Indietro

ⓘ Amelia di Uvea




Amelia di Uvea
                                     

ⓘ Amelia di Uvea

Amelia di Uvea, nota anche come Amelia di Wallis, è stata regina regnante di Uvea per 26 anni, dal 1869 al 1895. Lisola di Wallis, in lingua wallisiana anche Uvea, è uno dei tre domini in cui è ripartito il territorio francese dellarcipelago di Wallis e Futuna dove è situata la capitale, Mata-Utu, centro amministrativo e residenza dei sovrani. I tre regni tradizionali sono tollerati dalla Francia e conservano una specifica e importante funzione, specialmente tra gli abitanti.Lattuale re di Uvea, discendente dalla regina Amelia, è, dal 2008, Kapiliele Faupala, e dal 2016 Patalione Kanimoa.

                                     

1. Biografia

Ebbe un ruolo significativo e determinante nei destini dellisola durante i ventisei anni del suo regno. Fu la seconda sovrana a fregiarsi del rango di regina: i precedenti reggitori erano soltanto capi. La prima fu la zia Falakika Seilala 1858-1869; Amelia era la figlia di un suo fratello minore premorto precocemente: nel 1829-1830 esercitò il potere Toifale, dal 1953 al 1958 la regina Aloisia Brial. Il monarca di Uvea, uomo o donna, viene indifferentemente denominato Lavelua.

Nel suo periodo di regno furono sovrane per proprio diritto: Vittoria del Regno Unito, Guglielmina dei Paesi Bassi, Ranavalona II del Madagascar, Ranavalona III del Madagascar, Shah Jehan begum di Bhopal, e Liliuokalani delle Hawaii.

Dopo che i missionari chiesero la protezione della Francia, questa fece di tutto per impadronirsi dellarcipelago. La regina Amelia, il 5 aprile 1887, sottoscrisse formalmente un trattato che decretava il protettorato della repubblica francese sulle isole, a condizione che rimanessero invariati il suo potere sui sudditi e lautonomia. Anche i re Anise Tamole di Sigave e Soane Malia Musulamu di Alo firmarono simili convenzioni.

La regina si convertì al Cattolicesimo, completò la costruzione del palazzo reale nella capitale Mata-Utu e fece realizzare la vicina cattedrale di Notre-Dame de lAssomption, dove sarà sepolta. Morì il 10 marzo 1895, alletà di 50 anni, le succedette il primogenito Vito Lavelua II 1895-1904. I suoi discendenti regnano tuttora nellisola Wallis.