Indietro

ⓘ Rajpipla (stato)




Rajpipla (stato)
                                     

ⓘ Rajpipla (stato)

Lo stato principesco era situato in gran parte tra due fiumi importanti dellIndia occidentale, il Narmada ed il Tapti, con il corso del fiume Satpura a sud. Larea, di circa 4000 km2, disponeva al suo interno di 1550 km2 di foreste, mentre il resto del territorio era composto da fertili pianure e da vallate di fiumi. Per questi motivi nei secoli lo stato di Rajpipla crebbe come uno dei più prosperi stati del Gujarat, secondo solo a Vadodara. Divenne particolarmente famoso per le miniere dagata.

                                     

1. Storia

Chokrana, un principe della casata dei Parmar della dinastia dei Rajput, originariamente proveniente dalla famiglia regnante di Ujjain nel Malwa attuale parte occidentale dello stato di Madhya Pradesh, fu dallinizio del XIV secolo sovrano del principato di Rajpipla, ponendo la capitale a Juna Raj o a Old Rajpipla, molto allinterno della foresta che ancora oggi contraddistingue larea. Sua figlia sposò il leggendario Mokhdaji, capo guerriero dei Gohil Rajput a Gohilwar, Saurashtra. Chokrana Parmar, che non ebbe eredi maschi, adottò su nipote Samarsinhji, figlio minore di Mokhdaji Gohil. Mokhdaji aveva già avuto una prima moglie, Sarviya, principessa di Hathasani, ed il loro figlio Dungarsinhji ebbe il diritto di succedere al padre come capo di Ghoga, parte del quale divenne poi parte dello stato principesco di Bhavnagar.

Samarsinhji succedette al gadi trono di Rajpipla a metà del XIV secolo, assumendo il nome di Arjunsinhji. Da allora in poi, il Rajpipla venne governato dalla dinastia di Gohil dei Rajput. La Kul Devi divinità di famiglia della famiglia reale di Rajpipla era Shri Harsiddhi Mataji, il cui tempio originario era posto a Ujjain. Si diceva che Maharana Verisalji di Rajpipla avesse costruito un tempio a Harsiddhi Mataji a Rajpipla nel XVIII secolo.

Ad ogni modo non fu facile per i Gohil mantenere il governo sul loro stato. Dovettero infatti fronteggiare diverse invasioni da parte dei sultani di Ahmedabad, degli Imperatori moghul e poi dei Maratha, perdendo persino il principato per brevi periodi, ogni volta ritornando al potere con laiuto di altre tribù in particolare i Bhil e con strategie di guerriglia. Nel 1730, con lindebolimento dellImpero moghul, il XXVI regnante Gohil di Rajpipla, Maharana Verisalji I iniziò a non pagare più il proprio tributo ai Moghul e suo figlio Maharana Jeetsinhji spostò la capitale a Nandod o nel villaggio di New Rajpipla, nelle pianure presso le rive del fiume Karjan, tributario del Narmada.

Quando i Maratha intensificarono il loro potere nel XVIII secolo, i Gaekwar dello Stato di Baroda richiesero dei tributi a Rajpipla. Queste azioni si verificarono quasi nel contempo con linizio dellarrivo degli Inglesi nel territorio indiano e con lascesa del XXXIII regnante della dinastia Gohil, Maharana Verisalji II di Rajpipla. Nel corso dei Moti del 1857, Rajpipla sotto Verisalji II si ribellò agli Iinglesi e per diversi mesi lo Stato si trovò occupato dalle forze britanniche. Non stupì, dopo la fine delle agitazioni, che gli Inglesi costringessero Verisalji II ad abdicare in favore di suo figlio, il Maharana Gambhirsinhji, nel 1860.

Il periodo doro per Rajpipla nellera moderna iniziò con il figlio di Maharana Gambhirsinhji, Maharana Chhatrasinhji, il XXXV regnante Gohil di Rajpipla ascese al gadi trono nel 1897. Rajpipla assistette ad un rapido progresso in metà del secolo. Maharana Chhatrasinhji ottenne delle onorificenze inglesi primo tra tutti lOrdine dellImpero indiano come risultato per la sua efficiente amministrazione. Tra le sue opere più significative si segnalano certamente 90 km di ferrovia per connettere Rajpipla ad Ankleshwar e per connettere questa tratta alla linea principale Delhi-Ahmedabad-Bombay, iniziata nei primi anni del suo regno e terminata attorno al 1902. Maharana Chhatrasinhji fu uno dei pionieri delluso dei motori in India, acquistando personalmente delle automobili ad uso personale come una Wolseley 6 hp 1903-04, una Armstrong Siddeley 15 hp 1906 ed una Clement Bayard 16 hp.

Suo figlio, il maharana Vijaysinhji Chhatrasinhji, che ascese al gadi nel 1915, fu tra i principali riformatori dellepoca del proprio Stato e dellIndia, continuando e ampliando lopera di suo padre. Fu particolarmente vicino al mondo europeo ed alla corona inglese, ma fu tra i primi negli anni 40 a promuovere inaspettatamente dei movimenti nazionalisti e tra i primi ad aderire allUnione Indiana di cui il suo stato entrò a far parte nel 1948. Larea dellex principato di Rajpipla forma oggi il Distretto di Narmada nel Gujarat, mentre alcune parti sono passate ai distretti di Vadodara e di Bharuch.

                                     

2. Governanti

I governanti di Rajpipla portarono il titolo di Maharana sino al 1921.

  • 1884 - 10 gennaio 1897 Amministratori britannici
  • - Edward Vincent Stace 1885-1886 n. 1841 - m. 1903
  • 1715 - 1730 Jitsinhji m. 1730
  • 10 maggio 1810 - 9 agosto 1821 Naharsinhji s.a.
  • 1754 6 mesi Dalilsinhji usurpatore
  • 1730 - 1754 Gomalsinghji Jitsinhji m. 1754
  • 16. – 1705 Chatrasalji m. 1705
  • - Francis William Snell agosto 1895 - novembre 1897
  • 1793 – 15 gennaio 1803 Naharsinhji reggente n. c.1780 - m. 18.
  • - Willoughby Pitcairn Kennedy n. 18. - m. 1928 ottobre 1894 - luglio 1895
  • - Alexander Shewan novembre 1887 - 1894
  • 17 novembre 1860 - 10 gennaio 1897 Gambhirsinhji Verisalji n. 1847 - m. 1897
  • 1764 - 1786 Raisinhji m. 1786
  • 1786 - 15 gennaio 1803 Ajabsinhji n. 1750 - m. 1803
  • 9 agosto 1821 – 17 novembre 1860 Verisalji II n. 1808 - m. 1868
  • - William Arthur Salmon luglio 1884 - 1885
  • 1754 - 1764 Pratapsinhji m. 1764
  • - Alexander Francis Maconochie n. 1862 - m. 1934 1886-1887
  • 15 gennaio 1803 - 10 maggio 1810 Ramsinhji m. 1810
  • 1705 – 1715 Mota Verisalji I m. 1715
  • 10 gennaio 1897 - 26 settembre 1915 Chhatrasinhji Gambhirsinhji n. 1862 - m. 1915 dal 12 dicembre 1911, Sir Chhatrasinhji Gambhirsinhji
  • 26 settembre 1915 – 1º gennaio 1921 Vijaysinhji Chhatrasinhji n. 1890 - m. 1951
  • 1º gennaio 1921 - 15 agosto 1947 Maharaja Vijaysinhji Chhatrasinhji s.a. dal 1º gennaio 1925, Sir Vijaysinhji Chhatrasinhji