Indietro

ⓘ Giustizia di Traiano




Giustizia di Traiano
                                     

ⓘ Giustizia di Traiano

La Giustizia di Traiano è un episodio leggendario della vita dellimperatore romano Traiano, basata sul resoconto di Cassio Dione: "Egli ad ogni modo, più di quanto ci si aspettasse da un uomo guerresco, prestò attenzione allamministrazione civile e dispensò giustizia; egli conduceva personalmente i processi oggi del Foro di Augusto, ora nel Portico di Livia, come era chiamato, o talvolta in qualsiasi altro tribunale."

Secondo la storia, Traiano, impegnato coi preparativi delle Guerre di Dacia, ricevette in udienza la madre di un uomo assassinato. Egli chiese di aspettarlo sino al suo ritorno, ma ella riferì che egli avrebbe potuto non tornare affatto dalla guerra e richiese che il suo caso venisse subito giudicato. Preso quindi da senso del dovere, Traiano preferì ritardare la partenza per la guerra per assolvere ai propri doveri di giudice supremo ed assicurare che giustizia fosse fatta. La leggenda, seppur indirettamente, venne resa ampiamente popolare dalla Divina Commedia di Dante Alighieri, il quale vi allude nel Paradiso e poi ancora nel Purgatorio, X, 73-94:

Le origini della leggenda le sue vicissitudini sin dallantichità sono stati soggetto di numerosi studi, tra cui unanalisi dettagliata che compare in "Leggende" di G. Boni del 1906. Lepisodio era già stato ripreso ne La Giustizia del poeta bielorusso Simeone di Polotsk 1629 - 1680. Tra gli artisti che raffigurarono lepisodio di questa leggenda citiamo Eugène Delacroix, Rogier van der Weyden, Hans Sebald Beham, Noel Coypel e Noel Hallé.

Storicamente, la giustizia di Traiano può riferirsi anche a quanto descritto da Plinio il Giovane Epistulae, VI, 31, processo a Centumcellae o a quanto raffigurato sulla Colonna Traiana dove limperatore viene mostrato nellatto di giudicare alcuni capi barbari catturati, o in una pittura perduta di Rogier van der Weyden, raffigurazione che la città di Bruxelles aveva commissionato allo stesso pittore per il Municipio di Bruxelles per porla a confronto con l giustizia di Erchinbaldo, leggendario duca dei burgundi; i dipinti vennero distrutti nel corso del bombardamento francese della città nel 1695 ed oggi sopravvivono unicamente in copie ad arazzo realizzate nel Quattrocento per il vescovo di Losanna in ununica composizione dal titolo La Giustizia di Traiano e Erchinbaldo.