Indietro

ⓘ Nave madre




Nave madre
                                     

ⓘ Nave madre

Per nave madre si intende unimbarcazione che, fungendo da vettore, trasporta o traina uno o più natanti di dimensioni inferiori, i quali, una volta rilasciati, operano in modo indipendente da essa e a cui possono anche, ma non necessariamente, fare ritorno.

                                     

1. Origine

Il termine "nave madre" risale al commercio e alla caccia delle balene del XIX secolo, quando le piccole e veloci cacciabalena venivano usate per inseguire e uccidere i cetacei, arpionandoli. La carne veniva poi riportata alla nave baleniera più grande e più lenta per la lavorazione e lo stoccaggio fino al ritorno a terra. Questo modello ha permesso una metodologia molto più efficace di caccia e sebbene oggi sia in scala assai ridotta rispetto al passato questo modello è ancora ampiamente utilizzato dai pescatori. Tale tipologia di imbarcazioni sono oggi note come navi officina.

                                     

2. Utilizzo

La tecnica di utilizzo della nave madre è stata adoperata per anni nel Golfo di Napoli e lungo le coste pugliesi, anche da paranze di contrabbandieri di sigarette tabacchi lavorati esteri. Il trasbordo delle bionde sul natante figlio avveniva spesso al di fuori delle acque territoriali, trasportandole, per il loro trasferimento verso terra, con dei veloci motoscafi detti scafi blu per via del colore che li contraddistingueva, o anche Settebello perché verso la fine degli anni 70 erano dotati di due motori da 350 CV luno 700 CV in tutto, capaci di raggiungere 40 nodi e farla in barba a qualunque pappagallo motovedetta della Guardia di Finanza in servizio allepoca.

Per lesplorazione degli abissi e la ricerca di relitti, Robert Ballard ha impiegato la N/O Knorr come nave madre per il ROV Argo, ritrovando tra gli altri il Titanic il 1º settembre 1985, e successivamente, nella seconda spedizione esploratrice del 1986, l Atlantis II come nave madre per il batiscafo Alvin e il suo ROV Jason Junior.

La pirateria, in special modo quella somala, tra la fine del XX secolo e il secondo decennio del XXI secolo, ha fatto ampio ricorso di navi madri utilizzando anche mercantili già sequestrati dagli stessi pirati o adoperando navi da pesca catturate con lo scopo di portare in alto mare e lontano dalla costa i barchini dassalto e sfuggire così alle aree pattugliate dalle flotte internazionali.

Spesso anche il traffico di esseri umani fa ricorso a navi madri condotte da uno o più scafisti. La nave madre è, in questo caso, un mercantile o peschereccio daltura che cela il carico alle autorità preposte al servizio di sorveglianza marittima che si avvicina il più possibile alle coste senza destare sospetti, oppure traina imbarcazioni più piccole dette barconi.

                                     

3. Nella cultura di massa

Fantascienza

In fantascienza la nave madre è lastronave più grande ed armata di una flotta spaziale che ospita al suo interno. Nella saga di Stargate vi sono le navi madre Asgard. Il primato di astronave più lunga della fantascienza cinematografica va alla nave madre di Indipendence Day 24.000 metri.

Ufologia

Gi ufologi parlano di "nave madre aliena" intendendo il mezzo spaziale di grandi dimensioni atto a fare da base analogamente alla nave madre della marina ad una figurativa "flotta spaziale" per una "visita" ad altri pianeti.