Indietro

ⓘ Ludwig Ignaz von Flüe




Ludwig Ignaz von Flüe
                                     

ⓘ Ludwig Ignaz von Flüe

Ludwig Ignaz von Flüe, o anche Ludwig von Flüe, è stato un militare svizzero, ricordato con il titolo onorario di Ludwig von Flüe le Bastillien, quando la monarchia borbonica fu restaurata dopo il 1815, per il ruolo importante avuto nella difesa della Bastiglia.

                                     

1.1. Biografia La famiglia

Ludwig Ignaz von Flüe nacque a Sachseln, nel Canton Obvaldo, il 10 marzo 1752. Era uno dei tre figli di Johann Wolfgang von Flüe 1691-1754, ex capitano al servizio della Francia nel reggimento svizzero di Salis-Samade, e della sua terza moglie, Marie Barbara Blättler † 1762. Apparteneva a una famiglia di illustri politici e ufficiali elvetici in servizio allestero, e cinque dei suoi fratelli lo avevano preceduto come soldati sotto le bandiere di Luigi XV. Aveva anche quindici fratellastri maggiori, tra cui i landamani Benedikt Niklaus 1726-1772 e Johann Nikodem von Flüe 1734-1823. Era un discendente diretto di Nicola di Flüe. Il 21 gennaio 1793, si sposò a Rouen con Catherine-Sophie Boulanger 1768-1817 ed ebbe diversi figli, che morirono nellinfanzia.

                                     

1.2. Biografia Carriera militare

Nel 1766, alletà di 14 anni, divenne sottotenente nella compagnia di famiglia in Francia. Nel 1779, divenne tenente. Nel dicembre 1788, fu tenente dei granatieri e, il 1º giugno 1789, ricevette il certificato di aiutante-capitano del barone von Bachmann, comandante del reggimento svizzero di Salis-Samade, pur mantenendo le funzioni di tenente, ma senza mostrare veramente gioia e motivazione. Da risoluto ufficiale di merito, vero e proprio difensore dellautorità reale per tutta la vita, conosceva solo il dovere militare, di cui era come uno schiavo dell ancien régime. Per un soldato in carriera e straniero, gli assedianti erano solo nemici e sarebbe stato un disonore capitolare senza combattere.

Il 14 luglio 1789, partecipò alla difesa della Bastiglia come capitano-luogotenente di un distaccamento di 32 guardie svizzere, i militari più affidabili e fedeli di Luigi XVI, inviato dal barone de Besenval il 7 luglio come rinforzo agli 82 Invalidi della guarnigione, sotto il comando del marchese de Launay. Il governatore diede lordine di sparare e la truppa svizzera causò un centinaio di morti tra gli aggressori. Quando la stessa guarnigione supplicò il governatore di arrendersi, si oppose e, su ordine de Launay, attraverso un buco della porta, consegnò agli insorti un messaggio, in cui il governatore minacciava di far saltare in aria la fortezza con tutto il quartiere circostante se non avessero capitolato. Dopo che la folla respinse le richieste, tornò al suo posto, aspettandosi di sentire una detonazione fatale in qualsiasi momento, ma vide invece che il grande ponte levatoio si abbassava, poiché gli Invalidi avevano impedito con la forza al governatore di dare fuoco alla polveriera e aperto da soli le porte ai ribelli. Condotto al municipio dopo la caduta della fortezza, riuscì per miracolo a sfuggire alla morte, protetto dai suoi soldati e da qualche assediante. Il 2 settembre, stilò alla famiglia in Svizzera un rapporto dettagliato in tedesco sullassedio, in cui spiegò come riuscì a salvarsi.

Non ottenne il comando di una compagnia fino al 25 maggio 1791. Era stato nominato cavaliere di San Luigi il 10 aprile precedente. Nel 1792, a seguito della dissoluzione dei reggimenti svizzeri, fu destituito. Rimase con il suo reggimento fino allesecuzione di Luigi XVI, nel 1793. Fino al 1799, fu un glorioso capitano di guardia al servizio degli inglesi. Dopo la caduta di Napoleone, il 22 luglio 1816, sotto Luigi XVIII, fu di nuovo capitano della guardia reale svizzera al servizio della Francia e cavaliere dellordine di San Luigi.

                                     

1.3. Biografia La morte

Nel 1816, tornò a Sachseln per promuovere il reggimento della guardia, ma nella primavera dellanno successivo si ammalò e morì nel castello in cui era venuto al mondo il 1º aprile 1817, alletà di 65 anni, appena sette giorni dopo la moglie a Rouen. Fu sepolto nel cimitero di Sachseln, accanto alla cappella di Santa Maria, ma purtroppo la sua tomba non è più disegnata.

                                     

2. Nella cultura di massa

Cinema

  • La rivoluzione francese 1989, interpretato da Philippe Chemin.

Manga e anime

  • Ludwig von Flüe compare nella serie manga Lady Oscar, creata da Riyoko Ikeda, e nella serie anime Il Tulipano Nero - La Stella della Senna.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...