Indietro

ⓘ Martiri del Campo di Marte




Martiri del Campo di Marte
                                     

ⓘ Martiri del Campo di Marte

I martiri del Campo di Marte furono cinque giovanissimi accusati di renitenza alla leva nellesercito della Repubblica Sociale Italiana e fucilati dai soldati della RSI, nei pressi della Torre di Maratona dello Stadio Giovanni Berta, oggi Stadio Artemio Franchi di Firenze.

                                     

1. I fatti di Vicchio

Il 6 marzo 1944 i partigiani occuparono la cittadina di Vicchio e procedettero alluccisione di diversi simpatizzanti fascisti presi prigionieri. Alle prime luci del 12 marzo 1944 i militi della RSI effettuarono un rastrellamento nella zona, durante il quale furono catturati diversi renitenti alla leva, sospettati di appartenere alle bande partigiane. Tra cui, oltre ad alcuni giovani contadini del posto, un aviere sardo che si era rifugiato presso la famiglia di uno di loro, nei pressi di Gattaia.

                                     

2. Il processo e la condanna

Condotti a Firenze, furono processati e sette furono condannati a morte. Di questi due furono graziati ed assegnati a reparti operativi; vani furono i tentativi di richiedere clemenza da parte delle famiglie e del cardinale Elia Dalla Costa.

La mattina del 22 marzo venivano fucilati:

  • Antonio Raddi, 21 anni, di Vicchio
  • Adriano Santoni, 21 anni, di Vicchio
  • Guido Targetti, 21 anni, di Vicchio
  • Ottorino Quiti, 21 anni, di Vicchio
  • Leandro Corona, 21 anni, di Maracalagonis

Furono invece graziati ed arruolati

  • Bellesi Guglielmo
  • Raddi Marino
                                     

3. Medaglia doro al Valor Civile

Il 25 aprile 2008, durante la cerimonia per la Festa della Liberazione allAltare della Patria di Roma, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha insignito i cinque martiri della Medaglia doro al valor civile.

                                     

4. Cerimonia

Ogni anno, presso il sacrario dello stadio comunale di Firenze si svolge la cerimonia per ricordare i cinque martiri del Campo di Marte, con la deposizione di corone di alloro al monumento e la celebrazione di una Messa.

                                     
  • gallerie del regno. Il 15 agosto 1809, giorno genetliaco di Napoleone, vennero inaugurate le tre sale, dominate dal grande gesso di Napoleone come Marte pacificatore
  • acquistare un vasto appezzamento degli Orti Marchi a sud della città, tra il Campo di Marte e il Lungoparma. La costruzione dell originario edificio, inizialmente
  • Supremo al Campo di Marte L Incorruttibile svolse una specie di ruolo di sacerdote del nuovo culto, guidando una processione che segnò l apogeo del suo prestigio
  • dove avvenne il martirio della santa locale Anatolia in civitate Thora La città era famosa per un antichissimo oracolo di Marte riconosciuto in alcuni
  • del codice militare di guerra, saranno presi immediati provvedimenti anche a carico dei capi famiglia In molti casi, come per i Martiri del Campo di
  • ossia la Brianza: Martesana deriva da Marte a cui si deve il nome di Castelmarte, il capoluogo. Vera capitale di tutto il contado era però Vimercate
  • presentato a Giove e Marte alla scena assiste Nettuno. Un impegno notevole che lo costrinse a rinviare di qualche mese la consegna del Ritratto di Antonio Riccobono
  • cappella Allemandi il nucleo più antico del santuario è stato ritrovato un altare romano dedicato a Marte ed alcuni oggetti, fra cui monete risalenti

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...