Indietro

ⓘ Rehat Maryada




                                     

ⓘ Rehat Maryada

Il Rehat Maryada detto anche Rahit Maryada è il codice di comportamento dei sikh. Esso definisce la differenza tra un sikh e un non-sikh. Il Sikh Rehat Maryada venne approvato nel 1950, nella versione ufficiale, dalle comunità sikh di tutto il mondo. Esso ha uniformato le pratiche religiose, anche se è ancora dibattuto sotto certi aspetti, ed è la base per la maggior parte delle comunità. Etimologicamente Rahit viene dal termine punjabi rahina che significa vivere ; maryada deriva dal sanscrito marya dal significato di limite e ada ovvero accettare, comprendere.

                                     

1. Definizione di un sikh

Un sikh è un credente che fedelmente:

  • crede nellesistenza di un dio eterno,
  • si prepara al battesimo, lAmrit Sanskar promosso dal decimo guru,
  • accetta come guida spirituale Guru Granth Sahib e i dieci guru umani, e che segue i loro insegnamenti e i loro inni sacri bani,
  • non è fedele a qualsiasi altra religione.

Questa definizione di sikh è stata proposta dal Comitato Shiromani Gurdwara Parbandhak il 3 febbraio 1945, dopo anni di lavoro e di riflessione; questo comitato è una delle più alte autorità religiose del sikhismo.

A questa definizione è necessario aggiungere la regola dei Cinque K e della vita a casa delle donne lavoratrici e credenti consigliata dai Guru del sikhismo come un modo di vita per tutti.

                                     

2. Vita quotidiana di un sikh

Vi sono due aspetti importanti nella vita di un sikh:

  • ladesione ad una disciplina personale e lo sviluppo di una forte vita familiare,
  • il coinvolgimento nella vita della comunità locale, garantendo il benessere anche dei suoi membri più deboli e degli infermi, sia localmente che globalmente. Questo è laspetto pratico dei tre pilastri del sikhismo promossi da Guru Nanak Dev denominati Wand kay Shako e che riflettono la divisione.

Nella vita personale, tutti i sikh devono seguire:

                                     

2.1. Vita quotidiana di un sikh Naam Japna

La meditazione sul nome di dio e la storia delle Sacre Scritture; e ciò al fine di:

  • cercare il sostegno del Signore che tutto può, prima di iniziare un nuovo lavoro o un affare Ardas.
  • raccogliersi in preghiera nelle prime ore del giorno per recitare le preghiere: il mattino Cinque Bani, la sera Rehras e la notte Kirtan Sohila seguite ogni volta dallArdas. Queste recite sono fatte in modo da ricordarsi di Dio in ogni momento e pronunciare il suo nome, quando possibile Naam Simran.
                                     

2.2. Vita quotidiana di un sikh Kirat Karo

Deve condurre la sua vita secondo gli insegnamenti del guru:

  • al lavoro o nei suoi studi: il credente deve essere onesto e integro;
  • promuovere la vita della famiglia: concedere del tempo ai bambini è un modo attivo di educare la loro coscienza al sikhismo;
  • vivere con umiltà e amore in una famiglia estesa, incoraggiando i principi altruistici e offrendo sostegno morale allinterno della comunità.
                                     

2.3. Vita quotidiana di un sikh Il servizio disinteressato - Sewa

Tutti i sikh devono effettuare un servizio di volontariato gratuito nella comunità e nel Tempio, il Gurdwara; partecipare a progetti comunitari, aiutare gli ospedali, le case di cura, gli asili, ecc:

  • godetevi ogni opportunità di trascorrere il tempo libero a lavorare nella comunità, senza chiedere qualsiasi pagamento e dedicate almeno il 10% della loro ricchezza a sostegno di progetti comunitari.
  • sostenete positivamente i membri più deboli della comunità.
                                     

2.4. Vita quotidiana di un sikh Seguire una disciplina di vita

Il sikh viene obbligato dai guru a condurre una vita disciplinata e a non seguire ciecamente i riti le superstizioni che non portano alcun beneficio spirituale o materiale alla persona o alla comunità. Bisogna:

  • Seguire gli insegnamenti di Sri Guru Granth Sahib e partecipare alle cerimonie religiose sikh;
  • Trattare tutti gli altri esseri umani come pari e lavorare con grazia e rispetto.
  • Mangiare cibi semplici vegetariani con moderazione e astenersi da qualsiasi cibo o bevanda che provoca problemi al corpo o alla mente, come alcool, droghe, tabacco, ecc
  • Evitare rituali, superstizioni e altre manifestazioni che vanno contro sikhismo come il gioco dazzardo;
                                     

2.5. Vita quotidiana di un sikh Vita comunitaria

Il dovere del sikh è contribuire attivamente alla comunità al di fuori della propria famiglia. Egli deve dare il suo tempo libero alla comunità sikh e anche ad altre. Dovere di un sikh è mantenere un dialogo permanente con tutti i membri della comunità e di trattarli come eguali e rispettarli.

                                     

3. Meditare e leggere le sacre scritture

Dovere di ogni sikh è di impegnarsi nella meditazione personale e nella Gurudwara, cantare inni devozionali Kirtan e studiare le Scritture. Meditare e capire il Guru Granth Sahib è importante per il corretto sviluppo di un sikh. Devono studiare lalfabeto gurmukhi per essere in grado di leggere i testi sacri e per capire il loro significato. Il sikh deve usare il Guru Granth Sahib come guida spirituale nella sua vita - dalla nascita alla morte.

                                     

4. Far parte di una congregazione

Un sikh è più facilmente e più profondamente toccato dalla sua religione quando è impegnato in una congregazione Sangat. Per questo motivo, è necessario che regolarmente visiti un Gurdwara, luogo di culto e di preghiera.

A nessuno deve essere impedito di entrare in un Gurdwara, da qualunque parte provenga, indipendentemente dalla religione, casta, classe, genere, razza o nazionalità. Il Gurdwara è aperto a tutti.

                                     

5. Servire nel Gurdwara

Durante un ufficio nella congregazione deve essere eseguita unattività nel locale in cui è installato il Guru Granth Sahib. LArdas e il Kirtan sono parte di queste attività.

Non è opportuno cantare sul ritmo di musica folk o melodie di film popolari.

Festività: le feste sikh più importanti sono:

  • Hola Mohalla: una festività sikh fondata da Guru Gobind Singh; segue di un giorno la festa indù di Holi
  • Gurpurb: compleanni e altre ricorrenze significative martirio, ecc della vita dei guru
  • Vaisakhi: primo Amrit Sanskar e festa del raccolto
                                     

6. Vivere secondo la visione del guru

Il credente deve vivere al fine di promuovere i principi stabiliti dai guru:

  • rispettare tutti senza distinzione di sesso, età, stato sociale, colore, casta, ecc.
  • avere unimmagine esteriore corretta: seguire le Cinque K.
  • attitudini positive: promuovere le cinque virtù
  • credere in un solo dio;
  • nelleguaglianza di tutte le specie umane;
  • autocontrollo: sconfiggere i cinque demoni, superstizione, gioco dazzardo, tabacco, alcool, droghe inebrianti, etc.
                                     

7. Cerimonie sikh

  • Cerimonia dellimposizione del nome ai bambini Naam Karan;
  • Cerimonia del battesimo Amrit Sanskar;
  • Cerimonia funebre Antim Sanskar.
  • Cerimonia delle nozze Anand Sanskar;