Indietro

ⓘ Panorama in Interlingua




                                     

ⓘ Panorama in Interlingua

Panorama in Interlingua è la rivista che funge da organo ufficiale dellUMI, per la diffusione della lingua ausiliaria internazionale denominata Interlingua, codificata dalla IALA nel 1951.

                                     

1. Storia

Nonostante la rivista sia uno dei principali strumenti per la diffusione dellInterlingua, oltre alle notizie relative alla lingua vengono pubblicati anche molti articoli su argomenti disparati quali attualità, cronaca, reportages, viaggi, letteratura, recensioni di libri, curiosità ed enigmistica. Pur essendo una rivista neutrale dal punto di vista politico e religioso, pubblica anche articoli su questi temi. Il periodico si propone lo scopo di "informare, stimolare e divertire".

Esce con periodicità bimestrale 6 numeri allanno dal gennaio del 1988. Ciascuna edizione è scritta interamente in Interlingua, e comprende 28 pagine in formato A5. È disponibile anche in versione integrale on-line ad un prezzo ridotto.

La rivista serve anche da collegamento tra i membri dellUMI. Ma allo stesso tempo vuole essere una finestra aperta verso il mondo esterno, per dimostrare le possibilità delluso dellInterlingua. A tal fine viene spesso usata per il suo insegnamento, e si rivolge anche ai possibili nuovi interessati.

Lattuale testata è il risultato della fusione di due testate precedenti: il trimestrale Currero ISSN 0105-8401, edito dallUMI dal 1964; e il bimestrale Heraldo de Interlingua, pubblicato privatamente ISSN 0108-0598.

La rivista si avvale di collaboratori e corrispondenti da tutto il mondo. Non esiste la carica di direttore. La carica più alta è quella di redattore capo, svolta dal danese Thomas Breinstrup. La redazione è situata nella città di Taastrup in Danimarca. I coredattori sono lo svedese Kenneth Platter, il portoghese Carlos Soreto e linglese Peter Gopsill. Il responsabile dellamministrazione è litaliano, ma residente in Finlandia, Alberto Mardegan. È stampata dallazienda "Imago" di Utrecht nei Paesi Bassi.