Indietro

ⓘ Virginia E. Johnson




Virginia E. Johnson
                                     

ⓘ Virginia E. Johnson

Virginia E. Johnson è stata una sessuologa statunitense.

Mary Virginia Eshelman prenderà in seguito il cognome "Johnson" dal terzo marito, George, sessuologa statunitense, conosciuta anche con il diminutivo di "Gini", è stata membro del team" Masters and Johnson”. Insieme a William Masters fu pioniera nella ricerca sulla natura della risposta sessuale umana e delle diagnosi e il trattamento delle disfunzioni e dei disordini sessuali dal 1957 agli anni ’90.

                                     

1.1. Biografia Contributi scientifici

Virginia Johnson iniziò a collaborare con William Masters nel 1957, quando venne assunta come assistente di ricerca nel "Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia" alla Washington University di St. Louis, dopo che il dottor Masters le impartì alcune nozioni basilari riguardanti la terminologia, terapia e ricerca medica.

Lo studio di William Masters si proponeva di interpretare la reazione fisiologica e psicologica allo stimolo sessuale, con l’obiettivo di rispondere a due quesiti: quali reazioni fisiche si producono nell’uomo e nella donna quando rispondono a un efficace stimolo sessuale? Perché gli uomini le donne si comportano in un certo modo, rispondendo a un adeguato stimolo sessuale?

William Masters forniva l’impianto teorico e intellettuale allo studio, mentre Virginia Johnson vi apportava il buonsenso le capacità relazionali necessarie affinché avesse successo.

Insieme svilupparono strumenti simili al poligrafo, che furono progettati per misurare l’eccitazione sessuale negli esseri umani. Adoperandoli, osservarono e misurarono più di 10.000 volontari, uomini e donne, per la maggior parte coppie sposate, che acconsentirono a masturbarsi o ad intraprendere l’attività sessuale con i propri partner o altri partecipanti in laboratorio. Ogni volontario era collegato ad un elettroencefalografo, mentre su un piccolo schermo venivano proiettati gli impulsi cerebrali e quelli dei sensori applicati al petto per monitorare anche il cuore. Dall’osservazione di questi soggetti, identificarono i 4 stadi della risposta sessuale, poi meglio conosciuti come ’il ciclo della risposta sessuale umana’’. Il ciclo consiste nella fase di eccitazione, la fase di plateau, la fase dell’orgasmo e la fase di risoluzione. Si occuparono, in particolare, delle disfunzioni sia maschili che femminili, tra cui impotenza primaria e secondaria, frigidità ed altre patologie, sostenendo che gran parte di esse insorgono per ragioni psicologiche, spesso traumi. Alcuni trattamenti, di matrice psicoterapeutica, duravano due sole settimane, registrando un discreto successo tra i casi trattati.

Nel tempo il ruolo di Virginia Johnson, da quello di semplice assistente, diventò sempre più rilevante. William Masters le impartì fin da subito tutte le nozioni di anatomia, fisiologia e biologia necessarie per acquisire dimestichezza con il settore. Se inizialmente si limitava a riformulare le opinioni del medico, ben presto cominciò ad esprimere le proprie idee. Era suo compito gestire le volontarie. Si dedicò alla ricerca di donne istruite, tra i venti e i quarant’anni, disposte a partecipare allo studio sulla fisiologia del sesso, in cambio di un compenso simbolico e della promessa dell’anonimato. Diceva loro che si trattava di infrangere una barriera culturale, di mettersi al servizio della scienza, di arrecare beneficio a tutto il genere femminile. Grazie alla sua naturalezza, la Johnson riusciva a mettere le volontarie a loro agio.

Furono i primi ad osservare e fotografare linterno dellapparato genitale femminile durante lattività sessuale. Le loro ricerche dimostrarono, superando ciò che aveva asserito Freud, che non ci fosse distinzione tra orgasmo vaginale e clitorideo, in quanto la risposta fisiologica era la stessa. Dimostrarono inoltre che luomo attraversa un periodo refrattario dopo lorgasmo e che tale periodo non è presente nelle donne, le quali possono avere orgasmi multipli. Attraverso un apparecchio approntato da Masters con la collaborazione di un esperto di apparecchi fotografici miniaturizzati, un lungo cilindro di plexiglass collegato a una piccola cinepresa, denominato "Ulisse", Masters e Johnson scoprirono che le ghiandole di Bartolino non erano responsabili della lubrificazione femminile durante il rapporto sessuale, come si era creduto fino ad allora; in realtà, si tratta di una reazione diffusa lungo tutte le pareti vaginali, quindi un meccanismo molto simile alla normale sudorazione dopo sforzi fisici. Hanno, inoltre, sfatato il mito del non poter avere rapporti sessuali durante la gravidanza e quello della fine dellattività sessuale, che puo invece essere ancora presente anche in età avanzata in determinate circostanze di buona salute ed interesse verso il partner.

Al convengo della "American Medical Association" del 1976, lo psichiatra freudiano Ralph R. Greenson, riguardo ai risultati ottenuti dai due ricercatori, riconobbe loro il merito di aver completamente rivoluzionato il modo di pensare delle giovani donne americane che a livello sessuale stavano diventando più assertive ed esigenti, mentre gli uomini più indifferenti e letargici. Avendo conquistato una maggiore libertà, le donne pretendevano di avere la stessa soddisfazione sessuale degli uomini, oltre agli stessi diritti.

Masters e Johnson, inizialmente, ebbero rapporti sessuali per essere essi stessi loggetto delle proprie ricerche, ma successivamente divennero amanti e infine coniugi. Tutti i risultati delle loro ricerche sono contenuti nei libri che hanno scritto insieme nel corso degli anni in cui hanno collaborato.

Nel 1964, Masters e Johnson lasciarono la Washington University perché diventato un luogo inadatto alle nuove ricerche nell’ambito della sessuologia nei termini in cui la proponevano. Fondarono una loro clinica con pochi collaboratori di fiducia, al 4910 di "Forest Park Boulevard" di St. Louis, ’The Reproductive Biology Research Foundation". Qui, libero dalle ingerenze dell’università, Masters promosse Virginia Johnson da assistente a ricercatrice associata. Il centro fu poi rinominato ’The Masters and Johnson Institute’’ nel 1973.

Nell’aprile del 2009, Thomas Maier riportò nel ’Scientific American’’ che Virginia Johnson ebbe delle riserve nei confronti del programma per convertire gli omosessuali in eterosessuali, un programma che fu portato avanti dal 1968 al 1977, che aveva come principio lidea che lomosessualità fosse un comportamento acquisito nel corso della vita e quindi correggibile.

                                     

1.2. Biografia Vita privata

Virginia Eshelman sposò a diciannove anni un uomo politico del Missouri, del quale lei stessa non ha mai rivelato il nome; il matrimonio durò soltanto due giorni. Successivamente incontrò un capitano dellesercito, dal quale subì una grande delusione che la portò a separare per sempre la sfera sessuale da quella affettiva in tutte le sue successive relazioni.

Nel giugno 1947 sposò Ivan L. Rinehart, avvocato di West Plains, di ventun anni più grande di lei, convinta che fosse luomo giusto per mettere su famiglia. Quando si rese conto che luomo non ne aveva alcuna intenzione, chiese il divorzio.

Al "St. Louis Daily Record" incontrò George Johnson, studente di ingegneria presso la Washington University e leader di una band. Nel giugno 1950 si sposarono, entrò a far parte della band del compagno e poco dopo le nozze, partorì Scott e qualche anno dopo Lisa. Non riuscendo a conciliare la vita da cantante con il suo dovere di madre, abbandonò lavoro e marito. Questultimo non ostacolò la Johnson nella sua scelta, le chiese soltanto il motivo. "Non ho nulla da offrirti", disse lei prima di andarsene.

Nel 1971, Johnson sposò William Masters dopo che quest’ultimo divorziò dalla prima moglie. Divorziarono a loro volta nel 1993.

Anche se Masters e Johnson assicurarono che la loro separazione fosse consensuale, poco dopo anche la loro celebre collaborazione come esperti di sesso giunse al termine.

                                     

1.3. Biografia La morte

Virginia Johnson morì il 24 luglio del 2013, a causa di complicazioni dovute a numerose malattie, tra le quali diabete e cancro, aggravate da un leggero attacco cardiaco.

                                     

2. Scritti principali

  • Human Sexual Response - William H. Masters e Virginia E. Johnson 1966 Toronto; New York: Bantam Books, ISBN 0-553-20429-7. Edizione del 1981, ISBN 978-0553204292.
  • Human Sexual Inadequacy - William H. Masters e Virginia E. Johnson 1970 Toronto; New York: Bantam Books, ISBN 0-553-20699-0.
  • Heterosexuality - William H. Masters, Virginia E. Johnson e Robert C. Kolodny 1994 New York; London: HarperCollins. ISBN 0-7225-3027-7.
  • Masters and Johnson on Sex and Human Loving - William H. Masters, Virginia E. Johnson e Robert C. Kolodny 1988 Little, Brown and Company. ISBN 978-0316501606.
  • Homosexuality in Perspective - William H. Masters e Virginia E. Johnson 1979 Toronto; New York: Bantam Books. ISBN 0-553-20809-8.
  • The Pleasure Bond - William H. Masters e Virginia E. Johnson 1974 New York: Bantam Books. ISBN 0-553-20915-9.
                                     

3. Critiche a Masters & Johnson

William Masters e Virginia Johnson, nonostante la fama che li ha resi noti al mondo come i più grandi educatori del sesso, hanno anche ricevuto molte critiche da colleghi e studiosi. In particolare, Shere Hite ed altri ricercatori hanno fatto presente che la ricerca manca della volontà necessaria per comprendere come gli individui considerino lesperienza sessuale e il significato che assume per loro. Secondo Hite, inoltre, il loro lavoro trascura, in modo acritico, gli atteggiamenti culturali propri di una persona, che si riflettono sul comportamento sessuale.

Nel novembre 1964 "Commentary", una rivista politica e culturale, pubblicò la denuncia dello psichiatra Leslie H. Farber, che accusava Masters e Johnson di aver messo "il sesso sotto al microscopio", facendogli perdere tutto il suo valore, quindi di averlo allontanato da tutte le altre discipline come la religione, la filosofia, la letteratura, che avevano sempre guardato al sesso come ad unesperienza umana e strettamente connessa allamore, alla vita coniugale e alla procreazione. Unaltra critica persistente: nonostante la vasta esperienza di anni di lavoro clinico, Virginia Johnson non conseguì mai una laurea e spesso non correggeva coloro i quali, sui giornali o di persona, si rivolgevano a lei come "Dottoressa Johnson".



                                     

4. Curiosità

  • Ha sempre mostrato un carattere forte: sin da piccola, non gradendo affatto il nome completo, "Mary Virginia", che invece stava molto a cuore alla madre, per un atto di ribellione verso di lei, ha sempre preteso di farsi chiamare solo "Virginia" da tutti coloro che la conoscevano.
  • Il giorno in cui William Masters decise di presentare la sua ricerca sulla sessualità ai colleghi professori di ostetricia e ginecologia della Washington University, proiettò un filmato che mostrava una donna durante latto della masturbazione per evidenziare le aree corporee con maggior afflusso di sangue durante leccitazione. Il volto del soggetto non era identificabile e non mancarono insinuazioni secondo cui la donna nuda del filmato fosse la Johnson, riconosciuta dalla manicure. Diverse persone coinvolte nella produzione del filmato e la stessa Johnson avrebbero sempre negato che il soggetto misterioso fosse lei.
  • Dopo il divorzio da Masters, come lui aveva ricontattato e sposato il suo primo amore, Dody Baker, così Virginia Johnson cercò di rintracciare Gordon Garrett, il suo ragazzo del liceo, che nonostante le previsioni dellannuario scolastico, non sposò mai. Sessantanni dopo, quando chiamò Isabel, la sorella di Gordon, scoprì con amarezza che era morto.
  • Quando divenne cantante di una band, Mary Virginia Eshelman prese il nome di Virginia Gibson, dallazienda di caffè che sponsorizzava il suo programma radiofonico.
  • Dopo la morte di William Masters, avvenuta nel 2001 per il morbo di Parkinson, gli amici organizzarono una commemorazione in suo onore alla Washington University, ma la Johnson non se la sentì di partecipare.


                                     

5. Il libro e la serie tv

Il canale americano Showtime trasmette dal 29 settembre 2013 la serie tv drammatica" Masters of Sex”, basata sulla biografia omonima, scritta da Thomas Maier e pubblicata nel 2009. I protagonisti della serie sono Michael Sheen, che interpreta William Masters e Lizzy Caplan, che interpreta Virginia Johnson.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...