Indietro

ⓘ Monastero rupestre di Inkerman




Monastero rupestre di Inkerman
                                     

ⓘ Monastero rupestre di Inkerman

Il monastero di Inkerman di San Clemente è un monastero rupestre in una scogliera che sorge vicino alla foce del fiume nero, nella città di Inkerman, amministrata come parte del porto marittimo di Sebastopoli. Fu fondato nel 1850 sul sito di un monastero bizantino medievale dove le reliquie di S. Clemente erano presumibilmente mantenute prima della loro rimozione a San Clemente dai Santi Cirillo e Metodio. I primi cristiani dovrebbero avere tenuto le reliquie in una grotta che poteva essere visitata solo nellanniversario della sua morte. Guglielmo di Rubruck la descrisse come una chiesa "costruita dalle mani degli angeli".

Il monastero bizantino, probabilmente fondato nellVIII secolo dai veneratori di icone che fuggivano dalla persecuzione nella loro patria, avevano otto cappelle di diversi piani e una locanda accessibile da una scala. Le grotte di Inkerman sono state esplorate da Peter Simon Pallas nel 1793 e furono tolte dagli inglesi negli anni 1850.

I russi hanno aggiunto due chiese, commemorando lincidente di Borki 1895 e la guerra di Crimea 1905. Il monastero è stato danneggiato dai terremoti di Crimea del 1927 ed è stato chiuso tra il 1931 e il 1991. Durante la seconda guerra mondiale le grotte ospitavano gli ufficiali di un esercito sovietico d difesa di Sebastopoli. Diverse chiese sono state abbattute dai Sovietici.