Indietro

ⓘ Categoria:Allenamento sportivo




                                               

Capriola

Per "capovolta in avanti" o capriola si intende il movimento fisico che viene condotto da una lieve spinta in avanti verso il terreno mentre si è accovacciati con il capo poggiato al suolo. Non è difficile da praticare e basta un minimo di allenamento per riuscire a farla nel migliore dei modi. Per riuscirci ci sono fasi da rispettare: 1 º Corpo dritto, piedi paralleli e braccia in linea al corpo;2° Appoggiare le mani sulla base di appoggio;3°Appoggiare il mento sul punto giugulare; 4° Spingersi in avanti con la forza delle gambe. Cè anche la capriola in avanti in aria; per farla basta pre ...

                                               

Cavi (attrezzo sportivo)

I cavi sono uno strumento per migliorare i dettagli dei diversi muscoli. I cavi sono degli elementi utilizzati nellallenamento con i pesi o nellallenamento funzionale. Sono composti da un rettangolo con telaio in acciaio orientati verticalmente. Sono larghi 3 metri e alti 2 metri, con peso regolabile in ciascuna estremità.

                                               

Concetto di crossover

Nellambito scientifico, il concetto di crossover o punto di crossover indica un evento metabolico riguardante limpiego dei substrati energetici utilizzati durante lattività fisica aerobica, in particolare il rapporto tra lipidi e carboidrati.

                                               

De arte gymnastica

Il trattato De arte gymnastica, scritto nel 1569 dal medico forlivese Girolamo Mercuriale, fu il testo che sancì la nascita della medicina sportiva, rivalutando il ruolo di tale disciplina in campo medico e terapeutico. Lopera apparve in prima stesura a Venezia nel 1569, con la dedica al Cardinale Alessandro Farnese. Una successiva ristampa fu pubblicata negli anni 1569-1573, ampliata e modificata con il titolo di De Arte Gymnastica libri VI, in quibus exercitationum omnium vatustarum genera, loca, mondi, facultates et quidquid denique ad corporis humani exercitationes pertinet diligenter ...

                                               

Defaticamento

Il defaticamento, in inglese cool-down, è una pratica sportiva effettuata al termine dellattività fisica per portare il corpo dallesercizio ad uno stato di riposo in maniera efficiente e vantaggiosa. Essenzialmente si distingue dalla pratica del riscaldamento la cui finalità è diametralmente opposta ovvero posta allinizio dellattività fisica. Spesso questa parte dellallenamento viene sottovalutata e vista come meno importante rispetto ad altre componenti. Tuttavia il defaticamento può avere un impatto significativo sulla salute dellatleta.

                                               

EPOC (metabolismo)

EPOC, acronimo di Excess Postexercise Oxygen Consumption, traducibile in italiano come Consumo di ossigeno in eccesso post-allenamento, è lindice di misurazione dellaumento del consumo di ossigeno a seguito della intensa attività, destinato a soddisfare il "debito di ossigeno" del corpo. Talvolta alcune ricerche denominano questo evento come Excess post-exercise energy expenditure, cioè dispendio energetico in eccesso post-allenamento, riferendosi nello specifico al consumo energetico piuttosto che a quello di ossigeno. Infatti questo parametro viene usato per determinare la spesa energeti ...

                                               

Esercizi multiarticolari

Gli esercizi multiarticolari, detti anche poliarticolari, pluriarticolari, multimuscolari, rappresentano quella categoria di esercizi utilizzati nellesercizio con sovraccarichi che, durante la loro esecuzione, coinvolgono più di una articolazione. Essi possono anche essere denominati biarticolari, nel caso coinvolgano nello specifico 2 articolazioni. Questi esercizi reclutano anche più muscoli, contrapponendosi allaltra categoria di esercizi con sovraccarichi chiamati monoarticolari, o di isolamento, i quali mobilizzano una sola articolazione e molti meno gruppi muscolari.

                                               

Esercizio anaerobico

Nelle scienze motorie un esercizio ginnico-condizionale viene definito esercizio anaerobico quando la risintesi dellATP avviene in assenza di ossigeno. Fisiologicamente un esercizio anaerobico rimane tale fino a quando le scorte di glicogeno muscolare sono sufficienti a consentire la ri-trasformazione dellacido piruvico in ATP. A livello energetico un esercizio anaerobico è certamente meno efficiente, ma sicuramente più efficace di un esercizio aerobico: laumento della massa muscolare ha il vantaggio di portare il corpo a bruciare maggiore energia nelle fasi di riposo in quanto le aumentat ...

                                               

Esercizio fisico a digiuno

L’ esercizio fisico a digiuno è una strategia di allenamento diffusa nel settore sportivo, soprattutto nellambiente fitness, che ipotizza la possibilità di ridurre maggiormente il grasso corporeo o di ottenere benefici generalmente maggiori se lesercizio fisico viene svolto in stato di digiuno. Questa pratica nella quasi totalità dei casi si rivolge alla prima mattinata, dove il corpo viene mediamente da 8-10 ore di digiuno notturno, e nella maggior parte dei programmi prevede lo svolgimento di attività aerobica, la quale esalterebbe lossidazione di grassi durante lesercizio. Ad oggi la ri ...

                                               

Fitwalking

Il fitwalking, letteralmente traducibile in italiano come camminando in forma, è una pratica sportiva non competitiva. Nei paesi di lingua anglosassone il fitwalking è detto power walking. È larte di camminare velocemente, con una velocità al limite superiore del range naturale per landatura a piedi, in genere 7–9 km / h 4.5-5.5 mph. Si considera camminata landatura umana o animale durante la quale si mantiene il contatto col terreno con almeno un piede; si differenzia dalla corsa e dal jogging, in cui si perde il contatto con il terreno durante la fase detta "di volo". Per questo la cammi ...