Indietro

ⓘ Superpotenza




Superpotenza
                                     

ⓘ Superpotenza

Il termine superpotenza, nel linguaggio storiografico e giornalistico, è stato usato, a partire dalla seconda metà del XX secolo, per indicare uno Stato che, nelle relazioni internazionali, esercita una influenza in grado di condizionare le scelte degli altri Paesi grazie ad una notevole potenza economica, politica e militare e che esercita questa sua forza per orientare a proprio favore le relazioni internazionali stesse.

                                     

1. Definizione

Non basta essere una Grande potenza per poter ergersi al rango di superpotenza: Spagna e Francia sono due esempi di stati che, in diversi periodi storici, pur essendo state le nazioni più forti dellEuropa non raggiunsero lo status di superpotenza.

Nella storia delle relazioni internazionali il termine superpotenza è stato riservato solo agli Stati Uniti dAmerica e allUnione Sovietica, che nel secondo dopoguerra e fino alla fine della Guerra fredda hanno esercitato, grazie ai loro sistemi di alleanze, agli enormi arsenali nucleari e alla grande base industriale, il predominio militare, politico ed economico mondiale.

Alcuni commentatori utilizzano il termine "superpotenza potenziale" per designare quelle entità politiche che si ritiene possano diventare una superpotenza nel corso del XXI secolo. Questo termine è stato applicato da alcuni ad Unione europea, Cina, India, Russia e Brasile.

                                     

2. Storia

Il termine venne adoperato per la prima volta per indicare lImpero britannico che al momento del suo apogeo primi decenni del Novecento si elevava molto al di sopra delle altre tradizionali Grandi Potenze europee; la questione tuttavia è ancora dibattuta tra gli storici, poiché legemonia britannica era esercitata quasi unicamente grazie alla netta superiorità della marina, mentre dal punto di vista economico, demografico e militare Germania e Francia avevano poco da invidiare agli inglesi. Il termine Superpotenza quindi venne utilizzato soprattutto dopo la seconda guerra mondiale e durante la Guerra Fredda, per indicare gli Stati Uniti e lUnione Sovietica, vale a dire le due Potenze che polarizzarono in due blocchi contrapposti le relazioni internazionali nel corso della seconda parte del Novecento.

                                     

2.1. Storia Nellantichità ed epoca moderna

Con uno sguardo retrospettivo sul mondo antico si può affermare che non ci furono delle vere e proprie superpotenze, anche perché il termine è più adatto ad essere applicato al periodo storico contemporaneo, ma nelle relazioni internazionali furono comunque presenti dei prototipi, che seppero polarizzare attorno alla propria politica egemonica gli altri stati dellepoca, alcuni esempi possono essere: Atene e Sparta allinterno del mondo greco/mediterraneo, lImpero di Alessandro Magno e lImpero Persiano, Roma e Cartagine nel Mediterraneo occidentale. Allinizio dellera volgare si può anche affermare che lImpero Romano e lImpero Cinese costituivano, agli estremi dellEurasia, i due centri polarizzanti.Infine, il Sacro Romano Impero riuscì a dominare la scena europea durante il periodo medioevale

Altre superpotenze storiche furono il Regno Unito, la Francia, la Spagna, il Portogallo e i Paesi Bassi e la Prussia.

                                     

2.2. Storia Nel secondo dopoguerra

Nella storia delle relazioni internazionali il termine superpotenza tuttavia è stato riservato solo agli Stati Uniti dAmerica e allUnione Sovietica che dopo la vittoria nella seconda guerra mondiale, divennero le nazioni dominanti a livello mondiale per ragioni economiche, politiche e militari. Le due superpotenze iniziarono un acceso contrasto ideologico, militare ed economico che si prolungò durante tutto il periodo della Guerra fredda 1946-1991 senza mai trasformarsi in guerra aperta. Le due superpotenze, dotate di enormi arsenali militari e di micidiali armi atomiche, esercitarono un netto predominio nei loro rispettivi sistemi di alleanze e influirono globalmente sugli sviluppi politico-economici di quasi ogni regione della terra.

La fine della Guerra Fredda crollo del Muro di Berlino nel 1989, la dissoluzione dellUnione Sovietica e la conseguente fine del Bipolarismo hanno determinato nel sistema delle relazioni internazionali la presenza di ununica Superpotenza, gli Stati Uniti dAmerica definita da alcuni anche come unIperpotenza, attorno alla quale si incentrano gli affari internazionali: questa posizione politica fu definita da alcuni di Unipolarismo, perché in sostanza non esiste uno Stato o non si è costituito un sistema di Stati abbastanza potente da controbilanciare linfluenza statunitense dando quindi nuovamente vita ad un sistema multipolare. Con la grande crisi economica nel 2008, gli Stati Uniti hanno dimostrato i propri limiti, perdendo parte della propria egemonia pur rimanendo, per la loro netta superiorità economica, tecnologica e soprattutto militare, la prima potenza mondiale.