Indietro

ⓘ Magia popolare




Magia popolare
                                     

ⓘ Magia popolare

English version: Magic and religion

Con il termine di magia popolare si indicano quelle pratiche di magia, guarigione e divinazione più o meno superstiziose, praticate in Europa soprattutto presso le classi più popolari, tra il tardo XV secolo e la prima metà del XX secolo. La magia popolare si contrappone solitamente allalta Magia, o magia cerimoniale, la quale era invece solitamente praticata presso le classi sociali più colte ed agiate.

                                     

1. Europa

I praticanti di queste arti prendevano nomi diversi a seconda dei paesi e delle regioni europee. In Inghilterra erano chiamati cunning folk gente scaltra o più raramente white witches streghe bianche. In Francia devins-guérisseurs e leveurs de sorts, nei Paesi Bassi toverdokters o duivelbanners, in Germania Hexenmeister o Kräuterhexen, in Spagna curanderos, in Portogallo curandeiros/as, benzedeiros/as o mulheres de virtude, in Danimarca kloge folk, in Svezia klok gumma o klok gubbe vecchi saggi. Per quanto riguarda lItalia largomento è approfondito in dettaglio.

Molto spesso i praticanti di queste arti venivano arrestati e puniti con laccusa di praticare la stregoneria, subendo in certi secoli anche delle vere e proprie forme di persecuzione caccia alle streghe.

La medicina praticata poteva essere superstiziosa, ma spesso era efficace perché si accompagnava alla conoscenza ed uso delle proprietà curative delle erbe, che invece la medicina ufficiale dellepoca disconosceva. Nella categoria dei praticanti di queste arti rientravano spesso le levatrici. Inoltre, soprattutto nei paesi britannici, i domatori di cavalli ed i fabbri erano ritenuti custodi di segreti magici.

                                     

2. Italia

In Italia queste pratiche magiche, divinatorie e curative sono nate dal sincretismo di precedenti pratiche pagane con il culto cristiano, tanto è vero che diffusissimo era luso di incanti e preghiere che prevedevano lutilizzo del nome dei santi e della Madonna appartenenti al cattolicesimo popolare.

I praticanti di queste arti in Italia venivano chiamati in maniera diversa da regione a regione, venendo indicati ad esempio con gli appellativi più generici e diffusi di "praticone", "magara", o "fattucchiera". "Herbane" è il nome delle esperte nelle proprietà della vegetazione. I Benandanti del Friuli, studiati dallantropologo Ginzburg in un celebre saggio, sono tra i più conosciuti.

Il ruolo primario di questi praticanti, come nel resto dEuropa, era quello di guaritori, sia con luso delle erbe, che attraverso rituali, divinazioni e pratiche spirituali. La guarigione spirituale era creduta avvenire attraverso luso di un potere chiamato l.a forza, la virtù o il Segno. Spesso esso veniva trasmesso segretamente allinterno della famiglia e conservato gelosamente. Questa forma di guarigione consisteva spesso nella rimozione del malocchio o di altre forme di presunte maledizioni.

Poiché molte di queste pratiche in certe zone dItalia sono sopravvissute più a lungo che nel resto dEuropa, soprattutto nel mondo delle campagne o nel Sud, ciò ha permesso il loro studio diretto da parte di antropologi e studiosi del folklore. Uno dei più celebri fu Ernesto de Martino.

Lantropologa italo-americana Sabina Magliocco ha sottolineato inoltre la credenza di questi praticanti di avere a che fare con creature soprannaturali e spiriti, sia benevoli che li avrebbero aiutati sia maligni, contro cui combattere. Tra questi ultimi i morti inquieti, i diavoli o le streghe soprannaturali, capaci di arrecare il male alle persone. Tra gli spiriti benevoli invece facevano parte oltre a santi e beati, spesso anche gli antenati e i cari estinti, che venivano chiamati in soccorso. Anche oggetti di varia natura venivano utilizzati per aiutare in queste pratiche, come corde per legare o sciogliere, coltelli e forbici per tagliare via il male, specchi e scodelle dove praticare la divinazione, o armi e fruste schioccanti, per spaventare e scacciare gli esseri malevoli.

                                     
  • Con magia cerimoniale a volte anche chiamata alta magia o magia salomonica si intende quella branca della magia solitamente caratterizzata da una varietà
  • all occultismo e al satanismo. Nel mondo popolare la magia nera è considerata un potere distruttivo opposto a quello della magia bianca, che invece persegue effetti
  • La magia bianca è una pratica esoterica che, a differenza della magia nera, si propone di intervenire unicamente sui fenomeni della natura attraverso lo
  • Disambiguazione Se stai cercando altri significati, vedi Magia disambigua Con il termine magia si intende una tecnica che si prefigge di influenzare o
  • L Hoodoo è una forma di magia popolare sviluppatasi presso la popolazione afroamericana del Sud degli Stati Uniti. Esso presenta un forte carattere sincretico
  • magia popolare e stregoneria del buon paese, Il Crogiuolo, 2011. Cattolicesimo Cultura popolare Devozione Folclore Folclore d Italia Magia popolare Mitologia
  • Arte popolare Cattolicesimo popolare Canto popolare Danza popolare Fiaba popolare Letteratura popolare Magia popolare Medicina popolare Musica popolare Cultura
  • della giornata. Per spezzare la fattura, secondo coloro che credono nella magia non basta distruggere l oggetto che la veicola, ma serve l intervento di
  • Medicina popolare in Brianza Cattaneo Editore, 1998 Eberhard Wolff: Medicina popolare Dizionario storico della Svizzera Cecilia Gatto Trocchi Magia e medicina
  • opere di pura fantasia il mago è un individuo in grado di esercitare la magia intesa come controllo delle forze della natura. La figura del mago risulta
  • Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium è un opera di Giovanni Battista Della Porta. Come dice lo stesso autore nella prefazione, l opera