Indietro

ⓘ Acro




Acro
                                     

ⓘ Acro

L acro è una delle unità di misura usate per le superfici. È utilizzato dal Sistema imperiale britannico e dal sistema consuetudinario statunitense. Gli acri usati più comunemente ai giorni nostri sono quelli internazionali. Un acro corrisponde a 43 560 piedi quadrati, a 4 840 iarde quadrate e cioè dieci catene quadrate, equivalenti a 4 046.85642 m².

In Italia, soprattutto in agricoltura, si usa il termine "campo". 2.5 acri/campi fanno 1 ettaro.

                                     

1. Lacro internazionale

Nel 1958 gli Stati Uniti le nazioni del Commonwealth stabilirono la lunghezza della iarda internazionale a 0.9144 metri. Di conseguenza, lacro internazionale è esattamente 4046.8564224 m².

                                     

2. Acro statunitense

Lacro statunitense è approssimativamente 4 046.873 m²; il suo valore esatto 4 046 + 13 525 426 15 499 969 m 2 {\textstyle {\text{4 046}}+ è basato su un pollice definito esattamente dal rapporto 1 metro = 39.37 pollici, come stabilito dal Mendenhall Order. Rappresenta lacro standard negli Stati Uniti, ma la differenza dallacro internazionale è di soli 4 milionesimi.

                                     

3. Equivalente nelle altre unità di misura

1 acro internazionale è uguale alle seguenti unità metriche:

  • 4 046.8564224 m²
  • 0.40468564224 ettari

1 acro internazionale è uguale alle seguenti unità consuete:

  • 4 rood 1 rood è pari a 0.25 acri
  • 0.0015625 miglia quadrate 1 miglio quadrato è uguale a 640 acri
  • 160 aste quadrate 1 asta quadrata è 0.00625 acri
  • 10 catene quadrate 1 catena quadrata è uguale a 0.1 acri
  • 100 cent indiani 1 cent è uguale a 0.01 acri
  • 4840 iarde quadrate

1 acro dello United States survey equivale a:

  • 43 560 piedi quadrati
  • 4046.87261 metri quadrati
  • 4840 iarde quadrate
  • Un acro equivale a 10 catene quadrate: dieci acri equivalgono a un furlong quadrato: un acro è pari a una catena per un furlong; una catena è 22 iarde, un furlong è 220 iarde.
                                     

4. Uso dellacro

Nel Regno Unito luso dellacro è ufficialmente sconsigliato, pur rimanendo unità di misura abbastanza diffusa nella vita quotidiana. Negli Stati Uniti lacro rimane tuttora lunità di misura ufficiale per quanto riguarda i terreni.

Il tipico "appezzamento" di terreno in base allHomestead Act negli Stati Uniti è di 160 acri, ovvero 0.25 un quarto miglia quadrate. Ciò fa sì che la lunghezza comune dei campi sia di mezzo miglio, e ogni rod di larghezza sia pari a un acro.

La superficie di terreno viene solitamente determinata facendo riferimento allarea corrispondente come riportata su una mappa. In sintesi la misura di superficie del terreno è sempre planimetrica, cioè corrisponde alla sua proiezione sul piano orizzontale. Su un terreno in pendenza la superficie reale del suolo, ovviamente, sarà maggiore di quella misurata in pianta.

                                     

5. Origine storica

La parola "acro" deriva dallinglese acre, termine derivato dallinglese antico æcer, affine al latino ager, con il significato originario di "campo aperto".

Lacro fu scelto come corrispondente allincirca allappezzamento di terreno arabile da un uomo con un bue in un giorno. Ciò spiega la definizione dellacro come larea di un rettangolo con un lato pari a una catena e laltro pari a un furlong. Una striscia di terra lunga e stretta è più facile da arare di un terreno quadrato, dato che laratro deve essere girato meno frequentemente. Lo stesso termine "furlong" deriva dal fatto che è "un furrow in lunghezza".

Valori legali dellacro vennero stabiliti in Inghilterra su decreto di:

  • Vittoria – il "Weights and Measures Act" britannico del 1878 lo definì come contenente 4.840 iarde quadrate.
  • Giorgio IV e
  • Edoardo I,
  • Enrico VIII,
  • Edoardo III,

Storicamente la dimensione delle fattorie e delle proprietà terriere nel Regno Unito è sempre stata espressa in acri, anche se il numero di acri era così grande che sarebbe stato più conveniente esprimere il valore in miglia quadrate. Ad esempio, si poteva dire di un certo possidente, che aveva 32.000 acri di terreno, non 50 miglia quadrate.