Indietro

ⓘ Categoria:Divinità celtiche




                                               

Beli Mawr

Beli Mawr è la divinità ancestrale della mitologia gallese. Fu marito di Dôn e padre di Caswallawn, Arianrhod, Lludd e Llefelys. Molte dinastie reali medievali del Galles si facevano risalire a lui. Di solito, anche se non da tutti, viene considerato derivante dalla divinità celtica Beleno. La linguistica storica suggerisce che Beli potrebbe derivare da Bolgio, attestato come nome di un condottiero gallico che attaccò la Macedonia nel III secolo a.C. v. Spedizioni celtiche nei Balcani. È correlato allirlandese Beltane, moderno gaelico bealtuinn 1º maggio, che viene dallirlandese béalteine ...

                                               

Sequana

Sequana era una divinità celtica. Essa era la personificazione del fiume Senna. In prossimità delle fonti del fiume sono stati trovati santuari dedicati alla dea, con numerosi ex voto, offerte in denaro contenute in vasi di terracotta, composizioni di statuette lignee e raffigurazioni della dea che manovra unimbarcazione conformata come un uccello acquatico e dotata di un unico remo, da usarsi in posizione eretta. I reperti sono raccolti in una sala apposita del Museo Archeologico di Digione. Essi testimoniano la diffusione e limportanza, solidamente radicata in tutta larea gallica, del cu ...

                                               

Taranis

Nella mitologia celtica Taranis, o Taranus, era il dio del tuono venerato in Gallia e in Antica Britannia e citato, assieme a Esus e Toutatis, dal poeta romano Marco Anneo Lucano nel suo poema epico Pharsalia come una divinità celtica alla quale venivano tributati anche sacrifici. Era associato, come il ciclope Bronte nella mitologia greca, con la ruota e potrebbe aver ricevuto dei sacrifici umani, ma non vi sono certezze.

                                               

Dagda (divinità)

Dagda, "dio buono", era una divinità della mitologia irlandese, associata alla guerra, alla fertilità, e alla magia dei druidi. Era conosciuto anche come Eochaid "colui che combatte con il tasso" Ollathair, "padre potente". Un altro epiteto era quello di Ruadh Rofhessa "il Rosso dalla scienza perfetta" e sotto questa veste tutelava i contratti e lamicizia. Secondo dio della triade principale, accanto a Nuada e Lúg, il Dagda era assimilabile al Giove romano e come lui era signore della folgore. La sua compagna era Mórrígan, e tra i suoi figli si possono citare Brigit, Bodb Derg, Cermait, Ae ...

                                               

Segomo

Nella mitologia celtica Segomo è un dio della guerra venerato in Gallia e forse in Britannia e Irlanda. Ai tempi dellImpero romano fu equiparato a Marte ed Ercole. Potrebbe essere identificato con Cocidio, divinità simile adorata in Britannia. Viene comunemente associato con laquila o il falco. Sono state trovate attestazioni di un suo culto come Marte Segomo presso il popolo dei Sequani a Lione, e in Borgogna con il suo nome iscritto sulla statuina di bronzo di un cavallo rinvenuta nel santuario gallo-romano posto in località Les Bolards, nel comune di Nuits-Saint-Georges già territorio d ...

                                               

Sulis

Nel politeismo celtico praticato in Britannia, Sulis fu una dea adorata presso la fonte termale di Aquae Sulis, odiena Bath oggi nel Somerset. Era adorata dai Romano-Britannici come Sulis Minerva. Dai suoi oggetti votivi si è capito che era considerata la Grande Madre donatrice di vita, ma anche fonte di maledizioni. Le tavolette votive erano spesso scritte in codice, grazie a lettere o parole scritte al contrario. Lordine delle parole poteva essere invertito, le righe scritte in direzione alternata. Anche se molti testi sono in latino, occasionalmente si possono trovare in lingua celtica. ...

                                               

Neit

Nella mitologia irlandese Neit è un dio della guerra. Il suo nome deriva probabilmente dal protoceltico * nei-to-, che significa "passione", o da * neit-s, che significa "eroe". Era marito di Nemain e in altri testi di Badb. Suo figlio fu Dót e suo nipote Balor, uno dei più terribili capi tribù Fomor impegnati nella seconda battaglia di Mag Tuired contro i Túatha Dé Danann per il possesso dellIrlanda. Dovrebbe coincidere con la divinità solare celtiberica Neto, che il poeta Macrobio identifica con Marte Saturnalia 1, 19, 5 e che compare in due iscrizioni in lingua celtiberica come Neito e ...

                                               

Toutatis

Toutatis o Teutates era nella mitologia celtica il dio della guerra, della fertilità e della ricchezza, lequivalente del dio Marte romano. Il suo nome significa "padre della tribù", dal touta celtico che significa "tribù" o "gente". A Toutatis, che è anche conosciuto con i nomi di Albiorix e Caturix, erano offerti sacrifici umani per placare la sua ira. Noto al grande pubblico soprattutto grazie al fumetto Asterix, in cui il gallo che dà il nome alla serie utilizza sovente lesclamazione Per Toutatis ", il suo nome è stato utilizzato dallastronomo francese Christian Polla per dare il nome a ...

                                               

Cernunnos

Nella mitologia celtica, Cernunnos era lo spirito divinizzato degli animali maschi cornuti, specialmente dei cervi, un dio della fecondità, della virilità, della caccia, della guerra, dellabbondanza, degli animali, della natura selvaggia e anche della morte e loltretomba. Come "Dio Cornuto", Cernunnos fu una delle numerose divinità simili presenti in molte culture antiche. È associato alla figura Oltretombale del Dis Pater.

Camulo
                                               

Camulo

Nella mitologia celtica, Camulo era la divinità della guerra dei Remi, una tribù celtica che abitava nellarea dellattuale Belgio. Tracce del culto sono ritrovate anche in Gran Bretagna. La città di Camulodunum oggi Colchester, nellEssex, deve a lui il suo nome e fu alla base della città leggendaria di Camelot. I Romani identificarono Camulo con Marte, il loro dio della guerra. .

                                               

Rudianos

Nella mitologia celtica Rudianos era un dio della guerra venerato in Gallia. Durante lepoca romana fu associato a Marte. Era venerato a Saint-Andéol-en-Quint, a Rochefort-Samson Drôme e a Saint-Michel-de-Valbonne, presso Hyères. Il nome Rudianos significa rosso e riflette la sua natura di dio bellicoso. A Saint-Michel-de-Valbonne è stata anche trovata limmagine preistorica di un dio della guerra a cavallo, databile al VI secolo a.C., che potrebbe essere lo stesso Rudianos.

Dea Matrona
                                               

Dea Matrona

Nella mitologia celtica la Dea Matrona era la dea tutelare del fiume Marna nellantica Gallia, al quale diede il nome. Una simile divinità, in molte altre aree era adorata come una dea triplice, nota come "Deae Matres" o "Deae Matronae" "Dee Madri". Il culto di questa triade divina è ben attestata nel nord Europa Matres e Matronae, non solo nelle aree celtiche, ed era simile ad altre figure coeve o successive.