solo per i giovani in età scolastica e si differenza fra brevetto nazionale National Physical Fitness Award i cui requisiti Qualifying Standards corrispondono al valor medio della popolazione e brevetto presidenziale Presidential Physical Fitness Award i cui requisiti corrispondono al 15 % migliore della popolazione valor medio + deviazione standard. Anche in Germania si trova un brevetto sportivo con parametri di valutazione estesi anche agli adulti, i cui requisiti minimi vengono definiti dal comitato olimpico tedesco.