Indietro

ⓘ Publio Cornelio Scipione nell'eredità storica culturale




                                     

ⓘ Publio Cornelio Scipione nelleredità storica culturale

Il console romano Publio Cornelio Scipione è un personaggio ricordato nelleredità storica culturale della seconda guerra punica e in alcune opere della moderna cultura di massa.

                                     

1. Letteratura

Laltro grande protagonista della seconda guerra punica oltre ad Annibale, che ha lasciato il suo segno nella storia è Scipione lAfricano, il primo comandante militare romano a essere onorato col nome del popolo da lui vinto. Si racconta che lentusiasmo del popolo romano, dopo il suo ritorno dallAfrica, fosse così grande da volerlo proclamare console e dittatore perpetuo. Ma Scipione rifiutò redarguendo severamente la folla che intendeva elevarlo a un potere di fatto, se non di nome, pari a quello di un re. Una moderazione questa di Scipione che susciterà lammirazione di Cicerone ma che non trova conferma nella condotta politica dellAfricano che, pur formalmente rispettando le istituzioni repubblicane, riuscì a far eleggere al consolato ben sette membri della sua famiglia e addirittura ad avere tra i senatori due suoi clienti ottenendo così il pieno controllo della politica romana. Non a caso dunque gli storici moderni vedono in lui quello che per primo esaltò lazione personale dei grandi politici-militari e delle loro famiglie, considerandolo per questo lantesignano del cesarismo:

In realtà la cultura ellenica, che si era caratterizzata per lesaltazione delle singole personalità come quelle di Filippo II di Macedonia e di suo figlio Alessandro Magno, aveva trovato in Roma dei seguaci nella nobiltà romana e nella famiglia degli Scipioni e un cantore in Quinto Ennio 239 a.C-169 a.C. che vedeva in Scipione lAfricano un personaggio romano allaltezza di quei grandi protagonisti orientali. Scipione aveva corroborato questa impressione con il suo individualismo e protagonismo quando in Spagna era stato acclamato come re e quando in Oriente aveva trattato come un loro pari con i sovrani ellenistici quasi fosse il portatore della politica romana e non un semplice portavoce del Senato. Ennio che già aveva esaltato con l Ambracia la gloria militare di Marco Fulvio Nobiliore celebrava ora Scipione in Scipio un poema storico epico a lui dedicato come eroe dalla gloria imperitura. Catone il censore, che aveva da sempre combattuto questa ellenizzazione dei costumi romani, aveva ben compreso a cosa avrebbe condotto questa deriva personalistica stroncando il clan degli Sciponi con una serie di processi a loro intentati 187 a.C. e costringendo a vita privata lAfricano e contrapponendo agli Annales di Ennio le sue Origenes dove evidenziava la sua concezione della potenza mondiale romana voluta dagli dei basata non sulleroismo dei singoli ma sui valori della intera società romana.

Così anche lo vede Dante che lo cita nel Convivio, nella Monarchia e in ognuna delle tre cantiche, come colui che la divina Provvidenza aveva fatto strumento del proprio progetto di conferire a Roma lImpero più grande del mondo.

Scipione è leroe di Petrarca nel poema in latino Africa che ripropone la visione elogiativa di Livio del condottiero romano.

Scipione è menzionato anche nel Principe di Machiavelli nel capitolo XVII dal titolo "Per quanto riguarda la crudeltà e la clemenza, se è meglio essere amato che temuto". John Milton menziona Scipione nel libro IX del Paradiso perduto dove accenna ad Alessandro il Grande ed a Scipione lAfricano, che si attribuivano unorigine divina, dicendo di essere stati generati da Giove trasformato in serpente.

Scipione è il protagonista della trilogia a lui dedicata, scritta interamente dallo scrittore spagnolo Santiago Posteguillo.

                                     

2. Cinematografia

Il cesarismo di Scipione trova infine conferma nellinteresse di Benito Mussolini per questo personaggio quando, poco prima della invasione italiana dellEtiopia, commissionò un film epico colossale che descrivesse le gesta delleroe romano in Africa. A Carmine Gallone fu affidata la regia del film Scipione lAfricano che fu premiato nel 1937 alla 5ª Mostra internazionale darte cinematografica di Venezia con la Coppa Mussolini come miglior film italiano.

Nel 1971 Luigi Magni sceneggiò e diresse il film Scipione detto anche lAfricano, interpretato da Marcello Mastroianni Scipione lAfricano, Silvana Mangano la moglie, Emilia Terza, Ruggero Mastroianni il fratello, Scipione lAsiatico, Vittorio Gassman Catone il Censore e Woody Strode Massinissa, in cui gli eventi storici del Processo degli Scipioni sono ritratti in tono satirico con alcuni riferimenti intenzionali agli eventi politici del tempo in cui è stato girato il film.

                                     

3. Arte

La moderazione di Scipione è stato un motivo ricorrente nella letteratura esemplare e nellarte dove viene esaltata la sua clemenza verso i vinti

Versioni dello stesso soggetto sono stati dipinti da molti artisti dal Rinascimento fino al XIX secolo, tra cui Andrea Mantegna Introduzione del culto di Cibele a Roma e Nicolas Poussin.

                                     

4. Musica

Publio Cornelio Scipione fu il protagonista di una serie di opere musicali come ad esempio quelle di George Frideric Handel e Carlo Francesco Pollarolo.

Scipione lAfricano è citato nel testo dellinno italiano "Il Canto degli Italiani". Precisamente, nella strofa lItalia sè desta, dellelmo di Scipio sè cinta la testa ". Il riferimento venne fatto da Goffredo Mameli con un particolare significato: lItalia ha di nuovo sulla testa lelmo di Scipione lAfricano, il quale sconfisse a Zama Annibale e i Cartaginesi. LItalia, quindi, è tornata a combattere per ottenere la libertà ed essere unita; così come Scipione aveva, in fondo, liberato il suolo italico antico dai Punici, la nuova Italia sorgerà scacciando il nuovo straniero.

                                     

5. Videoludica

Nella serie Imperivm, Scipione lAfricano compare nei titoli Imperivm: Le guerre puniche e Imperivm: Le grandi battaglie di Roma, rispettivamente nella campagna romana Le Guerre Puniche e nella Grande Battaglia Sbarco in Africa.