Indietro

ⓘ Coppa Internazionale




Coppa Internazionale
                                     

ⓘ Coppa Internazionale

La Coppa Internazionale è stata la prima competizione continentale per squadre nazionali di calcio regolarmente disputata in Europa, la quale metteva di fronte le compagini nazionali dellEuropa centrale, Italia compresa. Della coppa, che costituisce un importante precursore del campionato europeo per nazioni, si disputarono sei edizioni, dal 1927 al 1960. La competizione è stata vinta due volte dallItalia, ed una volta ciascuno da Austria, Ungheria e Cecoslovacchia.

                                     

1. Storia

Negli anni venti il gioco del calcio stava uscendo dal suo periodo pionieristico e, come molti altri sport, andava superando i confini delle singole nazioni nel tentativo di organizzare competizioni che mettessero a confronto in maniera organica e sistematica le scuole dei rispettivi paesi. Hugo Meisl, dirigente ed allenatore della federazione austriaca aveva già ideato ed organizzato la Coppa Mitropa, competizione per squadre di club, vera e propria antesignana della Coppa dei campioni. Sempre lui concepì ed organizzò unanaloga competizione per squadre nazionali: la Coppa Internazionale in tedesco: Europapokal der Fußball-Nationalmannschaften.

                                     

1.1. Storia Gli anni doro

I quattro membri fondatori della competizione furono Austria, Italia, Cecoslovacchia e Ungheria, vale a dire quelle federazioni le cui squadre nazionali dominavano al tempo il calcio continentale europeo, il torneo eleggeva la migliore formazione nazionale dellEuropa centrale. A queste squadre si associò anche la Svizzera.

Questa competizione rappresentò in qualche modo la consacrazione delle massime potenze calcistiche europee di allora. Infatti, ad eccezione del campionato del mondo del 1930 in Uruguay, i nomi delle cinque partecipanti al torneo Svizzera inclusa erano sempre comparsi sul podio delle più importanti manifestazioni degli anni venti e trenta: tornei olimpici e campionati del mondo di calcio.

Il calcio cosiddetto "danubiano", fondato sul dinamismo dei ruoli e sul possesso di palla, era additato come esempio di stile e di eleganza, mentre quello italiano, forse più utilitaristico, era però destinato a mietere i maggiori allori planetari, laureandosi campione del mondo nel 1934 e nel 1938 e campione olimpico nel 1936. Allappello mancavano gli inglesi, che però si ostinavano a non partecipare ad alcuna competizione ufficiale, ad eccezione del tradizionale Home championship che li vedeva contrapposti alle altre nazionali britanniche.

                                     

1.2. Storia Due volte Azzurri, una volta Wunderteam

La prima stagione della coppa si svolse negli anni 1927-1930. La formula, che rimase immutata nelle edizioni successive, prevedeva la disputa di un doppio girone allitaliana: ciascuna delle squadre nazionali si incontrava due volte con le altre, disputando con ciascuna squadra una partita in casa ed una in trasferta. Il calendario degli incontri non era rigidamente prefissato né organizzato in "giornate", dipendendo piuttosto dalle disponibilità delle varie federazioni ad organizzare ogni singolo match. La vincente di ogni partita totalizzava due punti, mentre il pareggio dava luogo alla spartizione della posta. Risultava vincitrice del trofeo la squadra che al termine del doppio ciclo di incontri possedeva più punti in classifica.

La prima edizione fu vinta dallItalia, che precedette di un unico punto la squadra austriaca.

In palio per il vincitore cera una particolare coppa in cristallo di Boemia donata dallex primo ministro cecoslovacco Antonín Švehla, per cui nella prima edizione fu nota anche come "Coppa Švehla". Il primo esemplare del trofeo si ruppe cadendo a terra poco dopo essere stato vinto dagli italiani. Secondo un aneddoto riportato da più fonti pare che Vittorio Pozzo ne conservasse sempre una scheggia in tasca come portafortuna personale.

Il torneo ebbe un enorme successo ne fu subito organizzata una seconda edizione, disputata nel biennio 1931-1932, nella quale il Wunderteam austriaco rese la pariglia allItalia vincendo il torneo e relegando gli Azzurri al secondo posto.

La terza edizione fu ancora appannaggio dellItalia, e fu ancora una lotta a due con la forte nazionale doltralpe. La nazionale italiana perse con lAustria a Torino per 2-4 nel febbraio del 1934, ma seppe ottenere una decisiva vittoria per 0-2 doppietta di Silvio Piola al suo esordio in azzurro a Vienna tredici mesi dopo. La quarta invece venne interrotta dopo le prime partite a causa dellannessione dellAustria da parte della Germania nazista. Negli anni successivi, anche a causa delle vicende belliche, il torneo non fu più disputato.



                                     

1.3. Storia Rinascita e tramonto

Già pochi mesi dopo la conclusione della guerra i paesi europei che avevano precedentemente animato il torneo si attivarono per rilanciarlo: la nuova edizione, la quinta, venne disputata a partire dal 1948. Le difficoltà dovute agli anni dellimmediato dopoguerra imposero però una scansione eccessivamente dilatata delle partite. Era iniziata la guerra fredda: Ungheria e Cecoslovacchia andarono incontro a un cambiamento di regime e finirono oltre la cortina di ferro. Questi avvenimenti estranei al calcio resero estremamente difficile lorganizzazione della competizione. Ci vollero quasi cinque anni per completare il ciclo degli incontri: alla fine prevalse lUngheria di Ferenc Puskás capocannoniere con dieci reti, che conquistò così il suo unico alloro. La nazionale italiana, reduce dalla tragedia di Superga, non seppe andare oltre il penultimo posto, appena sopra la Svizzera, tradizionale "materasso" del torneo.

La Coppa Internazionale venne disputata per la sesta e ultima volta sotto legida della neonata UEFA, includendovi anche la Jugoslavia. La competizione si trascinò stancamente per sei anni 1955-1960 alla fine dei quali prevalse una Cecoslovacchia in netta ascesa sarebbe diventata vicecampione del mondo di lì a due anni. LItalia fu ancora relegata al penultimo posto, migliore soltanto della debole Svizzera.

La coppa disputata in questo periodo è stata intitolata alla memoria del dottor Josef Gerö, dirigente della federcalcio austriaca scomparso nel 1954. Questa intitolazione ha fatto sì che alcuni annuari statistici estendessero erroneamente la denominazione "Coppa dr. Gerö" anche alle edizioni disputate nellanteguerra.

Con il completamento della sesta edizione, nel 1960, la Coppa Internazionale, che ormai aveva perso molto del suo significato ed interesse, venne sostituita da una competizione più organica: il Campionato dEuropa per Nazioni organizzato direttamente dalla federazione continentale.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...